Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
E' morto il 25enne Antoine Demoitié, investito da una moto durante la Gent-Wevelgem
#1
Purtroppo la gara ha fatto registrare anche un grave incidente. Il corridore belga Antoine Demoitié è stato ricoverato in gravi condizioni dopo una caduta. Una volta a terra, secondo quanto riporta l'Equipe, il ciclista del team Wanty Gobert è stato investito da una moto. L'incidente è avvenuto a Sainte-Marie-Cappel, nelle Fiandre francesi.
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&...TXxykNOj2w
ma eliminiamo ste moto. ma almeno ci sono conseguenze per chi le conduce? anche l'anno scorso un macello. poi guarda il contributo di maxlelli: se gli dai la linea risponde" a voi " tanto come Savoldelli, almeno Savoldelli ha inventato l'espressione su DeMare alla sanremo non ha visto niente. l'unico commento che ricordo della sanremo: un cane, mamma mia voglio dire, almeno fermati e togli il cane dalla strada
 
Rispondi
#2
No ma io non ci posso credere. Ste moto di merda non hanno facoltà di stare così vicino ai corridori e sapevo che prima o poi succedeva una cosa del genere. Prendete il motociclista, mettetelo in gattabuia e buttate la chiave !
 
Rispondi
#3
(27-03-2016, 06:58 PM)william bau Ha scritto: Purtroppo la gara ha fatto registrare anche un grave incidente. Il corridore belga Antoine Demoitié è stato ricoverato in gravi condizioni dopo una caduta. Una volta a terra, secondo quanto riporta l'Equipe, il ciclista del team Wanty Gobert è stato investito da una moto. L'incidente è avvenuto a Sainte-Marie-Cappel, nelle Fiandre francesi.

Purtroppo non ce l'ha fatta: è morto in nottata all'ospedale di Lille. Triste

http://www.cyclingnews.com/news/antoine-...gem-crash/

Prima di accusare questo o quello, bisognerebbe conoscere la dinamica dell'accaduto. Magari è stata solo una fatalità, magari la moto era una di quelle della giuria (di cui non si può fare a meno).
 
Rispondi
#4
Morire così è illegale...

RIP Antoine, salutaci WW
 
Rispondi
#5
Dispiace molto. Nell'ultimo anno c'erano stati almeno 10 incidenti di questo tipo e non si è fatto assolutamente nulla, si è aspettato ci scappasse il morto. Spero che adesso l'UCI intervenga perchè negare ancora di avere un problema sarebbe solo che deleterio.
 
Rispondi
#6
Boeckmans ci aveva lasciati col fiato sospeso. Fominich qualche giorno fa sembrava messo male. Malori ha rischiato, così come il tipo investito da una moto al giro 2014. E la signora investita da Vansummeren è una sedia a rotelle ....

Purtroppo il destino ha scelto Demoitié . È dura ammetterlo , ma era nell'aria una tragedia. Gli incidenti spaventosi sono ormai all'ordine del giorno.

Sono molto dispiaciuto, ovviamente. E non penso che si troverà una soluzione seria ai gravi problemi di mancanza di sicurezza.
 
Rispondi
#7
Però c'è incidente ed incidente.

Una cosa grave ed evitabile è speronare i corridori con la macchina del cambio ruote, dei vip ecc, così come mettersi ad uno spartitraffico in uscita di rotonda per vedere passare la corsa.

Un corridore che ti casca davanti in un tratto tranquillo, senza avere il tempo di scansarlo o di frenare, pare più che altro una fatalità. Poi di sicuro verranno svolte indagini accurate e si capirà per bene la dinamica ed eventuali responsabilità, però all'apparenza pare uno di quei casi in cui ti ritrovi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Se poi riuscirà a contribuire nella lotta contro agli incidenti idioti, che se ne sono visti un sacco in questi 12 mesi e che non sembra sia stato fatto nulla di concreto... ben venga! Però penso e credo che quello di Demoitié sia un caso completamente diverso, più vicino a quello di Weylandt (altra - purtroppo - fatalità).

Resta solo tanto rammarico Triste
 
Rispondi
#8
Perdonami, ma il caso Weylandt non c'entra nulla con questo. Lì aveva fatto tutto da solo cadendo rovinosamente di faccia sull'asfalto. Qui è stato investito da una moto, ovvero un mezzo che in teoria non fa parte della corsa ciclistica.

La differenza, oltre che sostanziale, è notevole anche a livello giuridico, perché qui si tratta di omicidio. Non volontario, ma pur sempre omicidio. C'è una bella differenza con le morti a cui abbiamo assistito nel corso degli anni.
 
Rispondi
#9
Io parlo dal punto di vista della fatalità. Weylandt, nella sua carriera, avrà dato mille e mille volte un occhio dietro per vedere come butta la situazione. Come fanno tutti, come a volte si fa anche noi semplici amatori per capire se ci sono macchine che arrivano alle spalle. La sfiga vuole che proprio quel giorno ha preso una sciupatura nell'asfalto o un colpo di vento o quel che è successo, perdendo un attimo l'equilibrio e la giusta traiettoria. Proprio nel punto in cui a bordostrada c'era un muretto maledetto. E il resto lo sappiamo tutti...

Poi, dal punto di vista giuridico, come dici te sarà di sicuro tutta un'altra storia. Però il livello di sfiga mi sembra molto simile: un ritrovarsi nel momento sbagliato al posto sbagliato. Mentre vedo di gran lunga differenti speronamenti tipo Hoogerland al Tour o incidenti come quello della signora del Giro delle Fiandre. Sese
 
Rispondi
#10
CPA: «L'Uci ci dia le risposte che attendiamo»
In merito al terribile incidente che ha causato la morte del corridore Antoine Demoitié durante la corsa Gent-Wevelgem, il CPA e tutti i corridori chiedono che sia inmediatamente fatta luce sulla dinamica dell’incidente e sulle circostanze che lo hanno provocato nonchè sulle eventuali responsabilità delle parti coinvolte.
“In questo momento di tristezza e dolore per la morte di Antoine non vogliamo fare polemiche – commenta Gianni Bugno, presidente del CPA – ma è tanta la frustrazione che abbiamo dentro. Abbiamo sempre sostenuto che la sicurezza dei corridori deve essere al primo posto nelle discussioni delle alte sfere del ciclismo e all’ultima riunione del CCP abbiamo espressamente chiesto che vengano comunicate in fretta le strategie elaborate recentemente per il miglioramento della sicurezza durante le corse. Non voglio accusare nessuno, ma fare riflettere sulle responsabilità di ognuno nell’assicurare che sia sempre mantenuto altissimo il livello di attenzione, consapevolezza, e controllo sulle norme di sicurezza durante ogni corsa ciclística.”

comunicato stampa CPA
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)