Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Davide Cassani
#1
Davide Cassani

[Immagine: cassani2.JPG]


Davide Cassani (Faenza, 1 gennaio 1961) è stato un ciclista italiano, ormai ritiratosi dall'attività agonistica.

Esordisce nel professionismo nel 1982 con la Termolan-Galli di Bruno Reverberi. Nel 1986 passa alla Carrera, tra i suoi compagni di squadra figurano Claudio Chiappucci, Roberto Visentini e Stephen Roche. Nel 1988 corre per la Gewiss con Moreno Argentin. Dal 1990 al 1994 indossa la casacca dell'Ariostea mentre il 1995 lo vede alla Mg Technogym. Nel 1996, appena passato alla Saeco, viene investito da un'automobile: tale incidente lo costringerà a chiudere la carriera.

Al suo attivo vanta 27 vittorie, più di 500 mila chilometri nelle gambe, oltre 1500 corse tra cui 12 Giri d'Italia, nove Tour de France e nove partecipazioni ai Campionati del Mondo. Tra i suoi risultati più prestigiosi, un 7° posto conseguito ai Mondiali di ciclismo disputati in Belgio nel 1988; il Giro dell'Emilia conquistato nel 1990, nel 1991 e nel 1995; la Milano-Torino nel 1991; due tappe al Giro (1991 la prima, 1992 la seconda); un 9° posto ai Mondiali di Stoccarda del 1991 ed il Giro del Mediterraneo del 1994.

Attualmente commenta le gare ciclistiche di Rai Sport al fianco di Auro Bulbarelli e prima di lui insieme al compianto Adriano De Zan.

Suo cugino è Roberto Conti, che come lui è stato un ciclista professionista.

Il caso Rasmussen

Durante la telecronaca dell'ottava tappa del Tour de France 2007 svoltasi il 15 luglio, Davide parla di Michael Rasmussen, che stava dominando la tappa alpina e che avrebbe indossato la maglia gialla al termine della stessa, sostenendo di averlo visto allenarsi il 13 Giugno 2007 nei pressi di Predazzo, durante una domenica di pioggia. Cassani lo elogia per la dedizione e la costanza degli allenamenti: infatti i due avevano chiaccherato un po' e il danese gli aveva detto di essere da 8 ore in bicicletta e di essere sulla via di casa. Quello che voleva essere un elogio di un campione scatena involontariamente un caso: Rasmussen infatti aveva comunicato all'UCI e alla propria squadra Rabobank di essere in Messico a svolgere gli allenamenti, e invece si trovava in Italia. Tutto questo per evitare i controlli antidoping a sorpresa. Incastrato dalla dichiarazione di Cassani, è stato costretto ad abbandonare il Tour, che aveva ormai conquistato, ed è stato licenziato dalla Rabobank.
(Cliccate su questi link per maggiori informazioni sul Caso Rasmussen e sul suo abbandono del Tour de France)

wikipedia.org
 
Rispondi
#2
L'ex ciclista Davide Cassani testimonial dell'Avis di Ravenna
"5 x 1000 ad Avis. Per un traguardo di vita, il più importante". Con questo slogan l'Avis della provincia di Ravenna lancia una campagna con un testimonial d'eccezione: Davide Cassani. L'ex ciclista professionista, oggi giornalista commentatore per la Rai, ha infatti offerto la sua voce e la sua immagine per promuovere la campagna del 5 x 1000.

Cassani, faentino, subentra alla canoista Josefa Idem, sostenitrice di questa raccolta fondi l'anno scorso. Dunque un'altra figura di spicco dello sport italiano diventa testimonial provinciale dell'Avis, per rivolgere a tutti un appello di solidarietà. "Sono stato a lungo un donatore di sangue, anche quando ero un ciclista professionista - dice Cassani, da sempre considerato un esempio di correttezza etica e morale in un mondo, quello del ciclismo, troppo spesso finito nell'occhio del ciclone per eventi negativi - In certi casi basta poco per salvare una vita umana: è sufficiente donare un po' del nostro sangue, ma a volte non lo facciamo soltanto per pigrizia, o perché non ci arriva il messaggio. Ho accettato di diventare testimonial dell'Avis proprio per dare una mano a comunicare questo bisogno di solidarietà, sensibilizzando tutti, sportivi e non, verso le donazioni".

comunicato stampa - avis.it
 
Rispondi
#3
Figurone di Cassani ieri che si è lanciato in una descrizione cataftrofica delle situazione familiare di Kiryienka,ecco cos'ha detto il corridore poi a fine tappa

Chernobyl.

"Si, io vengo da quell’area geografica ma i miei fratelli stanno bene, non so da dove sia uscita questa storia di Chernobyl, ho perso il papà da giovane ma non c’entra con il disastro di Chernobyl. Io compio trent’anni fra un mese e per fortuna non ho nessun problema di salute. In Russia ci sono altri problemi ben più importanti."


FacepalmFacepalm
 
Rispondi
#4
A dir la verità è gia da molto che questa storia di Černobyl' è in giro, quindi credo che sia più una leggenda metropolitana...
 
Rispondi
#5
Massima stima per Davide che oggi ci ha citato senza volere :D
"A destra il vecchio ciclismo : Spagna (Sanchez) e Francia (Rolland), a sinistra Il nuovo ciclismo Australia (Evans) e Gran Bretagna (Cavendish)" Ave
 
Rispondi
#6
Perchè? Che ha detto?
 
Rispondi
#7
[Immagine: pic120316948_600.jpg]
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Danilo
#8
Vuol tornare pure lui a correre...!? :D

Comunque oh, ha più di 50 anni, ma se li porta davvero stra-bene eh... Compli
 
Rispondi
#9
Ah ah ah...non lo ricordavo alla Carrera, nei ricordi di bimbo lo associo sempre alla Ceramiche Ariostea.
 
Rispondi
#10
Solo io ho sentito un rumore un po' strano durante la telecronaca di oggi..? :O
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)