Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Alessandro Petacchi
#1
La scheda dell'ex corridore italiano Alessandro Petacchi: la biografia della sua carriera, le squadre di cui ha fatto parte; il suo palmares completo, con tutte le vittorie ed i piazzamenti ottenuti fino ad oggi; i suoi riferimenti ufficiali sul web, a partire dal sito internet per finire con i contatti twitter e facebook. Per finire, foto, video ed ultime notizie della sua attività attuale.

Alessandro Petacchi


Petacchi

Nome completoAlessandro Petacchi
SoprannomeAlejet
Data di nascita3 gennaio 1974
Luogo di nascitaLa Spezia (Italia)
Altezza e Peso184 cm x 73 kg
CaratteristicheVelocista
Professionista dal/al1996/2015

Squadra-
Stipendio- €
Scadenza contratto-




Hanno partecipato alla realizzazione di questa scheda: SarriTheBest
 
Rispondi
#2
Chiamato in causa dal ct che ha sostituito il povero Franco Ballerini, ecco il commento di Alessandro Petacchi: «Mi ha fatto molto piacere, anche perché parlando con altri corridori che conoscevano la zona avevo già intuito che il Mondiale 2011 potesse adattarsi alle mie caratteristiche. Ringrazio Bettini per la fiducia e cercherò in tutti i modi di non deluderlo e di presentarmi all’appunta mento nel migliore dei modi».

Ha già stilato un programma?
«Ne stiamo parlando con Saronni e i responsabili della Lampre: sicuramente disputerò la Vuelta, magari senza finirla. E prima anche il Tour, che mi stuzzica sempre molto ».

Ciò significa che non parteciperà a un Giro d’Italia davvero durissimo per un uomo veloce come lei?
«No, tutt’altro. Vorrei presentarmi al via delle tre le grandi corse a tappe, ma non è detto che debba finirle tutte».

Alessandro, scusi: e la sua inchiesta doping?
«Ne so meno di lei. Non ho più sentito nessuno, i tempi si stanno allungando troppo, ma voglio restare sereno perchè sono a posto con la mia coscienza».

ciclismoweb.net
 
Rispondi
#3
 
Rispondi
#4
Sfortuna Petacchi: dovra star fermo altri 10 giorni
Non ci sono buone notizie riguardanti le condizioni di salute di Petacchi, il quale sarà costretto, al contrario di quanto si sperava, a rinunciare a raggiungere la squadra in Medio Oriente in vista del Tour de Qatar.
Il Dottor Carlo Guardascione, responsabile medico del Team Lampre-ISD, ha così illustrato i dettagli degli esami ai quali si è sottoposto stamattina il corridore presso l'Ospedale di Lucca: "Petacchi è stato visitato dal Professor Guido Roggi, stimato pneumologo dell'Ospedale di Lucca, il quale ha diagnosticato un asma bronchiale grave che richiederà terapie adeguate, associate a un assoluto riposo di almeno dieci giorni. Al momento non è possibile stabilire un termine per il rientro alle corse".

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#5
Laigueglia, il ritorno di Petacchi
Il Trofeo Laigueglia che scatterà tra poche ore, segnerà il suo ritorno alle gare dopo un brutta influenza virale che lo ha tenuto lontano dal Giro di Reggio Calabria e dalle corse nel deserto dell'Oman. Con grinta e determinazione, però Alessandro Petacchi ha ripreso gli allenamenti. “Sto meglio anche se non sono ancora al top. Sono già entusiasta di aver potuto allenarmi e di respirare l’aria della gara.”

IL CAMMINO FINO ALLA SAN REMO - Obiettivo primario per il velocista della Lampre-ISD sarà quello di ritrovare la condizione: dopo un ritiro in California nel mese di dicembre, l’ultima maglia verde del Tour de France, sentiva di avere una buona gamba ed invece, ora, si ritrova a dover ripartire da zero, anche se c’è ancora tempo per essere al top in vista del suo primo obiettivo del 2011, la Milano - San Remo. “L’importante è che c’è tempo per recuperare però non ci deve essere nessun altro intoppo. Sono stato malissimo. Ho dovuto seguire una cura pesante. Adesso via al Laigueglia, al Giro di Sardegna e poi una serie di allenamenti mirati. Credo che questo programma mi consentirà di trovare il ritmo, poi cercherò di affinare la condizione alla Tirreno-Adriatico. Adesso non posso dire se sarò competitivo. Spero in ogni caso di arrivare al meglio. Solo correndo, potrò trovare il ritmo giusto.”
Queste gare e allenamenti serviranno anche a oliare i meccanismi per le volate di Petacchi. “Quest’anno, la squadra è cambiata molto, però rimaniamo competitivi anche se ho il rammarico di aver visto andare via gente come Lorenzetto o Da Dalto." Ma il tedesco Danilo Hondo è rimasto. “Lui è fondamentale. Abbiamo la stessa età. Ci capiamo. Lui sa fare il suo mestiere alla grande. In gara, lo seguo come un’ombra e con lui, è difficile sbagliare."

OBIETTIVO MONDIALI - Dopo le classiche e gli appuntamenti con i Grandi Giri, il finale di stagione di AleJet sarà concentrato sui Mondiali: un percorso adatto al miglior Alessandro Petacchi, quello di Copenhagen. “Ho partecipato al Criterium di Curacao dove ho parlato con Jakob Fuglsang. Il danese mi ha spiegato che il percorso non è difficile. Un pensiero ce l’ho già fatto. Però in molti si sono dimenticati che correremo a fine settembre e rischiamo di trovare il cattivo tempo. Poi c'è Hushovd che vuole centrare il bis, il percorso è adatto anche a lui e non ci scordiamo di tutti gli altri."

GIOVANI LEVE - L'Italia delle volate, però, sembra essere partita forte quest'anno con le vittorie di giovani interessanti come Elia Viviani ed Andrea Guardini "Viviani e Guardini sono corridori promettenti perché non è mai facile di vincere. Credo che per loro sarà importante continuare su questa strada ma soprattutto dimostrarsi competitivi anche contro avversari di un altro calibro rispetto a quelli incontrati fino ad oggi."

Jérome Christiaens - ciclismoweb.net
 
Rispondi
#6
Per il mondiale Petacchi potrebbe lasciare l'Italia
Correre contro l’Italia al Mondiale? Ci sto pensando» . La clamorosa provocazione è di Alessandro Petacchi. Oggi il 37enne velocista spezzino della Lampre-Isd parte per il Tour de France: la speranza è ripetere (o almeno avvicinare) l’exploit dello scorso anno, quando vinse due tappe e la maglia verde della classifica a punti. Ma a tenere
banco — inevitabilmente— è anche (e ancora) la decisione della Federciclo di vietare la maglia azzurra a chiunque in carriera abbia avuto una squalifica di più di 6 mesi per faccende di doping. Significa che a Petacchi (sanzionato con un anno per il salbutamolo al Giro d’Italia 2007) viene preclusa la possibilità di partecipare al Mondiale di Copenaghen, sulla carta molto adatto alle sue caratteristiche.

Petacchi, è evidente che quella decisione non le è andata giù. La ritiene ingiusta?
«Mi dispiace, sono amareggiato. Non so se è legalmente possibile prendere una decisione e renderla retroattiva, se l’hanno fatto evidentemente si può... E ci finiscono dentro, come in un calderone, casi molti diversi tra loro. So che non posso farci niente, e che devo accettarla».

Ma pensa che sia realistica l’ipotesi di correre il Mondiale per un’altra nazione, prendendo un nuovo passaporto?
«E’ un’ipotesi che sto prendendo in considerazione, non lo nascondo (si sta guardando a Paesi dell’est europeo: una possibilità sarebbe il Kazakistan, ndr). Non so se sarà possibile, non mi sono informato io direttamente. Ma ci sono delle persone che stanno seguendo per me la questione» .

Con che stato d’animo parte per il Tour de France?
«Onestamente, non penso di avere la condizione dello scorso anno. Al Giro ho vinto a Parma e mi sono ritirato a Ravenna, a giugno ho corso solo tre giorni (in Slovenia, ndr), sono stato sull’Etna ad allenarmi ma credo che mi servirà qualche tappa per ingranare» .

Fino all’anno scorso, non aveva però un bellissimo rapporto con la corsa
francese, vero?
«Sì. Nel 2003 vinsi 4 tappe ma ero stanco morto e mi ritirai, nel 2004 ero stato costretto a lasciare per una caduta. Non ero più tornato. Alla partenza dell’anno scorso, alla maglia verde non pensavo assolutamente, speravo di vincere una tappa. Quest’anno voglio viverla allo stesso modo, alla giornata» .

Ha studiato il percorso?
«No. So che la prima tappa finisce su uno strappo. Forse la prima volata ci sarà il terzo giorno» . E del nuovo regolamento per la maglia verde che cosa ne pensa? «Il fatto che ora ci sia un solo sprint intermedio che dà molti punti (20 al primo, contro i 45 che vanno a chi vince una tappa "piatta", ndr) favorirà un uomo come Hushovd, che sa andare in fuga su percorsi duri» .

Che cosa si aspetta dalle volate in
Francia? «Non sarà facile contrastare squadre come l’Htc, che lavoreranno quasi a pieno organico per Cavendish o Goss. Io avrò Hondo, forse Malori, che però è molto giovane, e Bole. Ma io ho ancora tanta voglia di combattere. E di vincere. Non abbiate il minimo dubbio su questo» .

da «La Gazzetta dello Sport» del 29 giugno a firma Ciro Scognamiglio
 
Rispondi
#7
credo che faccia la miglior cosa, alla fine è l'Italia che ci va peggio, quindi, appoggio la sua decisione...
 
Rispondi
#8
Sono d'accordo, è l'Italia che ci rimette, infatti era l'unico corridore italiano in grado di vincereTriste
 
Rispondi
#9
Mi sta su parecchio Petacchi, ma in questa decisione lo appoggio alla grande Sisi
 
Rispondi
#10
in questo tour de france petacchi può fare risultato pieno in 3 tappe essendo un velocista che tiene in salita, subito sabato, poi nella quinta tappa dove vedendo l'altimetria ci sono due rampette nel finale e anche la tappa di lisieaux dove c'è uno strappo al 10% a 1,5km dalla fine
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)