Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro d'Italia, Gibo Simoni: «Vedo tanta incertezza in gruppo»
#1
Giro d'Italia, Gibo Simoni: «Vedo tanta incertezza in gruppo»
«L'impressione è che tutti si stiamo accontentando»

Alla fine, nonostante l’attacco nel finale da parte di Domenico Pozzovivo, anche la seconda tappa appenninica è stata vissuta all’insegna dell’attendismo e del controllo reciproco tra i big. Circostanze che alla fine hanno condizionato e favorito il finale a due nel quale l’olandese Pieter Weening ha avuto la meglio allo sprint sul nostro, generosissimo, Davide Malacarne.

Un parere condiviso dal primo ospite intervenuto nella puntata domenicale di “Velodrome, opinioni a confronto”, Gilberto Simoni. Un ex di lustro che di Giri d’Italia se ne intende, avendo portato a casa le edizioni 2001 e 2003.

«Una corsa strana, condizionata forse da quello che è successo nelle prime tappe, che hanno tolto di mezzo qualche scalatore importante» - ha sottolineato il trentino - . «Ho visto tanta incertezza, mentre invece mi sarei aspettato che qualcuno osasse di più. Vedere su un arrivo come quello di oggi giungere i migliori tutti insieme in un gruppetto di circa 20 unità, mi ha dato l’idea che tutti in fondo, si stiano accontentando. Anche Pozzovivo che pure è riuscito a mettere in tasca dei secondi importanti, avrebbe dovuto a mio parere, far lavorare di più la squadra e cercare di creare ancora maggiore selezione».

Una visione che fa propendere Simoni a valutare Cadel Evans come il favorito per la vittoria finale: «Basterà che Evans corra in difesa. Gli sarà sufficiente per fare suo questo Giro d’Italia».

Con il secondo ospite Daniele Righi, si è invece parlato soprattutto di Diego Ulissi, fresco vincitore di due frazioni e a questo punto esortato da molti appassionati e tifosi a curare anche la classifica generale dove occupa la 7a posizione, con un ritardo di 1’43” dalla maglia rosa. Il neo diesse del team Lampre-Merida invita invece alla prudenza, sottolineando che la squadra e Ulissi «vivono la situazione giorno per giorno. Non vogliamo assolutamente mettere troppa pressione intorno a Diego. Un ragazzo ancora giovane che deve ancora crescere. Vedremo quello che potrà fare e alla fine sarà la strada a decidere».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#2
Grande Gibo!
 
Rispondi
#3
Secondo me Simoni sta sbagliando tutto.
 
Rispondi
#4
E invece non ha detto cose così sbagliate. Che c'è stato un immobilismo esasperato fino ad ora mi sembra sia sotto gli occhi di tutti, non so se è dipeso dalle cadute, ma uno che è stato per anni in gruppo queste cose le sa meglio di noi .

Sul favorito che è Evans sono opinioni. Però è vero che da ora in poi (o meglio dopo la crono dei vini) l'australiano dovrà solo correre in difesa.
 
Rispondi
#5
sì sì finora l'unico che si è mosso è stato Pozzovivo. Chiaro, ma quante salite devono ancora fare?
Credi che Cadel farà bene alla Barbaresco Barolo? Dal 2012 è molto peggiorato in quella specialità, rischia di perdere ancora da Pozzo Shifty
 
Rispondi
#6
Pozzovivo nella crono perderà tra il minuto e il minuto e mezzo da Evans e non lo vedo assolutamente lottare per la vittoria finale. Per far fuori l'australiano basterebbero solo la cronoscalata e lo Zoncolan, ma se Quintana volesse potrebbe attaccarlo senza problemi anche prima...

In sostanza io considero Quintana il favorito assoluto, Uran è sicuramente inferiore e Pozzovivo sopravvalutato...
 
Rispondi
#7
(19-05-2014, 06:40 PM)Micheliano59 Ha scritto: Pozzovivo nella crono perderà tra il minuto e il minuto e mezzo da Evans e non lo vedo assolutamente lottare per la vittoria finale. Per far fuori l'australiano basterebbero solo la cronoscalata e lo Zoncolan, ma se Quintana volesse potrebbe attaccarlo senza problemi anche prima...

In sostanza io considero Quintana il favorito assoluto, Uran è sicuramente inferiore e Pozzovivo sopravvalutato...

Se Pozzo fa la crono che fece alla Vuelta Asd
 
Rispondi
#8
Simoni se non sbaglio nel Giro del 2003 fece un bel numero in una tappa appenninica prima di chiudere il Giro in salita. Pozzovivo più di così non credo potesse fare, la squadra ha lavorato, lo spazio per far selezione non c'era (su una salita al 4% non stacchi nessuno)
 
Rispondi
#9
Fu una crono particolare, Roche arrivò 5 e Pinot 15 per dire...
 
Rispondi
#10
Anche questa è particolare, non perderà tanto dai migliori
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)