Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Doping: Patrik Sinkewitz positivo al GH - Confermata la squalifica di 8 anni
#1
Doping: Patrik Sinkewitz positivo al GH
Puntuale come sempre, prima di un grande appuntamento ecco la positività a sorpresa. Puntuale come sempre, la mamma degli imbecilli non tradisce e non solo in Italia. La notizia arriva direttamente dall'Uci, ed è relativa alla positività al GH di Patrik Sinkewitz. Che è un corridore tedesco, classe 1980, che da una decina di mesi milita nella Farnese Neri, che ha sprecato così la sua seconda chance dopo essere caduto nelle maglie dell'antidoping al Tour del 2007, quando correva con la TMobile. Due anni di squalifica, le confessioni, la collaborazione con la giustizia tedesca, il ritorno con la PSK e poi l'approdo alla corte di Citracca e Scinto. E adesso questa nuova caduta. Applausi.

Per la cronaca, il corridore è accusato di aver assunto ormone della crescita ricombinante, positivo ad un controllo effettuato dall'Agenzia Antidoping svizzera il 27 febbraio scorso in occasione del G di Lugano.
L'Uci ha sospeso il corridore e si tratta della prima sospensione pronunciata nel ciclismo sulla base dei test che cercano l'ormone delal crescita, una delle prime in tutto il mondo sportivo. Questo risultato rappresenta quindi una nuova tappa nella lotta al doping. Toccherà ora, dopo le controanalisi, alla federazione tedesca aprire l'inchiesta relativa al caso. Se sarà confermata la positività, Sinkewitz andrà incontro alla radiazione.

La Farnese Neri scrive in un comunicato ufficiale: la società oggettivamente non responsabile per l'accaduto, si associa con solida motivazione alla immediata sospensione effettuata dall' U.C.I, grazie alla quale il team è sollevato da questa formalità. Il team, che da sempre persegue una ferrea linea di lotta al doping votata alla pulizia, al controllo e al perseguimento delle regole, aspetterà le controanalisi per decidere in merito, pronta a licenziare in tronco l'atleta in caso di conferma della positività. Il team altresì sottolinea la necessità (e lancia un invito esplicito all'UCI) a prevedere pene più severe e incisive sopratutto per i casi di doping derivanti dall'uso di sostanze “pesanti”, come questo.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#2
Che pirla.
Che gente che gira,... ma pensandoci bene... subito radiazione?

Riccò, Sinkewitz, Di Luca, Heras, Mayo (anche se qua c'è stato un bel po di casino in entrambi i casi), Pfannberger, Frigo... ecco i primi esempi che mi vengono in mente..

E se proprio volessimo fare i pignoli, Nozal e Contador,... bhè anche loro con il caso Liberty Seguros e quello seguente, la coscienza pulita proprio non ce l'hanno...
 
Rispondi
#3
Che figuraccia!!...pure preso al fanta...si subito radiazione!Dodgy
 
Rispondi
#4
Ecco perchè la Farnese ancora non aveva ufficializzato la formazione per la Sanremo.

Che dire, peccato. Era rientrato davvero forte, e ora si sa perchè: una brutta perdita per la squadra di Scinto, speriamo che non ne risentano anche a livello d'inviti...
 
Rispondi
#5
Facepalm
Gia è stupido doparsi perchè tanto ti beccano. Poi se lo fai un altra volta sei proprio una gran testa di cazzo. Ma non è un po tardi ? Ha fatto l'esame il 27-2 e oggi è il 18-3. Ah gia, domani c'è la Sanremo -.-
 
Rispondi
#6
Bohm, 20 giorni non sono tantissimi, bisogna ringraziare che non l'hanno tenuta in ballo per il Giro d'Italia Asd
 
Rispondi
#7
Sì infatti, 20 giorni mi pare un tempo ragionevole dai...
 
Rispondi
#8
20 giorni è ragionevole come tempo, ma stranamente viene fuori il giorno prima di un grande appuntamento....
 
Rispondi
#9
meglio il giorno prima che il giorno dopo...
 
Rispondi
#10
Sinkewitz si difende: nessun doping, andrò fino in fondo
Per lo meno non ha tirato in ballo il cane né la nonna né la fantasia. Patrik Sinkewitz, risultato positivo all'ormone della crescita, si difende e basta: «Non ho assunto alcun prodotto dopante - ha spiegato alla Suddeutsche Zeitung - tanto che all'inizio avevo pensato ad uno scherzo e solo quando ho ricevuto la lettera dell'Uci ho capito quel che mi stava succedendo. Ho subito sollecitato le controanalisi e vi assicuro che andrò fino in fondo per chiarire questa vicenda».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)