Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Accuse a Contador: "Dopato dal 2005"
#1
Accuse a Contador "Dopato dal 2005"

ROMA - Alberto Contador si dopava già ai tempi del Tour 2005. E con l'aiuto e i suggerimenti del famigerato dottor Fuentes, il ginecologo al centro della maxi indagine antidoping della Guardia Civil spagnola denominata 'Operacion Puerto'. Questo riferiscono alcuni siti spagnoli ed altri specializzati in ciclismo riportando la testimonianza di un ex impiegato della Liberty Seguros la squadra di Manolo Saiz (il manager indagato nell'inchiesta spagnola e per un certo tempo perfino agli arresti) di cui Contador ha fatto parte dal 2003 al 2006. Si tratta di un massaggiatore che ha dichiarato alla Wada, l'agenzia mondiale antidoping, di aver visto con i propri occhi il corridore iniettarsi l'insulina (prodotto vietato) nel corso del procedimento che ha poi portato alla squalifica dello scalatore di Pinto per la positività al clenbuterolo al Tour del 2011.

Il teste, si è recato in Svizzera per deporre di persona, chiedendo l'anonimato perché ha sostenuto di temere per la propria vita, ed ha raccontato di aver visto Contador doparsi. L'insulina è una sostanza usatissima negli sport di resistenza perché, fra le altre cose, ha una energica azione anabolizzante, ottimizza il rapporto massa magra-grasso e aumenta la possibilità di incamerare più glicogeno, il "carburante" dei muscoli. Difficile anche da individuare ai test di controllo. "Eufemiano Fientes - spiega il testimone - era di fatto il medico della Liberty Seguros e l'insulina era parte del trattamento che veniva fatto a tutti gli atleti". Gli avvocati dello spagnolo, però, sono riusciti a evitare che questa pesante testimonianza entrasse nel processo del clenbuterolo, dove avrebbe aggravato le conseguenze per il corridore madrileno. "L'accusato (Contador, n. d. r) - avevano spiegato - è già stato oggetto di un'indagine nell'agosto del 2006 da parte del tribunale e dell'Unione ciclistica internazionale che lo aveva discolpato da qualsiasi accusa". Resta comunque l'ombra lunga di questa accusa a fronte delle ripetute dichiarazioni di limpidezza fatte nel corso della vicenda dallo stesso corridore.

da: repubblica.it
 
Rispondi
#2
Se tutte le accuse fossero sinonimo di condanne, ci troveremo a commentare un Ciclismo fatto solo di biciclette telecomandate senza alcun umano sopra. Queste testimonianze fatte solo sull'aver visto, per me non valgono niente...

(25-04-2012, 11:26 PM)Andy Schleck Ha scritto: da: repubblica.it

Ciao repubblica.it, certo che sei proprio distratta. Ti sei persa la vittoria di Gasparotto all'Amstel, e la grande Liegi di Nibali. Distrazione vero ?!
 
Rispondi
#3
Bha, son tutte cose che non lasciano una bella immagine di Contador. E il bello è che dopo le diecimila coincidenze dell'OP, tutte queste talpe e le diecimila coincidenze del clenbuterolo non è mai stato beccato. Insomma... non c'è la certezza che si sia mai dopato ma il mondo lo riconosce come tale
 
Rispondi
#4
Ma per favore Manuel, ancora che gli commenti.........
 
Rispondi
#5
Ma scusa che ho fatto io? Ho riportato un articolo e detto la mia opinione generale... non volevo accusare nessuno di nulla..
 
Rispondi
#6
Quel che è certo è che ai tempi dell'OP Contador correva con la Liberty Seguros, ed è difficile credere che non sapesse nulla di Fuentes e tutto ciò che gli ruotava intorno. Non dico che abbia fatto le trasfusioni nel 2005-2006, ma che forse anche lui sapeva qualcosa in più sulla faccenda...

In ogni caso, caro il mio Max (è così che ti chiami, a quanto ho capito), non sparare a zero su Contador, perché anche il tuo Frank Schleck fu beccato con le mani nel sacco... Occhiolino Vicenda che poi si concluse con un nulla di fatto, ma mi puzza ancora parecchio il fatto che il buon Frankino abbia versato una somma ingente di denaro sul CC del "dottor" Fuentes solo per avere "delle consulenze". Soprattutto considerato il fatto che in quel periodo il suddetto "dottor" Fuentes aveva fra i suoi clienti tal "Birillo" e "Amigo de Birillo"... (quest'ultimo non si seppe mai chi fosse)
 
Rispondi
#7
Poteva essere lo stesso Andy schleck visto che era già sotto contratto con la CSC del immacolato Bjarne Riis
 
Rispondi
#8
(26-04-2012, 08:40 AM)Joe Falchetto Ha scritto: Quel che è certo è che ai tempi dell'OP Contador correva con la Liberty Seguros, ed è difficile credere che non sapesse nulla di Fuentes e tutto ciò che gli ruotava intorno. Non dico che abbia fatto le trasfusioni nel 2005-2006, ma che forse anche lui sapeva qualcosa in più sulla faccenda...

In ogni caso, caro il mio Max (è così che ti chiami, a quanto ho capito), non sparare a zero su Contador, perché anche il tuo Frank Schleck fu beccato con le mani nel sacco... Occhiolino Vicenda che poi si concluse con un nulla di fatto, ma mi puzza ancora parecchio il fatto che il buon Frankino abbia versato una somma ingente di denaro sul CC del "dottor" Fuentes solo per avere "delle consulenze". Soprattutto considerato il fatto che in quel periodo il suddetto "dottor" Fuentes aveva fra i suoi clienti tal "Birillo" e "Amigo de Birillo"... (quest'ultimo non si seppe mai chi fosse)

Sinceramente non mi sembra di aver detto qualcosa di brutto a Contador in questo post. sulla faccenda Schleck ti dico che prima di tutto Frank mi sta antipatico, poi aveva avuto anche una storia non troppo chiara l anno scorso in una cronometro.. Bho io non vedrei gli Schleck come una persona sola, almeno in questo caso Asd . a Andy in sette anni di professionismo non è mai accaduto nulla di simile :) poi voglio dire, una coincidenza può accadere e fa solo puzzare di fumo un freschissimo arrosto, mentre nel caso di Contador è bruciato tantissimo ma non si scoprirà verosimilmente mai se all'interno è rimasto buono Occhiolino
terrei però a ribadire che, almeno in questo post, non era mia intenzione accusare lo spagnolo, avendo solamente riportato l'articolo e detto che viene riconosciuto dal mondo come dopato anche se non c'è la certezza assoluta che lo sia mai stato ( non è forse così? :) )
(26-04-2012, 10:04 AM)terateo Ha scritto: Poteva essere lo stesso Andy schleck visto che era già sotto contratto con la CSC del immacolato Bjarne Riis

No. Tutti ma non Andy. Occhiolino
 
Rispondi
#9
(26-04-2012, 10:04 AM)terateo Ha scritto: Poteva essere lo stesso Andy schleck visto che era già sotto contratto con la CSC del immacolato Bjarne Riis

dubito fosse Andy, che all'epoca dei fatti aveva si e no 12 anni... :P

Da quel che ricordo circolavano con insistenza i nomi di Giovanni Lombardi e Carlos Sastre (entrambi fidati gregari di Basso alla CSC), ma rimasero delle ipotesi... Boh

Comunque non ci sono più parole per commentare i giornali italiani: sempre in prima fila a caccia dello scoop sugli scandali doping, mai una riga sulle corse vere, sul VERO ciclismo. Primi fra tutti quelli della gazzetta, che dovrebbero essere i più interessati a pubblicizzare il ciclismo e invece... Nene
 
Rispondi
#10
l'anno successivo a 13 arrivò secondo al giro dietro a San Di Luca quindi qua si potrebbe parlare di doping giovanile
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)