Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
9^tappa: Saint-Girons - Bagnères-de-Bigorre
#1
Domenica 7 Luglio 2013

9aTappa
Saint-Girons - Bagnères-de-Bigorre
(165,0 km)



Presentazione

Cinque colli, va bene, ma a questa nona frazione mancano una cinquantina di chilometri per poter essere pienamente definita tappone pirenaico. 168 in totale non sono tantissimi; 30 dall'ultima vetta al traguardo invece forse sì, anche se è già da salutare con soddisfazione il fatto che non si arrivi a Pau... 23 km di falsopiano, i primi, annunciano le tante fatiche di giornata. Si parte dal Portet d'Aspet, dal versante più facile, quello di Saint-Lary: 6 km di scalata, ma solo gli ultimi 2.5 (prossimi al 10%) veramente tosti. I 4 km di discesa fino a Pont de l'Oule sono molto ripidi (tra l'8 e il 12%) anche se non complicatissimi. Giunti a valle, 3 km di piano, una rampa di 1 km al 10%, discesina e quindi attacco al Col de Menté, seconda scalata di giornata: 7 km al 7.7%, seguiti da 10 km di picchiata niente male: soprattutto i primi 3, per pendenza (tra il 7 e il 9%) e strada (i tornanti si susseguono), sono mozzafiato. A Saint-Béat, km 54, possiamo dire che si concluda la prima parte della tappa, con quasi 20 km di pianura fino allo sprint intermedio di Bagnères-de-Luchon. Dalla famosa località (più volte sede di tappa del Tour) si approccia il Peyresourde, terza scalata di giornata nonché la più lunga coi suoi 13 km di salita. La pendenza media è del 7%, e dal settimo chilometro alla vetta l'ascesa è regolare sul 7-8%. Proprio qui (la vetta è a quasi 80 km dal traguardo) potrebbe - o dovrebbe - partire un attacco kamikaze, ma ci saranno kamikaze in gruppo? Dal Gpm 8 km di discesa (non tremenda) verso Armenteule, un giro intorno al Lac de Génos e l'approccio al Col de Val Louron, quarto di giornata: salita di 7 km in cui i tornanti si susseguono su pendenze molto ostiche soprattutto nella prima metà, dove si danza intorno al 10% (la pendenza media della scalata è dell'8.3%). In vetta siamo a poco meno di 60 km dal traguardo, gli 11 km di discesa verso Saint-Lary-Soulan presentano qualche tornante dalle parti di Azet (a metà picchiata) ma le pendenze non sono esagerate. 8 km di fondovalle fino a Guchet anticipano l'ultima ascesa di giornata, quella alla Hourquette d'Ancizan, 10 km al 7.7%: più duri i primi 4 (tra l'8 e il 10%), poi le pendenze si fanno appena più dolci presentando anche diversi tratti di respiro. A questo punto però si spera che i corridori che hanno necessità di attaccare non abbiano aspettato il finale di questa salita, anche perché - come accennato sopra - non mancano le possibilità di recupero da parte degli inseguitori, lungo i 30 km che separano il Gpm da Bagnères-de-Bigorre: una discesa lunghissima ma soprattutto pedalabile oltre ogni misura, visto che solo nei primi 8 km presenta qualche momento di difficoltà, per poi spianare in maniera becera. Ecco il senso del discorso del kamikaze affrontato prima: se non si attacca sul Peyresourde (o almeno sul Val Louron) difficilmente si farà qualche differenza.

(cicloweb.it)



Planimetria



Altimetria



Risultati
Cronaca - Ordine d'Arrivo - Le classifiche dopo la tappa

Foto
Galleria di immagini


Highlights




Dichiarazioni
Le dichiarazioni del dopogara
 
Rispondi
#2
Attacco di Quintana sull'ultima salita, raggiunge il fuggitivo di giornata (Schar) quasi in cima, in discesa alza il distacco e arriva da solo con Pancani che urla "NAIRO SEI GRANDE". Per il secondo posto si avvantaggia dal gruppo Ten Dam che anticipa il gruppo di qualche secondo, con circa 1'20" di distacco... Sisi

Dejavu...
 
Rispondi
#3
A questo punto lo scenario più probabile è che Froome scatti sul Peyresourde e arrivi con 10 minuti di vantaggio sul gruppo. :D
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Hiko
#4
potrebbe essere una tappa per il rientro di qualcuno in classifica, tipo Rodriguez, o Evans, anche contador se magari sta bene può fare qualcosa, o magari la Movistar punta tutto su Quintana domani e se va male perchè la Sky gli va dietro parte in seconda battuta con Valverde, occhio soprattutto a chi mettono nelle fughe le varie squadre
 
Rispondi
#5
Penso che sarà una tappa interessante solo per la lotta per la maglia a pois. I vari Rolland, Anton e Voeckler proveranno qualcosa, mentre i migliori faranno corsa "tranquilla"....
 
Rispondi
#6
Per me domani attacca Contador, la sconfitta di oggi gli brucerà parecchio...

Tra l'altro sul Peyresourde Contador qualche anno fa andava su come una moto...

Comunque di sicuro ci sarà tanta selezione e speriamo vinca Nairo...
 
Rispondi
#7
Sarà una tappa Interessantissima
 
Rispondi
#8
più che Anton penso punti alla maglia a pois Nieve, oggi lui ha preso i punti sul GPM dopo Quintana e Rolland e nelal salita finale è passato prima di Anton, però c'è da dire che sono ancora a 3' di ritardo e quindi difficile che ci provino da troppo lontano. Domani potrebbe partire su qualche salita Pinot se sta bene per recuperare, anche se con tutta quelal discesa poi perderà tutto il vantaggio che prende
 
Rispondi
#9
questa mi ricorda sinistramente la tappa dell'Alpe di Rolland come situazione

sul Peyresourde non mi stupisco se Contador accende una super miccia... tanto arrivare 6° 8° o 40° non gli cambia la carriera
sogno che ci provi
 
Rispondi
#10
Ci proverà di sicuro a meno che stia proprio male, ma non credo domani.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)