Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d'Italia 2015 | 16^ tappa: Pinzolo - Aprica
#1
Arrivo in salita 
Giro d'Italia 2015, 16^ tappa con Tonale e Mortirolo: presentazione, percorso, altimetria, planimetria, dettagli ultimi chilometri, ordine d'arrivo, risultati, classifiche, video, fotografie, commenti, pronostici, scommesse, tv, pagelle, ritirati, twitter, facebook.


martedì 26 maggio 2015
Pinzolo > Aprica
16^ tappa - 175 km



Percorso
Presentazione

Tappa di alta montagna. Si superano 5 GPM e 4.500 m di dislivello nel corso della tappa. Si parte in salita da Pinzolo per superare il Campo Carlo Magno (in gran parte è la salita del giorno precedente), discesa veloce su Dimaro e quindi salita al Passo del Tonale. Discesa su Ponte di Legno e Edolo e quindi prima ascesa a Aprica attraverso il paese di Santicolo (pendenze attorno al 15% nel primo tratto). Dopo Corteno Golgi di rientra sulla ss.39 e si passa una prima volta sul traguardo. Discesa ampia e veloce nella prima parte, poi più stretta e tecnica fino a Stazzona. Passaggio pianeggiante (l’unico della tappa) attraverso Tirano per affrontare quindi il Mortirolo dal versante classico di Mazzo di Valtellina (con i 6 km centrali al 12,2% e punte del 18%). Discesa tecnica (e a carreggiata ristretta nella prima parte) fino a Monno e a seguire fino a Edolo dove si affrontano una seconda volta i 14 km che portano a Aprica.

Strada interamente in salita con pendenze notevoli tra Edolo e Santicolo (max 15%) e che poi scemano man mano che ci si avvicina all’arrivo passando dal 5% ai 5 km fino ad arrivare a pendenze inferiori al 2% negli ultimi 500 m. Larghezza della sede stradale all’arrivo 7.5 m, pavimentazione in asfalto in leggera salita.

Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
13,3 Campo Carlo Magno 2^ 13,0 km al 6,7% (max. 12%)
55,5 Passo del Tonale 2^ 15,3 km al 6,1% (max. 10%)
100,9 Aprica 3^ 14,0 km al 3,5% (max. 15%)
140,7 Passo del Mortirolo 1^ 11,9 km al 10,9% (max. 18%)
174,0 Aprica 3^ 14,0 km al 3,5% (max. 15%)

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Resoconto classifiche completo



Highlights




Link

Articoli correlati: -





 
Rispondi
#2
Giro d’Italia, la Valtellina si veste di rosa
Presentate le tappe del Giro e la Granfondo del 17 maggio

[Immagine: showimg.php?cod=78360&resize=10&tp=n]

Sono state presentate questa mattina, presso il Palazzo Pirelli di Regione Lombardia a Milano, le tappe valtellinesi (26 e 27/05) del Giro d’Italia 2015 e la Granfondo Giro d’Italia del 17 maggio. All’evento, moderato da Pietro Illarietti, sono intervenuti: Mauro Vegni, Direttore della corsa rosa, Antonio Rossi, Assessore allo sport di Regione Lombardia, Andrea Trabuio, Responsabile di RCS per i grandi eventi, Marco Negrini, Consigliere con delega al turismo della Provincia di Sondrio, il sottosegretario regionale con delega alla montagna Ugo Parolo, i sindaci di Aprica, Carla Cioccarelli e di Tirano, Franco Spada.

Ad aprire gli interventi Marco Negrini che ha ricordato come la Valtellina possa esprimere cultura, enogastronomia, sport e bellezze quali i terrazzamenti. Aprica, Comune da anni impegnato nell’organizzazione di tappe del Giro, ha ricordato come negli anni si siano succeduti grandi campioni su queste strade. “Aprica ha sempre salutato grandi campioni. Il Mortirolo è una risorsa incredibile ed in tutto il mondo la conoscono, sta a noi valorizzarla ancor di più”. A seguire Franco Spada: “Il Giro è un evento. Ancor oggi mio padre mi racconta della tappa del Giro 1967 vinta da Mugnaini con Gimondi che indossò la maglia rosa che avrebbe portato fino a Milano”.

Le tappe sono state spiegate da Mauro Vegni. “Innanzitutto voglio ringraziare chi ha reso possibile la realizzazione delle 2 date, Gigi Negri, che da anni con passione si spende per la causa valtellinese. La tappa valtellinese è sicuramente la frazione regina con le scalate di Passo Campo Carlo Magno, Tonale, Aprica da Corteno Golgi, Mortirolo e di nuovo Aprica”.

Il 17 si tiene invece la Gran Fondo Giro d’Italia, sullo stesso percorso dei professionisti. “Cronometreremo la salita del Mortirolo – la precisazione di Andrea Trabuio – credo che per i ciclo fondisti sia un percorso fattibile. Per i meno allenati vi è la versione corta”.

A chiusura Antonio Rossi. “Io ci sarò, in bici. Mi sto già allenando. Ricordo che questo appuntamento è inserito nel calendario Expo. Vogliamo che la gente visiti la Valtellina”. Al termine gli ospiti hanno potuto gustare i prodotti tipici al catering allestito dal PFP, Polo di formazione professionale, diretto da Lorena Bonetti.

Photogallery

[Immagine: showimg.php?cod=9066&tp=fgn&resize=11&pos=] [Immagine: showimg.php?cod=9067&tp=fgn&resize=11&pos=] [Immagine: showimg.php?cod=9068&tp=fgn&resize=11&pos=] [Immagine: showimg.php?cod=9069&tp=fgn&resize=11&pos=]

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#3
Giro d'Italia, a Pinzolo gli animalisti promettono il boicottaggio
Protestano contro l'uccisione dell'orsa Daniza

[Immagine: showimg.php?cod=79755&resize=10&tp=n]

Ancora polemiche per l'uccisione (per errore) dell'orsa Daniza lo scorso settembre durante un tentativo di cattura. In vista del Giro d'Italia - che domenica arriverà a Madonna di Campiglio e martedì ripartirà da Pinzolo dopo un giorno di riposo - gli animalisti tornano a parlare di boicottaggio del Trentino. Nella scorsa notte alcuni gruppi di animalisti - come riporta il sito internet "cento per cento animalisti" - hanno tappezzato di locandine contro il passaggio trentino del Giro il palazzo della Regione a Trento e la sede del parco naturale Adamello Brenta in val Rendena.
Gli animalisti annunciano azioni in occasione del Giro d'Italia, soprattutto dopo la decisione presa dal giudice di archiviare il procedimento, e promettono: "La tappa è lunga e piena di insidie".

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Apriamo un pò il dibattito su questa tappa.

Contador si limiterà a seguire un eventuale attacco del duo Astana o proverà a lasciare tutta la compagnia già sul Mortirolo per porre fine alle residue speranze degli avversari?

I Kazaki proveranno ad isolare il nativo di Pinto,facendo corsa dura fin dall'avvio o riproporanno il solito trenino azzurro fino agli ultimi km?

La fuga del mattino,riuscirà a giocarsi la tappa,approfittando del marcamento tra mi big?

Venghino signori venghino...
 
Rispondi
#5
Io non sono così sicuro che Contador possa andare forte come ieri sul Mortirolo.

Approfondirò in seguito nel podcast(che uscirà domani), però lui è uno che preferisce salite al 7/8% dove la differenza la fai coi cambi di ritmo a quelle al 15% dove devi andare di passo.
 
Rispondi
#6
Contador va forte ovunque, ma diciamo che preferisce pendenze fino al 10\11\12%. Salite come il mortirolo gli sono meno favorevoli, nei tratti al 18% non si può scattare praticamente...

Detto questo. Per me domani, data la conformazione della tappa, i fuggitivi potrebbero avere spazio. Gente intorno al 12°-15° potrebbe andare all'arrivo. La tattica dell'Astana credo sarà quella di spingere sul Tonale ma non credo in modo eccessivo perchè rischierebbe di cuocere uno dei suoi 2 uomini-podio ma potrebbe fare un ritmo tale da isolare Contador quanto prima. Discorso diverso se dovessero mandare un paio di uomini in fuga: lì porterebbero in carrozza Contador verso il Mortirolo senza neppure causargli fastidio.
Arrivati al confronto definitivo sulle rampe al 15% credo proprio che Contador segua la compagnia senza umiliare nessuno, non è nel suo stile di corsa. Ha la rosa, la difenderà. Mi aspetto un arrivo a 3 e se si andrà per la tappa potrebbe vincere nuovamente Landa.

Sarà una tappa stra complicata per gli uomini dal 4° posto in giu, lì ci saranno cotte su cotte. Partenza in salita, 5 salite vere da affrontare dopo un giorno di riposo e 2 settimane terrificanti. Per me uno dei primi a saltare sarà Caruso che ieri ha ceduto di schianto. Per me paga "la cotta" che ha subito così come mi aspetto la fuoriuscita dalla top10 di Monfort. Credo nella possibilità di risalita di Kreuziger e VDB. Hesjedal sta correndo male secondo me e domani pagherà anche lui
 
Rispondi
#7
Comunque - giusto per farvi un po' di invidia - io anche domani seguirò la tappa con la carovana e poi sarò all'arrivo.
 
Rispondi
#8
Secondo me Hesjedal domani vince la tappa e rientra nella top ten, è adattissima alle sue caratteristiche e mi sembra in crescita. Lui poi corre sempre male....
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Micheliano59
#9
Mortirolo adattissimo a Hesjedal? Oddio
 
Rispondi
#10
A prescindere dal Mortirolo è spesso andato forte in tappe lunghe con diverse salite impegnative..
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)