Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Alexander Vlasov
#1
Vlasov sta andando oltre le mie più rosee previsioni.

Esordio stagionale al Provenza tappa e secondo posto finale.

Seconda gara stagionale, Route de l'Occitanie, arriva vicinissimo a Bernal in salita. E verosimilmente chiuderà anche questa sul podio.

Non ha il talento del compagno Miguel Angel Lopez....ma Miguel Angel Lopez non ha nemmeno minimamente la testa di Vlasov.

Gran lavoratore, la solidità fatta corridore....se continua così rischia di fare le scarpe a Superman.

Speriamo di vederlo al Giro.
 
Rispondi
#2
Ogni volta che ha attaccato, in questa Vuelta, è rimbalzato.

Le lacune a crono, per un corridore come lui, che non è certo un grimpeur puro, sono gravi.

Gran regolarista, ma la vedo duretta, per lui, vincere un GT.
 
Rispondi
#3
In questa vuelta è riuscito a non entrare in top-+0
 
Rispondi
#4
Primo GT che prepara meticolosamente e fa classifica. Come lo giudicate?
(Non considero la Vuelta perchè aveva preparato il Giro ma poi un virus intestinale pesantissimo l'ha costretto a virare sulla Vuelta saltando però molti giorni di allenamento).

Il risultato finale sulla carta è buono, quarto posto, però...

- Arriva a 2 minuti e mezzo da uno Yates mediocre e dà solo 40 secondi ad un Martinez gregario.

- Malino ad Ascoli, malissimo sullo Zoncolan, malissimo a Sega di Ala

Non mi ha fatto una grande impressione a dire il vero, ovviamente può sempre migliorare ma non so se sarà mai un contendente per i GT
 
Rispondi
#5
Non mi aspettavo uno in grado di fare una grande differenza rispetto agli altri, ma uno con una solidità tale da garantirgli il podio vista la startlist e i vari ritiri che ci sono stati. 
Personalmente sono un po’ deluso.
 
Rispondi
#6
Giro non esaltante, in linea con il corridore che a parte alcune giornate perfette raramente fa la prestazione da applausi. Le molteplici crisi hanno rovinato il risultato finale con un ritardo maggiore del previsto, c'è ancora molto da lavorare ma probabilmente diventerà un grande medioman
 
Rispondi
#7
Io nelle delusioni/sorprese avevo pronosticato una bassa top10 senza mai farsi vedere. Il giro anonimo lo ha fatto, mai tra i 3 più forti in una tappa, sempre ad arrancare; la bassa top10 nella generale no, perché ha raccolto un buon quarto posto, principalmente però perché molti avversari si sono ritirati, hanno avuto momenti no che ne hanno compromesso il risultato (Almeida), oppure erano gregari (Martinez).
Con la tappa di Cortina completa inoltre per me andava sicuramente fuori dai 5.

Nel complesso si è dimostrato quello che è, un piazzato, e secondo me avrà anche pochi margini di miglioramento in futuro, sperando inoltre non voglia dimagrire ulteriormente, come ha fatto in maniera un po' preoccupante negli ultimi 2 anni.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di cigolains
#8
Lui e Carthy decisamente deludenti, lì solo per defezioni varie. 
Buchmann stava crescendo e, probabilmente, li avrebbe superati. Landa stava visibilmente in forma e ha sempre avuto buon fondo, sicuramente davanti a loro. 
Di Vlasov mi ha colpito anche la difficoltà a leggere le sue sensazioni, metteva al lavoro la squadra, magari scattava, per poi cedere terreno. Appeso da Sestola (altri 100 metri e si staccava) a fine Giro. 
Deludente. 
D'altra parte, il futuro è sempre difficile da ipotizzare. Questo Giro ha proiettato discrete ombre, con una sensazione da comprimario, ma ha 25 anni, vedremo.  
 
Rispondi
#9
promosso ma mi aspettavo meglio. E' comunque alle sue prime esperienze. L'impressione e' che sia ok in tutto ma non eccella in niente, le caratteristiche del piazzato perenne. Mi ricorda Zakarin ma meno brutto da vedere e probabilmente piu' solido. Forse meno attaccante di Zakarin
 
Rispondi
#10
Invece vado controcorrente e questo primo GT da capitano di Alexander mi lascia delle cose positive. Sicuramente ha mostrato anche parecchi limiti, come l'incapacità assoluta di fare la differenza in qualsiasi situazione. Cose che difficilmente gli faranno mai vincere un GT, anche di basso livello.

Però mi è piaciuta del russo la conoscenza da veterano del suoi livello e di quello degli avversari, aspetto non scontato a 25 anni. Capitava a molti in questo Giro di rimbalzare, invece lui si è staccato sempre molto presto (forse troppo in certe tappe), palesemente prima di raggiungere il limite per poi andare sempre in gestione. E penso che questa cosa abbia fruttato contro atleti del suo livello.
Emblematica la tappa valsesiana con arrivo a Mera, dove lui si è staccato presto ma è finito a pari tempo con l'ottimo Caruso, rimontando parecchia gente.

Notevole anche la crescita a crono. In questo Giro non era molto utile perchè di km contro il tempo ce n'erano pochini, ma in pochi tempo è diventato uno dei migliori scalatori in questo fondamentale.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)