Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Francesco Masciarelli
#1
[Immagine: in_costruzione.png]
 
Rispondi
#2
Le Stelle di domani. Francesco Masciarelli
Nato il 5 maggio 1986. Segno zodiacale Toro.

AMORE
«Ho due grande amori: Francesca e il nostro piccolo Riccardo di 5 mesi. So­no sposato con Francesca da quattro an­ni. Siamo convolati a nozze prima con la cerimonia in comune il 29 giugno 2006, e poi a fine stagione in chiesa. L’ho conosciuta nel 2004, alla Gran Fondo Sharm El Sheik. Lei accompagnava papà Francesco e si è innamorata di Francesco, il sottoscritto. Cosa mi ha colpito di lei? Tutto. Ha due occhi strepitosi, scuri scuri che mi mandano ancora adesso in estasi e poi ha un ca­rattere che a me piace molto. Donna tosta ma anche dolcissima. Io sono fi­glio di corridori (papà Palmiro), cresciuto in mezzo alla biciclette, con tutte le attenzioni del caso. Diciamo che sono sempre stato molto coccolato, forse anche più dei miei due fratelli (Andrea e Simone, anche loro corridori, ndr). Francesca ha avuto il grande merito di farmi crescere. Se oggi sono quello che sono, gran parte del merito è suo. Tra le mie passioni c’è il cinema. Film preferito? Le ali della libertà. Attrice Angelina Jolie, attore James Dean».

LAVORO
«Quello di quest’anno sarà il mio quinto anno da professionista. Ora però il cordone ombelicale è stato reciso anche a livello ciclistico. Dopo quattro anni ho lasciato la squadra di papà (l’Acqua&Sa­po­ne, ndr) e sono appro­da­to all’Astana di Alexander Vinokou­rov. Il mio 2010 non è stato assolutamente soddisfacente, mi aspettavo molto di più, ma ho avuto troppi problemi che mi hanno condizionato. Nel 2011 voglio dimostrare in questa grande squadra tutto il mio valore. So­prattutto voglio correre un grande Giro d’Italia a fianco di Roman Kreu­zi­ger che sarà la nostra punta designata. Vo­glio aiutarlo a vincere il Giro e poi tro­ve­rò gli spazi giusti per to­gliermi anch’io qualche buona soddisfazione».

SALUTE
«L’anno scorso ho avuto molti problemi di salute: personale e di famiglia. Mia moglie ha avuto una gravidanza molto difficile. Negli ultimi mesi non faceva altro che entrare e uscire dall’ospedale. Papà Palmiro al mese di aprile è stato ricoverato d’urgenza per la perforazione di un diverticolo che è andato an­che in setticemia. Quattro operazioni, più di un motivo per non essere molto sereno. Per quanto mi riguarda, cado al Giro d’Italia: botte e contusioni molto profonde dappertutto. Nulla di grave, ma riprendermi non è stato semplice».

SOLDI
«Per me sono molto importanti, so­prattutto in ottica di famiglia. Da quando sono sposato ed è arrivato anche Riccardo, il mio rapporto con i soldi è radicalmente cambiato: ho fatto più di una polizza assicurativa per garantire Francesca e Riccardo. Se da ragazzo guadagnavo qualcosa? No, ci pensavano papà e mamma Clara: sono sempre stato molto fortunato, pure troppo. An­che da dilettante qualche mancia, nulla di più. I primi soldi da professionista, sempre con papà. Ma ora all’Astana mi sento più responsabile e responsabilizzato. Ho più di un motivo per doverlo essere».

da tuttoBICI di gennaio a firma di Pier Augusto Stagi
 
Rispondi
#3
proprio sfigato questo
 
Rispondi
#4
Davvero. Sisi Comunque il suo Giro rimane più che positivo; spero che Martino gli conceda una chance alla Vuelta...
 
Rispondi
#5
infatti, non discuto le sue qualità, ma l'infortunio al giro è stato sconcertante, di sicuro finiva nei top 10 a fine giro, secondo me lo vedremo al giro d'austria perchè il tour non lo fa, poi chissà, capitano alla vuelta perchè kreuziger e vino si occuperanno del tour, è la nostra speranza per le corse a tappe, deve cominciare a mandare segnali positivi
 
Rispondi
#6
Ha bisogno di spazio,è più forte di Kreuziger...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
 
Rispondi
#7
non lo so, kreuziger va meglio a crono mentre soffre le salite difficili, il mascia ha talento ma è sfortunato
 
Rispondi
#8
(14-06-2011, 09:28 PM)dani the killer Ha scritto: Ha bisogno di spazio,è più forte di Kreuziger...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato

Mah, il problema di Kreuziger sono le aspettative esagerate, però se vai a vedere risultati Kreuziger batte Masciarelli 3-0 eh...
 
Rispondi
#9
masciarelli però non è stato mai capitano, kreuziger si
 
Rispondi
#10
Mah, secondo me il paragone Mascia-Kreuziger c'entra poco, sia come caratteristiche che come esperienze. In comune hanno solo la squadra e l'età. Sinceramente, penso che Kreuziger abbia le stimmate del predestinato (che ciò non vuol dire che diventerà per forza un campionissimo eh), mentre Masciarelli è un buon corridore che, con il lavoro, la giusta fiducia e la fortuna (quella non deve mai mancare Asd ), potrà arrivare un giorno ad ambire a dei bei risultati.

Comunque è già un'ottima cosa che sia passato all'Astana e che abbia la possibilità di correre tutte le corse più importanti al mondo: a tanti nostri corridori viene bloccata la crescita proprio dal fatto che - al massimo - riescono a correre solo gli eventi RCS, mentre il Mascia è riuscito a far 'sto salto proprio al momento giusto (25 anni)...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)