Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Attacchi&Contrattacchi: Il mio omaggio a Cadel
#1
Attacchi&Contrattacchi: Il mio omaggio a Cadel
Viene in Italia e onora la nostra corsa come pochi sanno fare

Lo so che c’è Nibali in rosa e un Paese in festa. Lo so e ne sono sinceramente, smodatamente felice. Ci sarà modo di usare il turibolo per Vincenzo, da qui a Brescia (lo spero vivamente e faccio un tifo sfacciato). Oggi, qui, voglio però dedicare un omaggio deferente e ammirato a un grande avversario, al migliore degli avversari, magari non tanto in senso tecnico, sicuramente in senso umano, morale, etico. Parole grosse, ma parole tutte meritate per Cadel Evans.

Non dimentichiamolo: in questi mesi di avvicinamento l’australiano innamorato dell’Italia e dell’italiana (sua moglie) è rimasto sempre nei bassifondi delle considerazioni e dei pronostici. Non so se perché considerato vecchio o semplicemente perché considerato in viaggio di puro turismo. Alla realtà dei fatti, però, scopriamo che non è qui per prenderci in Giro, secondo la vergognosa tradizione di tanti, troppi big stranieri del passato (diamine, ricordo certe parti di Lemond che ancora oggi gridano vendetta, sempre in fondo al gruppo, appena prima del furgone Scopa, mezz’ora di ritardo tutti i giorni).

Cadel è partito male, nella cronosquadre di Ischia. Ma già all’indomani ha cominciato la sua indefessa e capillare opera di rincorsa, correndo sempre tra i primi, buttandosi sempre nelle volate per gli abbuoni, fino alla grande cronometro di Saltara.
In silenzio, con garbo, senza isterismi e senza proclami, ce lo ritroviamo improvvisamente a pochi secondi da Nibali, primo dei rivali. Nessuno può dire se terrà, fino a quando terrà. Di certo si può già dire senza tema di smentita che sta onorando alla grandissima il Giro d’Italia, correndolo da leader, impegnandosi al limite, senza distrazioni e pigrizie. Devo dire che tutti i big presenti, quest’anno, si stanno comportando da veri signori. Non sono qui ad emulare i Lemond, sono qui a fare sul serio. E anche se qualcuno ha in testa il Tour, stanno facendo di tutto per lasciarlo in un angolo dei propri pensieri: giorno dopo giorno, si battono per il Giro, sognando il Giro, chi meglio chi peggio, con risultati alterni, ma senza rinunciare a niente. Così Wiggins, così Hesjedal, così Gesink, così gli stessi Henao e Uran Uran (tra parentesi, tutti arrivati qui gratis, parola di Acquarone).

Evans li rappresenta tutti. In classifica è il migliore, ma anche come comportamento e atteggiamento è il vero leader. Forse non esalta le folle per via del suo stile compassato e tranquillo, ma questa non è colpa sua, è colpa della nostra epoca di stupidismo spinto, che privilegia follie, stravaganze, parole e gesti sopra le righe. Poveraccio, si ostina ad andare in Giro senza neanche un tatuaggio sul collo e sulle natiche…

Grazie Cadel, l’Italia si inchina. E’ un piacere ospitarti, è un dovere applaudirti. Poi vada come vada. Magari a Brescia non sarai più lì. O magari sarai in rosa. Non importa. Non è questo il punto. Conta molto di più il privilegio e la fortuna di avere al Giro campioni così. Non se ne poteva più degli sfaticati e degli opportunisti che lo umiliavano. Da ora in poi sarà facile spiegare agli stranieri come devono venire in Italia e come devono correre il Giro: basterà dire “alla Evans”. Altro non serve.

di Cristiano Gatti per tuttobiciweb.it
http://www.tuttobiciweb.it/detectUA.php?...58742&tp=n
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di SarriTheBest
#2
Christian Cats gliela ha tirata, sul Montasio Cadello perde 20 minuti...
 
Rispondi
#3
Chi sarebbero gli sfaticati e gli opportunisti che umiliavano il Giro?
 
Rispondi
#4
Che poi che sta facendo di straordinario?
 
Rispondi
#5
Fa gli sprint per i piazzamenti, merita certamente di essere esaltato Sisi
(Domani prende almeno due minuti)
 
Rispondi
#6
(12-05-2013, 09:53 PM)Gershwin Ha scritto: Chi sarebbero gli sfaticati e gli opportunisti che umiliavano il Giro?

Per esempio Frank Schleck...
 
Rispondi
#7
Nell'articolo si riferisce a Lemond, magari trovare un esempio un po' più recente sarebbe stato meglio...
Mi sembra che i vari Contador, ASchleck, Menchov, quando sono venuti in Italia hanno sempre onorato il Giro. Magari Armstrong non si è impegnato al 100%, ma già vederlo al Giro è stato un miracolo...
 
Rispondi
#8
Lemond comunque ha sempre onorato il Giro, è arrivato pure sul podio, per me si riferiva a Frank Schleck...
 
Rispondi
#9
Magari i primi anni quando era (semi)sconosciuto e gregario di Hinault, ma negli ultimi veniva al Giro a fare il turista e per questo era pure insultato dai tifosi italiani...

FSchleck con tutta la buona volontà,ma non si può definire campione :P
 
Rispondi
#10
Comunque questom articolo è stato scritto almeno un giorno troppo presto. Se poi si stacca di brutto in montagna, hai voglia lodarne la buona volontà...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)