Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Fortunato Baliani
#1
 
Rispondi
#2
Sfortunato Baliani, frattura scomposta dell'osso sacro
Caduto al Gp Lugano, Fortunato Baliani lamentava ancora dolori al fondoschiena. Una risonanza magnetica effettuata ieri ha rilevato la frattura scomposta dell'osso sacro: il corridore di punta del team Nippo sarà dunque costretto a un periodo di riposo forzato fino almeno alla fine di marzo e salterà la Settimana Internazionale Coppi e Bartali.

cicloweb.it
 
Rispondi
#3
Baliani: dopo il Giappone... punto all'Italia
Caro Fortunato, il 2012 non sembrava essere partito nel migliore dei modi e ora arriva questa vittoria, nella corsa più importante per il Team Nippo. Cosa si prova? Raccontaci le tue emozioni.
«Vincere regala sempre emozioni uniche. Non c’è età né gara che ti possa togliere queste sensazioni. Mi ero posto questo obiettivo già all’inizio dell’anno e anche dopo l’infortunio di Lugano (bacino fratturato in tre punti diversi) non mi sono mai perso d’animo. Ho fatto tutto il possibile per guarire in fretta e recuperare la condizione al 100%, perché al Giro del Giappone volevo andare per vincere. Avevo promesso a me stesso e alla squadra che non avrei mancato l’appuntamento più importante della stagione e sarei tornato più forte di prima: per fortuna è andato tutto nel verso giusto».

Tutto sembra aver funzionato alla grande in Giappone. Quando hai capito che potevi farcela? A chi dedichi questo successo?
«Già prima di lasciare l’Italia, studiando il percorso e sentendo allo stesso tempo la condizione crescere giorno dopo giorno, avevo capito che potevo vincere questo Giro del Giappone. La scalata del monte Fuji, in particolare, sembrava fatta proprio per me. Dedico questa vittoria a tutte le persone che mi sono state vicine e mi hanno supportato in questi ultimi anni, alla squadra, ai miei compagni che sono davvero fantastici, al nostro General Manager Daimon Hiroshi che ci teneva particolarmente a vincere la gara più prestigiosa della sua nazione, ma soprattutto alla mia famiglia che è la cosa più importante che ci sia e che insieme a me fa sacrifici enormi per aiutarmi a raggiungere traguardi come questo».

L’anno scorso il Tour de Kumano, quest’anno il Giro del Giappone: l’Oriente ti porta fortuna a quanto pare. Fare la doppietta a Kumano vincendo per il secondo anno consecutivo, sarebbe fantastico..
«Si, sarebbe fantastico fare la doppietta a Kumano, ma sarei anche onorato di aiutare coloro che hanno contribuito al mio successo al Giro del Giappone. Sarà la strada a decidere, però, se dovesse servire, io sono disponibile a mettermi al totale servizio dei miei compagni di squadra. Credo, ad esempio, che Arredondo e Sano abbiamo molte possibilità di fare bene».

Gambe, testa o cuore? Cosa conta di più per continuare a correre alla tua età?
«Sono convinto che, per poter continuare a correre alla mia età, la testa conti molto più delle gambe o del cuore. Per affrontare i sacrifici che questo sport richiede, specialmente a 38 anni, bisogna rimanere sempre concentrati sull'obiettivo e non abbattersi mai. Anche se devo ammettere che io mi diverto ancora molto e questo aiuta: il mio spirito è quello di un ventenne. Poi, sono fortunato ad avere attorno a me uno staff qualificato e di esperienza come quello del Team Nippo».

Dopo Kumano, sai già cosa farai? Ti sei posto qualche obiettivo in particolare per il proseguo della stagione?
«Dopo Kumano andrò a fare il Giro di Serbia, dal 12 al 17 giugno, per poter preparare il mio prossimo obiettivo: il Campionato Italiano».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Fortunato Baliani, oramai arrivato alla soglia dei 40 anni, si appresta a chiudere la sua carriera: la sua ultima corsa dovrebbe essere il Tour of Korea, in programma dall'8 al 15 giugno prossimi.
 
Rispondi
#5
Mi mancherà molto poco
 
Rispondi
#6
Povero Balio Triste Al Giro sempre all'attacco, altro che quel sopravvalutato di Hoogerland Sese Ricordo ancora quando perse la possibilità di vincere una tappa perché scivolò in curva ai -400 dall'arrivo... Triste
 
Rispondi
#7
Io non l'ho mai sopportato. E' vero, attaccava sempre ma era grammissimo, puntava sempre la maglia verde ma non è mai andato neanche vicino a vincerla.
 
Rispondi
#8
Un campione, ci mancherà Triste
 
Rispondi
#9
Ero più dispiaciuto per il ritiro di Astarloza
 
Rispondi
#10
Beh, Astarloza è una leggenda, è chiaro...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)