Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Ciclomercato 2013
#1
Information 
 
Rispondi
#2
Rabobank, Michael Matthews comincia a far gola
La stagione è appena cominciata, ma già si parla di mercato per il 2013. E al centro di una delle trattaive più interessanti c’è Michael Matthews, il ventunenne talento australiano della Rabobank, che sta facendo incetta di piazzamenti al Tour Down Under.
Il contratto di Matthews è in scadenza a fine stagione e il team manager Erik Breukink ha già iniziato la trattativa per il rinnovo: «Crediamo in Michael e vogliamo farne uno dei pilastri del nostro team per gli anni a venire» ha detto.
Ma sul giovane talento ha messo gli occhi anche la GreenEDGE: «Siamo interessati a tutti gli atleti australiani di talento - ha confermato a De Telegraaf il direttore sportivo Matt White - e sappiamo che il contratto di Michael è in scadenza. Non ne abbiamo ancora parlato, ma è chiaro che ci interessa. Lui ha un talento enorme: se ci sarà la possibilità, faremo la nostra offerta».
E non è escluso, naturalmente, che nella trattativa cerchi di infilarsi qualche altra squadra di World Tour...

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#3
Con il futuro della Saxo Bank sempre in bilico il Pistolero potrebbe cambiare team nel prossimo inverno

La squalifica di Alberto Contador gli impedisce di prendere parte alle gare da qui fino al prossimo agosto, ma non serve a fermare le voci sul suo futuro. Un futuro che potrebbe vederlo indossare una maglia diversa da quella della Saxo Bank. La squadra di Bjarne Riis non naviga di certo nell’oro, quest’anno il team manager danese non ha potuto regalare al suo campione il gregario scalatore tanto desiderato e il futuro è nero. A giorni si avranno notizie sulla licenza World Tour per quest’anno, che dovrebbe essere tolta alla Saxo Bank visto che vengono azzerati i punti di Contador nella stagione 2011. Ottenerla per il 2013 sembra impossibile con il nuovo sistema dei punti, a meno che il madrileno stesso, al rientro, non faccia sfracelli nell’ultimissima parte della stagione. Certo è che senza licenza World Tour per il 2013 Contador sarebbe costretto a cambiare aria e molto probabilmente il team chiuderebbe i battenti. Così le squadre che da sempre inseguono il tre volte vincitore del Tour de France si stanno muovendo.
In prima fila (da qualche anno a questa parte) c’è la Movistar di Eusebio Unzue, che permetterebbe al corridore di tornare in una squadra spagnola dopo sette anni (dai tempi della Liberty Seguros). Un progetto solido sia economicamente che sportivamente, che porterebbe Contador in una squadra adatta a supportarlo in ogni corsa. Lo stesso Unzue, collezionista di campioni spagnoli, non intende farsi sfuggire l’opportunità di avere Contador nel suo team (il Pistolero si aggiungerebbe a una lunga lista che comprende Indurain, Delgado, Olano, Jimenez e Valverde) e di sicuro condurrà un corteggiamento serrato, che alla fine potrebbe anche avere successo. L’eventuale dualismo con Alejandro Valverde, padrone di casa alla Movistar, non dovrebbe creare eccessivi problemi, visto che neanche la presenza di Lance Armstrong in squadra in passato ha disturbato eccessivamente il madrileno.
L’altro team che storicamente dà la caccia ad Alberto Contador è la Omega Pharma – Quick Step di Patrick Lefevre. La squadra belga quest’anno ha iniziato nel migliore dei modi, vincendo in ogni continente (Europa, America, Asia) e su ogni terreno. I capitani per i grandi giri in casa Quick Step sono Levi Leipheimer e Tony Martin, che però sembrano non offrire grandi garanzie: Leipheimer è ormai nella fase discendente della parabola della sua carriera, Martin deve ancora dimostrare di poter andare veramente forte in salita. Il Tour de France di quest’anno sarà un banco di prova importante, in caso di fallimento potrebbe partire l’ennesimo assalto a Contador. Il budget non manca (visto che nello scorso inverno Lefevre ha provato, senza successo, ad ingaggiare il Campione del Mondo Cavendish) e alla Quick Step Contador troverebbe, oltre che una serie di ottimi gregari per le corse a tappe, uno staff preparatissimo e da sempre vincente.
Suggestiva l’ipotesi che vede Alberto Contador con la casacca arancione della Euskaltel – Euskadi. L’indizio principale? L’amicizia con Samuel Sanchez. I due hanno messo in mostra all’ultimo Tour de France un’intesa fantastica, che gli ha permesso di realizzare con successo azioni spettacolari e proficue in ottica classifica generale. I limiti del team basco, però sono tanti. Innanzitutto il fatto di avere una batteria di scalatori forse ineguagliabile, ma di essere poco competitiva quando la strada non sale. Gli arancioni hanno sempre faticato nelle cronometro a squadre e non sono mai stati in grado di controllare una corsa come il Tour de France. Inoltre c’è l’ostacolo del budget: ingaggiare Contador significherebbe aumentare notevolmente il monte stipendi, anche raddoppiarlo considerando gli ingaggi forzati dei fedelissimi Hernandez, Navarro e Noval. L’Euskaltel ha rischiato di chiudere già quest’anno, ma dal 2013 potrebbe avere un nuovo sponsor, cosa che aprirebbe nuovi orizzonti.
L’ultima opzione da considerare, ma che fa parte del mondo delle idee per adesso, è quella di un nuovo team, che per adesso ci limitiamo a battezzare “Team Contador”. Anche dopo la vicenda-doping il Pistolero non dovrebbe avere difficoltà a trovare un’azienda disposta a sponsorizzare un suo team e questa potrebbe davvero essere la soluzione. Molti dei più grandi campioni del ciclismo contemporaneo sono stati in prima persona promotori della nascita di nuove squadre, gli ultimi Armstrong con la Radioshack e i fratelli Schleck con il Team Leopard – Trek, entrambe esperienze perfettamente riuscite. Contador si troverebbe a comandare in casa, potrebbe ingaggiare i suoi fedelissimi e crearsi una squadra a sua immagine, ipotesi che di certo non suonerebbe sgradita al Pistolero.
 
Rispondi
#4
Ho letto oggi la notizia che la Liquigas pare intenzionata a non rinnovare l'accordo di sponsorizzazione del team, e questo crea dei bei problemi perchè cosi s'infiammerebbe il ciclomercato con Nibali che potrebbe andare all'Astana (dove ci sono suoi ex compagni come Kiserlovski,Ponzi e Kreuziger e dove ci sarebbe Martinelli come ds italiano, oltretutto l'Astana sta cercando si convincere Contador a tornare, anche se cosi non andrebbe piu Nibali), Basso potrebbe andare da Riis o, qualora Contador lasciasse la Saxo Bank, con Contador, Capecchi sarebbe seguito dalla Greenedge e Sagan potrebbe andare all' Omega Pharma -Quick Step dove Lefevre sborserebbe un mucchio per averlo (e giustamente direi). Ma la domanda piu importante è questa: Io come farei a vivere senza piu la Liquigas-Cannondale ??????? PauraPauraPaura
 
Rispondi
#5
Sinceramente mi pare strano: patron Dal Lago aveva dato rassicurazioni riguardo al rinnovo del contratto di sponsorizzazione in scadenza nel 2012. Boh. Boh

Ma Basso non doveva andare a far il galoppino di Contador!? Su Nibali per me son favorite la Sky, che già avrebbe fatto carte false per averlo dopo l'annata d'oro del 2010, e la Garmin, a maggior ragione se dovesse continuare con questo andazzo: potere economico troppo forte, l'Astanan non potrebbe di certo competere. Certo, se lui poi preferirebbe rinunciare ai $ per vivere in un gruppo d'italiani ok, ma io lo vedo più nel mondo anglosassone che in quello kazako...
 
Rispondi
#6
Io quello che dice Beppe Conti lo prenderei con le pinze, l'anni scorso non ne ha azzeccata una, per me ieri sera ha detto un mucchio di cacchiate...
 
Rispondi
#7
No ma la storia Liquigas lo letta su un sito non l'ho visto da Beppe Conti
 
Rispondi
#8
Sì, anch'io ho sentito le parole di Beppe Conti, e più o meno la sostanza era quella: quindi, o Beppe Conti ha letto quel sito e ha riportato pari pari le notizie a RadioCorsa o il contrario. Asd
 
Rispondi
#9
(23-03-2012, 05:40 AM)SarriTheBest Ha scritto: Sinceramente mi pare strano: patron Dal Lago aveva dato rassicurazioni riguardo al rinnovo del contratto di sponsorizzazione in scadenza nel 2012. Boh. Boh

http://www.ilnuovociclismo.com/forum/sho...1#pid45331

Quindi:
- o l'azienda Liquigas non ha mai pensato di uscir dal ciclismo, o comunque, se c'avesse pensato, c'ha poi ben presto ripensato;
- o Amadio ha già pronto il nuovo sponsor (che, visto il periodo, la vedo un po' improbabile come cosa a dir il vero).
 
Rispondi
#10
Per Sep Vanmarcke (Garmin), vincitore di quella che era la Het Volk e in scadenza di contratto a fine anno, si sarebbero fatte avanti ben 4 squadre WT: dopo un iniziale interessamento della Lotto, alla ricerca di un uomo forte per il pavè, avrebbero messo gli occhi sul belga anche Omega Pharma-Quick Step, la RadioShack-Nissan, la BMC e la Movistar

http://www.cyclismactu.net/news-transfer...z1snA0igwL
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)