Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Dario Cataldo: «Con Aru stiamo preparando un grande Tour de France»
#1
Cataldo: «Con Aru stiamo preparando un grande Tour»
«Spiace non essere al Giro ma abbiamo grandi obiettivi»

Intervistato durante la trasmissione radiofonica “Ultimo Chilometro”, il corridore dell’Astana Dario Cataldo ha commentato il Giro d’Italia del proprio compagno Vincenzo Nibali, anche se non è presente alla corsa rosa in quanto farà parte della selezione che affronterà il Tour de France con Fabio Aru. “Mi dispiace molto non essere al via del Giro - spiega l’abruzzese - è una corsa che amo perché è davvero qualcosa di speciale, si sente il calore della gente ad ogni angolo di tutte le strade sulle quali corriamo. Le giornate di lavoro qui a Sestriere sono molto lunghe, stiamo svolgendo degli importanti carichi di lavoro insieme a Fabio Aru per farci trovare pronti in vista del Tour de France. Fabio sta lavorando davvero molto duramente e credo che possa fare una grande corsa a luglio. I carichi di lavoro non lo spaventano, ma soprattutto lo vedo molto tranquillo e questo è un fattore importante prima di una grande corsa come il Tour”.

Commentando il Tour de France di Vincenzo Nibali, Cataldo afferma: “Sono sicuro che Vincenzo potrà lottare fino alla fine per la conquista della maglia rosa, la posizione di classifica è molto buona e fino ad oggi non ha mai avuto problemi. Valverde corre sulla difensiva? E’ il suo modo di correre, ha vinto tante gare in questo modo: Vincenzo e gli altri compagni devono capire come metterlo alle corde, e magari proprio il modo di correre di Nibali, sempre all’attacco, alla lunga può essere vincente”.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#2
Aru prenderà una scoppola for ages a questo tour
 
Rispondi
#3
Lo si diceva anche di Nibali nel 2014 e poi le scoppole le han prese gli altri Occhiolino
 
Rispondi
#4
A me basta che resti in piedi nella sempre caotica prima settimana.

Poi, quel che viene, viene. Sese
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di SarriTheBest
#5
è il primo Tour che corre,francamente se riesce a strappare il terzo gradino fa una grandissima cosa,poi tutto può succedere.
 
Rispondi
#6
Arriverà a mezz'ora da Froome ... vincitore con 5' su Quintana e 8' su Contador.
 
Rispondi
#7
Negli ultimi anni nessuno ha vinto il tour per 2 anni di fila, per me il bis di Froome non è così scontato.
E poi per la prima volta Quintana non avrà Valverde fra le balle.

E non darei per morto Contador...
 
Rispondi
#8
Parlando seriamente.
Penso che Aru abbia corso i suoi primi anni da professionista in maniera molto intelligente, raggranellando successi molto buoni in Italia e Spagna, a differenza di alcuni dei suoi coetanei che, concentrandosi esclusivamente sul Tour, hanno raccolto solo qualche briciola.

Ripercorrendo i primi 3 anni di carriera di Aru troviamo
2013: corso in pratica da stagista
2014: Tappa al giro + 3°posto ; 2 Tappe Vuelta + 5°posto
2015: 2 Tappe al giro + 2°posto ; Vittoria Vuelta a Espana.

Un palmarés migliore, tra i corridori da GT nati dopo il 1-1-1986, ce l'ha solo Quintana.

Oggi Aru è alla vigilia di un Tour nel quale l'importante è fare esperienza. Vincerlo, secondo me, è una cosa quasi impossibile. Per me gli obiettivi massimi e reali che il corridore Sardo può raggiungere in una corsa così difficile, così piena di insidie e di corridori mostruosamente forti, sono questi: Vittoria di tappa + 5°posto in Generale.

Non nego il fatto che Aru sia tra i miei preferiti. E' un cagnaccio come pochi altri.
 
Rispondi
#9
Per me ha corso in modo tutt'altro che intelligente.

Fare il primo Tour a 26 anni non va bene, poi magari l'Astana scula e resta in piedi nella prima settimana ed hanno ragione loro, ma non lo costruisci così un vincitore di Tour de France.

Basso e Nibali - gli ultimi italiani ad arrivare sul podio -sono stati cresciuti alla Grande Boucle, Vincenzo se non era per il caso Pellizotti non sarebbe nemmeno andato al Giro 2010, se vuoi costruire gente che vinca il Tour gli devi far prendere feeling con la corsa, per il podio al Giro c'è tempo.
 
Rispondi
#10
Però devi tenere conto che le cose sono leggermente cambiate...Nibali stesso ha fatto notare che oggi per i giovani è più facile emergere da subito,perchè il livello si è un pò abbassato.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)