Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Doping, positivo Samuele Conti della Wilier-Southeast
#1
Samuele Conti (Wilier-Southeast) positivo all'ormone della crescita

Brutte notizie per la Wilier-Southeast di Angelo Citracca: il 25enne Samuele Conti, in squadra dal 2014, è stato sospeso in via provvisoria in seguito da una positività all’ormone della crescita (GHRP-2) riscontrata in un controllo fuori competizione dello scorso 13 agosto. In questa stagione il miglior risultato di Samuele Conti è stato il 15° posto nella cronometro del Tour of Qinghai Lake in Cina nel mese di luglio. 

Cicloweb.it

Facepalm Facepalm Facepalm Facepalm
 
Rispondi
#2
Mi raccomando invitateli al giro pure questa volta.........
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Danilo M.
#3
Questo sarà stato pure uno di quelli che pagavano per correre.
 
Rispondi
#4
Sono le 21.34, suona il cellulare: è Samuele Conti. «Scusate l’orario, ma sarò velocissimo – ci dice -. Ho solo una richiesta, un desiderio: dire che la squadra non c’entra assolutamente niente. Il team è da tempo che sta facendo di tutto e di più per combattere la piaga del doping, con esami a sorpresa tutti i mesi. Quello che è successo è solo mia responsabilità, però non chiedetemi cosa è successo. Per il momento ho spiegato tutto all’Uci, questa mattina, e sono certo che hanno capito. Non ho commesso nessun illecito, ma presto dopo che l’Uci avrà fatto le proprie verifiche saprete tutto. Una cosa però è giusto che io la dica forte e chiaro: il team di Angelo Citracca non c’entra assolutamente nulla: sono l’unico responsabile. Consentitemi solo di aggiungere un’altra cosa: io so perfettamente di non essere un campione. Sono solo stato un onesto faticatore del pedale che ha amato fino in fondo il proprio sport. Accetterò tutto quello che mi sarà attribuito, sono pronto a pagare le conseguenze e ad abbandonare questo sport magnifico, ma il team è estraneo a tutto questo».

Tuttobiciweb.it

Samuele Conti è risultato positivo al GHRP-2 in seguito ad un controllo a sorpresa effettuato lo scorso13 agosto.
A riguardo il Team Manager della Wilier Triestina – Southeast dichiara
“Dopo aver passato la giornata in ospedale a causa di un intervento chirurgico a mio figlio ho appreso solamente in serata la notizia della positività di Samuele Conti chemi lascia senza parole. Siamo stati ben chiari ad inizio stagione, da due anniabbiamo installato un sistema di controlli interni affinché la squadra fosse più trasparente possibile. Purtroppo il gesto di un imbecille rischia di rovinare tutto,mettendo a repentaglio il lavoro di oltre 40 persone nonché a 40 famiglie. Ho contattato telefonicamente il corridore che mi ha riferito di aver preso per sbaglio un integratore. A queste cazzate non credo, è la solita scusa di un cretino che crede di essere più furbo degli altri. Come squadra ci dichiariamo estranei e siamo pronti ad agire per vie legali”.

Tuttobiciweb.it

Sarebbe il caso di migliorare questi famigerati controlli interni[fon‌t=Georgia] [/font][fon‌t=georgia, times] Asd[/font]
 
Rispondi
#5
(16-09-2016, 07:18 PM)Danilo Ha scritto: Mi raccomando invitateli al giro pure questa volta.........

Credo che quest'anno li hanno dovuti invitare per forza in quanto detentori della coppa italia 2015.  

Strano che Scinto non si sia ancora stracciato le vesti per l'ennesimo tradimento.. Sweat
 
Rispondi
#6
L'accanimento è dovuto al fatto che questo è solo uno dei tanti casi doping che colpisce la vostra squadra. La positività di Samuele Conti all'ormone della crescita sarebbe passata sotto traccia se non fosse stata preceduta dalle ben più gravi positività all'epo di vostri corridori con nomi più altisonanti. Oltretutto questo va pure ad aggiungersi alle recente inchiesta "paga per correre" che una bella pubblicità non vi sta facendo.

Sui social è pieno di gente che non sa nemmeno come è strutturata una squadra professionistica, capisco che leggere certi commenti possa essere frustrante, soprattutto per tutti coloro che se la squadra chiudesse rimarrebbero a piedi, di cui molti non sono ciclisti. Però è altresì vero che chi è causa del suo mal pianga sé stesso, in questa situazione ci siete finiti per colpa dei vostri corridori(e si spera SOLO loro) per cui sta a voi(inteso come squadra eh, magari lei è un meccanico e in quel caso può fare poco) ripulire la vostra immagine e ormai l'ennesimo scarica barile di Citracca non basta.

Francamente a tutti noi credo dispiacerebbe vedere una delle poche squadre italiane rimaste chiudere per cui non possiamo che augurarvi di superare questo momento e dimostrare la vostra limpidezza. Però allo stesso tempo la pazienza di noi appassionati ha un limite e tutti - per quanto possa essere fastidioso - hanno diritto a dimostrare il loro disappunto, sia chi - come noi - lo fa mantenendo un profilo più basso, sia chi lo fa caricando a testa bassa.
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
#7
Per quanto a lei - e anche a me - possa sembrare chiaro che un caso di ormone della crescita sia diverso da casi di EPO per molti non è così visto che nessuno si è mai preoccupato di spiegare alla gente uso ed effetti delle varie sostanze dopanti.

Da questo punto di vista però le parole del vostro team manager risultano illogiche, pressappochiste e non fanno altro che gettare ulteriore benzina sul fuoco. Se il ragazzo riuscisse a dimostrare che la storia dell'integratore è credibile sareste i primi a guadagnarci, non vedo proprio alcun motivo per scaricarlo in questa maniera, anche perché se avesse voluto fare il furbo e doparsi per provare a strappare un contratto per l'anno prossimo avrebbe potuto usare sostanze di gran lunga più performanti dell'ormone della crescita e questo mi pare pacifico.

Quello che la gente chiede è chiarezza, non prendere le distanze ed insultare Conti(cosa peraltro facile da fare visto che - non me ne voglia - è un signor nessuno), vi invito veramente a rivedere la vostra strategia difensiva perché litigare coi tifosi e fare il più classico degli scarica barile in questo caso non serve a nulla, dimostrate agli appassionati che voi in questa storia non c'entrate nulla e vedrete che i più saranno pronti a ricredersi nel caso.
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
#8
guardando quello di Samuele Conti sarà un caso isolato (tra l'altro mi sembra che nel comunicato ufficiale la squadra prendeva una posizione ben diversa dal definirla 'leggerezza' come fatto da te), ma con tutti i ben noti casi isolati precedenti la reazione generale non può essere che quella, lo sfogo è lecito ma tutto quello che ha scritto l'utente Luciano Pagliarini è sacrosanto così come dall'altra parte va preso atto del punto di vista di chi lavora nel team la cui frustrazione è più che comprensibile.

Riguardo al commento di Danilo penso sia doveroso precisare che si tratta di una battuta ironica riferita a nostre discussioni passate e non un attacco alla squadra come chi segue il forum da tempo ha immediatamente capito, ironia che può essere fastidiosa senz'altro in questo momento ma che vi tocca accettare perché viste le circostanze non potete fare altro.

Mi auguro che la vicenda si concluda nel migliore dei modi per il team Wilier se questo è estraneo ai fatti, così come mi auguro che paghi il giusto in caso contrario, noi non sappiamo le cose come stanno e cerchiamo come forum di avere SEMPRE una visione quanto più possibile ampia delle cose, commentando gli avvenimenti che riguardano il ciclismo pedalato e non come fossimo al bar e non giudicandoli come fossimo in tribunale, anzi più di una volta noi per primi abbiamo espresso disappunto verso certe prese di posizione affrettate e unilaterali da parte non solo di utenti del web ma anche di giornalisti più o meno professionisti.

Penso infatti di parlare a nome di tutti quando dico che amiamo questo sport e qualche battuta ci permettiamo di farla proprio perché viviamo quotidianamente con passione il mondo delle due ruote (molti di noi anche in maniera attiva e non soltanto dietro a un monitor), da parte nostra critiche a livello sportivo quanto gestionale alla vostra come a tutte le altre squadre ne abbiamo fatte tante (non soltanto negative) e continueremo a farle ma non sputiamo sentenze senza avere un'idea chiara della situazione, merda addosso non gliela buttiamo a nessuno che non la meriti ma resti chiaro che se dovesse venire fuori che la meritate non esiteremo a sommergervi.
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di BidoneJack
#9
Veniamo al dunque. A me personalmente che un corridore faccia ricorso a sostanze proibite interessa fino ad un certo punto (o sarebbe meglio dire venga trovato positivo) idem se c'entri o meno la squadra.
Invece troppe volte è stato additato e deprecato un corridore anche da voi "del settore" una volta risultato positivo. Vogliamo berci la storiella secondo cui risultare negativi ad un controllo voglia dire andare a pane e acqua? Crediamo davvero che chi risulti positivo sia l'unico coglione in un gruppo di moralisti immacolati?
 
Rispondi
#10
(18-09-2016, 03:01 AM)Luciano Pagliarini Ha scritto: Per quanto a lei - e anche a me - possa sembrare chiaro che un caso di ormone della crescita sia diverso da casi di EPO per molti non è così visto che nessuno si è mai preoccupato di spiegare alla gente uso ed effetti delle varie sostanze dopanti.

Da questo punto di vista però le parole del vostro team manager risultano illogiche, pressappochiste e non fanno altro che gettare ulteriore benzina sul fuoco. Se il ragazzo riuscisse a dimostrare che la storia dell'integratore è credibile sareste i primi a guadagnarci, non vedo proprio alcun motivo per scaricarlo in questa maniera, anche perché se avesse voluto fare il furbo e doparsi per provare a strappare un contratto per l'anno prossimo avrebbe potuto usare sostanze di gran lunga più performanti dell'ormone della crescita e questo mi pare pacifico.

Quello che la gente chiede è chiarezza, non prendere le distanze ed insultare conti(cosa peraltro facile da fare visto che - non me ne voglia - è un signor nessuno), vi invito veramente a rivedere la vostra strategia difensiva perché litigare coi tifosi e fare il più classico degli scarica barile in questo caso non serve a nulla, dimostrate agli appassionati che voi in questa storia non c'entrate nulla e vedrete che i più saranno pronti a ricredersi nel caso.

Gli insulti li "giustifico" con il fatto che per noi Conti era un figlioccio, l'abbiamo fatto passare professionista e l'abbiamo sempre tenuto in considerazione nonostante fosse un "motorino".
Per questo ci sono gli insulti, perchè una sciocchezza rischia di farci chiudere e di mandare a casa senza un lavoro diverse famiglie. In una squadra non ci sono solo i corridori, c'è uno staff e trovare un posto a settembre è dura per tutti. Per questo si è giustamente arrabbiato il nostro TM
 
Rispondi
#11
La rabbia col ragazzo è giustificabile e non conoscendo la situazione interna non oso mettere in dubbio le sue parole.

Sono le dichiarazioni pubbliche del vostro T.M. che - per i motivi che ho indicato nel post precedente - sono a mio avviso sbagliate.

D'altronde se Citracca mi dice che questo voleva solo fare il furbo e poi mi parlate di controlli interni mi viene da pensare che se uno vuole può eludere questi controlli interni e allora vuol dire che non servono a nulla.

La vostra immagine pubblica già non è delle migliori, dovreste stare molto più attenti a questo cose imho, perché nella situazione in cui siete è normale e comprensibile che la gente punti il dito per quanto - ribadisco - la grande frustrazione è assolutamente comprensibile.
 
Rispondi
#12
Tre anni e sette mesi di squalifica per Samuele Conti
Nel suo consueto aggiornamento del tabellario relativo alle squalifiche l’UCI ha oggi inserito il nome di Samuele Conti: il venticinquenne, tesserato quest’anno per la Wilier Triestina-Southeast, era risultato positivo ad un controllo fuori competizione effettuato lo scorso 13 agosto.

Il comasco, nei cui prelievi erano risultate tracce di un ormone della crescita, è stato squalificato per 3 anni e 7 mesi, con decorrenza dal giorno del controllo. La sua pena si estinguerà dunque il 12 marzo 2020.

cicloweb.it
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)