Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Fantaciclismo 2.0 - cosa funziona e cosa c'è da cambiare
#1
Questo è stato un anno di transizione nel quale ho operato alcuni cambiamenti di mia iniziativa visto ho dovuto organizzare tutto in fretta dopo il pensionamento di Pat McZelk e qualche discussione tutt'altro che costruttiva, adesso che c'è più calma possiamo fare il punto su come è andata e sui cambiamenti da effettuare sperando che non finisca a seggiate come un anno fa.

Cominciamo dalla costituzione delle squadre, logicamente la soluzione migliore sarebbe quella dell'asta pubblica ma l'attuazione sarebbe pressoché impossibile, direi che la soluzione attuata quest'anno si sia rivelata tutto sommato positiva visto che ad eccezione di Gerro che ha scelto un approccio più "sentimentale" le squadre sono venute fuori abbastanza equilibrate e la classifica si è andata delineando solo nelle ultime corse con i giochi che per altro sono tutt'altro che chiusi.

Rinnovi: questo è il punto per me più delicato, soprattutto riguardo al fatto di rinnovare i big. Se riproponiamo la formula delle buste con i corridori divisi in classi bisognerebbe conciliare le due cose, personalmente sarei per vietare la rinnovabilità ai corridori più importanti.

Tanto per intenderci, se dovessero non essere rinnovabili i corridori delle prime due fasce, mettiamo i primi 35 come è stato quest'anno, vorrà dire che corridori come Boonen, Cavendish, Rolland oppure Reichenbach, Rosa, Lobato eccetera sarebbero comunque rinnovabili (ad esempio Cavendish avrebbe un costo di rinnovo di 51, mentre Gerro avendo pagato 5 Rolland lo potrebbe rinnovare in base al valore stabilito) mentre per i vari Froome, Valverde, Nibali ci dovremmo scannare in maniera tradizionale.

Per quanto riguarda le tabelle dei rinnovi sicuramente (e su questo non ascolterò obiezioni) saranno abbastanza onerose, nessuno sarà rinnovabile a meno di 2 crediti e il valore di rinnovo sarà sicuramente superiore a quello del valore minimo per le buste, non so se di un fattore percentuale o arbitrario ma comunque ne seguirà lo stesso principio.

Mercato: da eliminare assolutamente la regola per cui un corridore può essere svincolato a prezzo pieno se sospeso per doping o si ritira dall'attività, se uno punta sul cavallo sbagliato cacchi suoi non vedo perché debba essere avvantaggiato rispetto a uno che punta su un corridore che si infortuna o che fa una stagione di cacca.

Per quanto riguarda i cambi possibili, pensavo di ridurli a 6 anche nella seconda sessione.

Infine come era stato proposto anche da qualcuno, toglierei definitivamente la possibilità un corridore che era stato precedentemente ceduto, su questi ultimi due punti possiamo discutere mentre sul primo (quello che termina con la parola cacca) no.

Veniamo infine ai Punteggi:
La suddivisione per ruoli mi è sembrata positiva, la lascerei così.

Per quanto riguarda il calcolo dei punti andrà introdotta un'altra categoria per le corse non WT, dove mettere Strade Bianche, Het Volk, Parigi-Tours, Giro del Trentino e qualche altra corsa di prestigio maggiore.

Inoltre per quanto riguarda le corse a tappe assegnerei qualche punticino simbolico (tipo dieci/venti punti) pure per le altre classifiche tipo combattività, sprint intermedi, tanto per fare un po' di tifo per il Merdones o il Txurruka di turno.

Avevo avuto una mezza idea di dare punti ai nostri corridori che vincono le corse non in calendario, per esempio Colbrelli ha vinto il Giro dell'Appennino e ad eagleus vanno tipo 100 punti, e lo stesso con i vari campionati nazionali minori, però non è che mi convinca granché 'sta cosa, la butto lì come idea per vedere che ne pensate.

Per ora non mi viene in mente altro, aspetto i vostri pareri ed eventuali ulteriori proposte
 
#2
La costruzione delle squadre è una vergogna: con McZelk i tagibo boys riuscivano a fare un mercato a 5 stelle, adesso con tutte 'ste regoline tocca comprare pure le mezze seghe. E' come se il Real Madrid fosse costretto a comprare il Giovinco o il Babacar di turno. Sweat Se uno ha le capacità di far mercato per bene, non gli si può tarpare le ali. 'Sta cosa serve solo per sfavorire i tagibo boys e favorire i manager mediocri. BidoneJack VERGOGNA!

Per quanto riguarda i rinnovi a me garberebbe aver la possibilità anche di farli pluriennali: magari non più di due o tre corridori, con l'obbligo poi di doverli tenere fino a fine contratto indipendentemente dal loro rendimento (a meno che tu non trovi qualche altra squadra che ti rilevi il contratto). Sarebbe una cosa bellina in ottica giovani, e non credo poi di così difficile realizzazione...

Citazione:Infine come era stato proposto anche da qualcuno, toglierei definitivamente la possibilità un corridore che era stato precedentemente ceduto, su questi ultimi due punti possiamo discutere mentre sul primo (quello che termina con la parola cacca) no.

Io sostengo questa regola da anni ed anni: magari a qualcuno è sempre convenuto mantenere 'sto modo di fare... Dodgy

Citazione: Per quanto riguarda il calcolo dei punti andrà introdotta un'altra categoria per le corse non WT, dove mettere Strade Bianche, Het Volk, Parigi-Tours, Giro del Trentino e qualche altra corsa di prestigio maggiore.

Sì, però van scelte per bene perché robe come il Tour of California di un paio d'anni fa furono proprio scandalose Sese

Citazione: Inoltre per quanto riguarda le corse a tappe assegnerei qualche punticino simbolico (tipo dieci/venti punti) pure per le altre classifiche tipo combattività, sprint intermedi, tanto per fare un po' di tifo per il Merdones o il Txurruka di turno.

Sì, sarebbe bellino, però direi di tenerlo solo per le corse WT, toh. O, al limite, anche per questa nuova categoria. Poi bisogna vedere anche quanti siamo: se il numero di partecipanti è alto e quindi si va ad esser quasi costretti a comprare i Mate di turno, allora 'sta cosa sarebbe quasi necessaria; altrimenti se ne può far anche a meno, così da non perder tempo anche con le altre classifiche... Sisi

Citazione:Avevo avuto una mezza idea di dare punti ai nostri corridori che vincono le corse non in calendario, per esempio Colbrelli ha vinto il Giro dell'Appennino e ad eagleus vanno tipo 100 punti, e lo stesso con i vari campionati nazionali minori, però non è che mi convinca granché 'sta cosa, la butto lì come idea per vedere che ne pensate.

Non mi piace Nono
 
#3
Asta: tolto gerro e in parte riccó, direi che ognuno ha avuto il proprio magic moment che li ha fatti sperare di vincere. L'anno scorso si cercava un po di equilibrio e direi che questa formula l'ha trovato. Certo non rende giustizia ad un gm bravo a fare l'asta.
Altra cosuccia, quest'anno io ho preso Valverde in corsa a 12 crediti e ha fatto la mia fortuna.. per l'anno prossimo propongo di "congelare" la lista dei big una volta finita l'asta iniziale per evitare queste sculate.

Rinnovi: si ai rinnovi. Proposta: ad es. max 80 crediti totali per un max di 5 corridori, cosi da poter scegliere se rinnovare il solo Kristoff oppure se rinnovare 5 comprimari. Il prezzo di rinnovo potrebbe seguire la classe (ad es. valore x1,2 i big e x1,1 i seconda fascia).
Bellissima la proposta dei rinnovi per 2anni, la butto lì ad es. max 2 dei 5 corridori rinnovabili per 2 anni se applicata però a chi l'anno precedente era nella lista più infima e con valore 1.

Mercato: ok no agevolazioni doping, ok 6 cambi, ok no ri-acquisto.

Premi: ok nuova classe, ok altre classifiche, l'ultima proposta invece la vedo un po contro la logica del gioco. Se invece si vincesse 100 punti extra chi si aggiudica il premio Swift del mese?
 
#4
purtroppo quando si va a busta chiusa le sculate sono quasi inevitabili, poi se nessuno ti ha rilanciato per Valverde cavoli suoi.

Quella dei coefficienti in base alla classe era una delle soluzioni a cui avevo pensato, anche se però dovrebbero essere più alti (per dire con 1,2 Froome, Nibali e Sagan avrebbero avuto 60 come valore di rinnovo quest'anno). Combinata con il budget massimo dedicato ai rinnovi può essere un'ottima soluzione.

Il premio Swift alla fine è una cosa così per sfottere chi ha sbagliato la formazione, assegnare dei punti per un demerito sarebbe un controsenso
 
#5
Sarebbe bello fare anche i rinnovi per la primissima fascia,io per esempio potrei rinnovare Tony Martin e Boasson hagen,altri potrebbero rinnovare Nibali,Valverde,Cancellara,Wiggins ecc...
 
#6
Mah, il bello dei rinnovi alla fine è sui giovani: il riuscire ad essere lungimiranti e prendere uno a nulla che poi potrai utilizzare anche l'anno dopo assicurandotelo senza dover fare aste e spendendo meno del suo valore reale. Sui big ha meno senso. Anche perché poi metti che arriva qualcuno nuovo, e se i vari big cominciano ad essere un po' tutti bloccati... bella roba... magari nemmeno ci vuol più partecipare... :-/
 
#7
non ti preoccupare che Boasson Hagen in primissima fascia non ci finirà, ma neanche in secondissima o in terzissima.

Comunque i rinnovi per la prima fascia, sempre se li faremo (al momento sono sempre più propenso per il no ma vediamo come si evolve la discussione) saranno molto costosi e limitativi, nel senso che se uno dovesse decidere di rinnovare il Nibali o il Valverde di turno gli dovrebbero restare pochissimi crediti per completare la squadra.
Anche in quest'ottica diventa interessante la possibilità del rinnovo pluriennale, così che se per esempio io rinnovo Diego Rosa per due stagioni e l'anno prossimo vince Giro, Vuelta e Parigi-Roubaix allora la mia lungimiranza sarà premiata (col rischio però che se viene investito da un trattore e perde due stagioni devo tenermelo sul groppone per due anni), mentre rinnovare i big creerebbe troppa staticità nel gioco.

Anzi un'altra possibilità che mi era venuta in mente è quella di assegnare dei valori di rinnovo tramite formula (da determinare a fine stagione con calma), e poi formare una sorta di "comitato" di più persone per decidere chi non è rinnovabile, chi è rinnovabile per più anni eccetera (per dire, se ci affidiamo alla divisione per fasce in questo momento ricadrebbero in seconda fascia Cancellara e Van Asbroeck, trattarli allo stesso modo non sarebbe troppo logico)
 
#8
C'è spazio per me?
 
#9
sì, anche luciox98 si era proposto, più in là apriamo il topic delle iscrizioni
 
#10
ono d'accordo che il rinnovo dei big sarebbe un tappo per coloro che volessero iscriversi l'anno prossimo.

Provo a buttare giù qualche idea..
Per esempio guardando velocemente la nuova classifica world tour mi viene da dire che i primi 80 nomi sarebbe meglio non poterli rinnovare. In questo modo, ipotizzando 10 iscritti, risultano essere liberi dei bei corridori sia per i nuovi che per i vecchi.. Visto che bene o male sono i migliori 8 corridori per team che fanno il grosso dei punti in stagione.

I rinnovi biennali sono una figata, si potrebbero applicare a sto punto a chiunque sia fuori dalla top 80, e come forse aveva detto Sarri con un valore maggiorato rispetto a un rinnovo annuale, ma che poi rimarrebbe bloccato e da confermare obbligatoriamente anche l'anno successivo.

Esempio: Paul Martens, il rinnovo annuale per il 2015 costa 3$, mentre il rinnovo biennale per il 2015 costa 5$ e nel 2016 costerà sempre 5$ indipendentemente dal rendimento.

Se sbagli cavallo da rinnovare per 2 anni non è poi cosi un disastro visto che ne rimangono 24 che possono fare punti. Però se lo azzecchi hai fatto il botto per l'anno successivo.
 
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)