Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d'Italia 2016 | 10^ tappa: Campi Bisenzio - Sestola
#1
Arrivo in salita 
La presentazione della 10^ tappa del Giro d'Italia 2016: il percorso con altimetria e planimetria, i dettagli degli ultimi chilometri; le salite segnate come GPM che saranno affrontate dai corridori; la cronotabella con gli orari dei passaggi della corsa; i risultati con ordine d'arrivo e classifiche delle maglie; video televisivo con gli highlights e fotografie; commenti, pronostici e scommesse.


martedì 17 maggio 2016
Campi Bisenzio > Sestola
10^ tappa - 219 km



Percorso
Presentazione

Tappa di montagna dove la pianura è assente se non si contano i primi 25 km. Dopo Pistoia infatti si affronta il Passo della Collina  e si attraversa l’Appennino Tosco-Emiliano. Discesa veloce su Porretta Terme e risalita al GPM di Pietracolora che immette nella valle del Samone. Breve tratto pianeggiante fino a Marano sul Panaro dove iniziano 70 km di saliscendi che portano ai piedi del GPM di Pian del Falco che presenta nel finale lunghi tratti con pendenza a doppia cifra (fino al 14%).
Gli ultimi 15 km caratterizzati dalla discesa veloce e impegnativa che dal GPM porta a Fanano; discesa che si divide in due parti, la prima larga e con poche curve che immette in una seconda articolata e a tratti con carreggiata ristretta fino alla parte dentro l’abitato di Fanano. Segue la salita finale di 7 km al 5-6% su strada larga e serpeggiante fino al rettilineo finale di 100 m su asfalto in salita di larghezza 6.5 m.

Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
37,5 Passo della Collina 3^ -
75,8 Pietracolora 3^ -
203,0 Pian del Falco 1^ 16,3 km al 5,2% (max. 13%)
219,0 Sestola 3^ 7,4 km al 5% (max. 8%)

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1. Giulio Ciccone (Bardiani-CSF) 5h44'32''
2. Ivan Rovny (Tinkoff) +42''
3. Darwin Atapuma (BMC Racing Team) +1:20''
4. Nathan Brown (Cannondale Pro) +1:53''
5. Damiano Cunego (Nippo-Vini Fantini) +2:04''
6. Andrey Amador (Movistar Team) +2:10''
7. Giovanni Visconti (Movistar Team) +2:11''
8. Alejandro Valverde (Movistar Team)
9. Esteban Chaves (Orica-GreenEdge)
10. Jakob Fuglsang (Astana)

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1. Bob Jungels (Etixx-Quick Step)
2. Andrey Amador (Movistar Team) +25''
3. Alejandro Valverde (Movistar Team) 50''
4. Steven Kruijswsijk (LottoNL-Jumbo)
5. Vincenzo Nibali (Astana) +52''
6. Gianluca Brambilla (Etixx-Quick Step) +1'11''
7. Rafal Majka (Tinkoff-Saxo) +1'44''
8. Jakob Fuglsang (Astana) +1'46''
9. Ilnur Zakarin (Katusha) +2'08''
10. Esteban Chaves (Orica-GreenEdge) +2'26''

Resoconto classifiche completo



Highlights






Link


Articoli correlati:





 
Rispondi
#2
http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Thr...go-Sestola

Tappa molto più lunga e dura rispetto a quella di due anni fa, soprattutto grazie all'inserimento di Pian del Falco che è una salita vera.

Sarebbe bello vedere una tappa in stile Abetone 2000 dove ci fu una grande bagarre sulla penultima salita con Casagrande che staccò tutti e si face tutto l'Abetone in solitaria(gran protagonista quel giorno anche il killer Wub )

Peraltro direi che la salita finale si fa da un altro versante.
 
Rispondi
#3
Tra l'altro dicevano oggi al processo alla tappa che la discesa è molto molto tecnica (forse la più difficile del Giro), speriamo di vederne delle belle. Alla fine l'ultima salita è abbordabile e la si fa bene a ruota, quindi i gregari sono fondamentali.
 
Rispondi
#4
Prevedo il cedimento di Jungels e Brambilla.
Tappa a Landa, maglia ad Amador

Meteo: bel tempo
 
Rispondi
#5
Mah, questa superiorità di Landa in salita è ancora da dimostrare nel 2016... FIno ad oggi non è mai stato brillante, mai!
Come dice saggiamente Igor, sulla salita finale saranno fondamentali i gregari perchè è un versante piuttosto ridicolo come pendenze. Immagino una grandissima bagarre ad inizio tappa per sganciare gregari in fuga che possano essere futuri punti d'appoggio
 
Rispondi
#6
Prevedo un Nibali all'attacco in discesa sperando abbia un appoggio per i primi tre chilometri della salita finale
 
Rispondi
#7
Difficile un attacco in solitaria...la salita finale è troppo pedalabile per stare da soli,però un attacco della Movistar con Amador che si sacrifica potrebbe starci
 
Rispondi
#8
i 4 km finali di Pian del Falco sono abbastanza duri, e se ci provano già da lì chi non ha gamba potrebbe saltare, e magari formano il gruppetto come nella tappa di Arezzo o magari in 5-6 e potrebbero pure collaborare tra loro negli ultimi 6km a seconda di chi sarà staccato, cmq sono soltanto 6 km di salita finale, quindi potrebbero pure provarci i big anche perchè vengono da un giorno di riposo, la tappa dopo se non per il kilometraggio e quei 15 km finali un pò mossi è un piattume, la tappa 12 tutta piatta quindi possono pure recuperare dallo sforzo, poi non stiamo parlando di una salita finale da 20km e quindi a ruota si consuma abbastanza poco, 6 km che potrebbero pure fare distacchi pesanti vista la velocità maggiore che possono fare quelli che hanno la gamba buona, insomma un Dumoulin che si dovesse staccare sulla salita precedente anche su quei tratti perderebbe terreno se non ha gambe
 
Rispondi
#9
Dumoulin ormai non fa più paura...una collaborazione tra gli uomini di classifica ci potrebbe essere solo se si stacca uno tra Valverde,Nibali o Landa, altrimenti la pendenza pedalabile dell'ultima salita spinge a stare con i compagni di squadra...Astana e Movistar penso che avranno un paio di uomini a testa. e se attacca un Pozzovivo o Uran non penso che andranno dietro.
 
Rispondi
#10
(16-05-2016, 02:27 PM)Italbici Ha scritto: Dumoulin ormai non fa più paura...una collaborazione tra gli uomini di classifica ci potrebbe essere solo se si stacca uno tra Valverde,Nibali o Landa, altrimenti la pendenza pedalabile dell'ultima salita spinge a stare con i compagni di squadra...

Precisamente. Dumoulin è morto e sepolto, ormai inizierà a essere lotta a 3 (finchè non capiranno se Kruiswijk è realmente un pericolo o meno). La distanza con gli altri è significativa e potrebbe permettere a un nome "secondario" di andare via, anche se i nomi fatti da Italbici non li condivido tantissimo su una salita così ma pensavo più a un Firsanov o a un Hesjedal


Ripeto: per me la bagarre per mandare in fuga un punto d'appoggio per il finale sarà accesissima. La Movistar già ha dimostrato di saperci fare ad Arezzo, vorranno imitarla anche Sky, Astana e compagnia
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)