Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Doping, Santambrogio ancora nella bufera: positivo al testosterone e sospeso dall'UCI
#1
Doping, Mauro Santambrogio ancora nella bufera: positivo al testosterone e sospeso dall'UCI

Secondo Ivano Fanini, patron dell'Amore e Vita-Selle SMP, Mauro Santambrogio doveva essere «il paladino della lotta al doping». Fanini, che aveva ingaggiato il corridore reduce da una positività all'EPO al Giro 2013, deve però fare i conti con un'altra positività di Santambrogio. Cambia la sostanza - testosterone anziché EPO - non l'esito dell'analisi. Santambrogio ha fallito il controllo a sorpresa fuori dalle gare il 22 ottobre 2014, 12 giorni dopo l'ingaggio da parte di Fanini. Quest'ultimo è al secondo recidivo in quest'annata, avendo avuto a che fare anche con la posiitvità di Luca Benedetti. Santambrogio, che ha diritto alle controanalisi, è stato sospeso in via provvisoria dall'UCI.

cicloweb.it
 
Rispondi
#2
sì, lo so, i messaggi monofaccina eccetera però...

Facepalm
 
Rispondi
#3
un genio veramente Ahah Ahah
 
Rispondi
#4
Il lato positivo è che ce ne siamo liberati definitivamente.
 
Rispondi
#5
C'è qualcosa follemente astuto nel farsi trovare positivo ancora prima che finisca la squalifica precedente. Anzi no, è un coglione e basta
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Gershwin
#6
SANTAMBROGIO. «Avevo problemi di erezione, l'Uci lo sa»
Dal 7 luglio ho affrontato problemi urologici

DOPING | Mauro Santambrogio chiama e il tono della voce è ansioso, ha voglia di chiarire, di spiegare.
«Stavolta ho la coscienza pulita, vi voglio raccontare come stanno le cose, poi ognuno è libero di pensare, di giudicare e anche di darmi addosso».

Racconta, Mauro.
«Come sapete ero sospeso, ancora non sapevo se qualcuno mi avrebbe offerto la possibilità di tornare a correre, così l'estate scorsa ho deciso di affrontare un problema fisico delicato. Il 7 luglio scorso mi sono sottoposto ad una visita dall'urologo, soffro di problemi di erezione, prostatite, varicolele sinistro, ipotestosteronemia come riporta il certificato che mi è stato redatto. Lo specialiista mi ha prescritto una cura con Andriol 40 mg per tre mesi più l'Aprosten per 60 giorni. In più mi sono stati prescritti anche esami riguardante la fecondità, per me è importante il progetto di crearmi una famiglia, nei prossimi anni».

Poi hanno suonato alla tua porta.
«Quando il 22 ottobre sono venuti gli ispettori per effettuare controlli, ho detto subito di essere stato in cura per i probemi che vi ho descritto, prima ancora che effettuasseroi i prelievi ho mostrato il certificato, loro lo hanno fotografato e poi hanno svolto il loro compito. Lo stesso giorno ho chiamato all'Uci il dotto Mario Zorzoli per spiegare anche a lui la situazione e illustrargi la terapia che avevo affrontato nelle settima precedenti».

E adesso?
«Adesso l'Uci mi ha informato oggi della positività al testosterone, era inevitabile che il risultato fosse questo. Ma chiedo: perché avrei dovuto barare se nemmeno sapevo che sarei tornato a correre? Fino al 28 ottobre tutte le squadre che ho contattato mi hanno risposto picche, anche dopo aver speso tante belle parole. Solo dopo si è aperta la porta della Amore&Vita. Anche al Coni lombardo e al presidente Marzorati ho dato la mia parola perché avevo e ho la coscienza perfettamente pulita. Le controanalisi? Non le richiedo, non ci penso nemmeno perché è ovvio quale può essere il risultato. Adesso succeda quel che deve succedere, io ho voluto raccontare la mia storia senza nascondere nulla. Ognuno pensi quel che vuole, potete anche ricoprirmi di insulti, ma la verità non cambia».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#7
Dalla padella alla brace Ahah Ahah Ahah
 
Rispondi
#8
Comunque i problemi d'erezione dei ciclisti costituiscono un problema piuttosto sottovalutato
 
Rispondi
#9
In questa situazione ci stanno bene tutti gli sfottò del caso, però un minimo di cose da capire ci sono. Cioè bisogna vedere se è la prima scusa che gli è venuta in mente (ma essendoci ricette firmate e datate non credo) oppure se l'UCI sapeva tutto ma (giustamente direi) ha visto sotto un secondo fine e se n'è fregata delle giustificazioni di Santambrogio.
Poi c'è la terza opzione, ovvero un errore dell'antidoping, ma vedendo il soggetto non credo...


(19-12-2014, 12:43 AM)Andy Schleck Ha scritto: Comunque i problemi d'erezione dei ciclisti costituiscono un problema piuttosto sottovalutato

Non voglio sapere come fai a saperlo :o
 
Rispondi
#10
La prescrizione medica consente l'uso di alcune sostanze non tutte, e non credo che gli steroidi siano tra queste.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)