Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Giro della Valle d'Aosta 2017
#1
23-28 Agosto 2011
Giro della Valle d'Aosta
 
Rispondi
#2
Prime indiscrezioni sul percorso del Giro della Valle d'Aosta
Durante la consueta assemblea annuale della Società Ciclistica Valdostana, tenutasi la scorsa domenica 6 febbraio, sono emerse le prime indiscrezioni sul percorso del Giro Ciclistico della Valle d'Aosta Mont Blanc: partenza martedì 23 agosto da Ville-La-Grand, con arrivo nella stessa cittadina sulle rive del lago Lemano o nella vicina stazione sciistica di Les Contamines. Ripartenza il giorno successivo, mercoledì 24, da Praz de Lys, da dove la carovana raggiungerà la Valle d'Aosta attraverso il colle del Piccolo San Bernardo: ancora incerta, ad oggi, la sede dell'arrivo di tappa. Le altre frazioni in terra valdostana termineranno a Valgrisenche e Torgnon, inframezzate dalla tappa canavesana con partenza e arrivo a Rivara che, in vista del Mondiale, sarà caratterizzata da un percorso pianeggiante favorevole ai velocisti. Domenica 28 agosto gran finale con la cronoscalata da Champdepraz a Chevrère (Parco del Mont Avic), che ripercorrerà gli ultimi dieci chilometri della tappa che - un anno fa - consegnò la maglia gialla a Petr Ignatenko.

cicloweb.it
 
Rispondi
#3
Valle d'Aosta 2011: le anticipazioni...
Mancano poco meno di cinque mesi al via del 48° Giro ciclistico internazionale Valle d'Aosta/Mont Blanc, in programma dal 23 al 28 agosto prossimi, e l'attesa è già tanta. A fronte di diverse indiscrezioni emerse nelle ultime settimane, il Presidente del Comitato Organizzatore Vasco Sarto, al termine del direttivo della Società Ciclistica Valdostana svoltosi ieri, ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni.

PRIME INDISCREZIONI - "La corsa partirà martedì 23 agosto in Francia, a Ville-La-Grand, con una prima tappa vallonata. Il giorno successivo ci sarà un'impegnativa tappa alpina che porterà i corridori in Italia tramite il Colle del Piccolo San Bernardo. Giovedì e sabato avremo ancora salite, come si aspettano tutti gli appassionati del Giro della Valle d'Aosta, con percorsi duri lunghi e selettivi.

IN PIEMONTE LA TAPPA PER I VELOCISTI - Nel mezzo, il venerdì, una puntata in Piemonte, dove abbiamo inserito una tappa da velocisti per andare incontro ai tanti corridori che ogni anno vengono sulle nostre strade per preparare i Campionati del Mondo.
La domenica gran finale con i dieci chilometri di cronoscalata verso il Parco del Mont Avic, la salita che lo scorso anno ha incoronato Peter Ignatenko." Riassumendo, ci saranno dunque tre tappe di montagna, una cronoscalata, una tappa vallonata e una tappa per velocisti. "Sarà un bel Giro, ne sono sicuro, all'altezza delle ultime spettacolari edizioni."

PARTECIPAZIONE DI QUALITA' - Già in corso il toto-partecipazioni, e anche su questo Sarto dimostra di avere le idee chiare "La partecipazione dei corridori sarà come sempre di altissimo livello: ormai i direttori sportivi sanno che le nostre strade sono un ideale banco di prova e di confronto, con ragazzi provenienti da tutto il mondo. Avremo al via le migliori nazionali e club di primissimo piano da tutta Europa.
Dal punto di vista organizzativo cercheremo di migliorarci ancora: avremo delle novità interessanti già a partire dalla presentazione, che si svolgerà a fine giugno. Ogni anno cerchiamo di aggiungere un tassello per migliorare il nostro operato e fare il bene della corsa. L'interesse che viene sempre più mostrato da parte degli sponsor, delle Amministrazioni e degli organi di informazone è una dimostrazione che il lavoro che stiamo facendo è nella giusta direzione."

Marzio Fachin - ciclismoweb.net
 
Rispondi
#4
Dilettanti, presentato il Giro della Valle d'Aosta
Si è svolta ieri, presso l'Hotel Caprice des Neiges di Torgnon, la presentazione del 48° Giro ciclistico internazionale Valle d'Aosta/Mont Blanc, in programma dal 23 al 28 agosto prossimi.
Alla presenza di un folto pubblico, sono state svelate le sei tappe di quella che, anche quest'anno, si preannuncia essere una delle corse più dure ed elettrizzanti del panorama ciclistico giovanile internazionale.
Partenza da Ville La Grand martedì 23 agosto, con la prima tappa che si concluderà nella medesima località francese.
Il giorno successivo, partenza da Megève, ai piedi del Monte Bianco, e arrivo in Valle d'Aosta a La Salle, dopo 140 Km senza un metro di pianura in cui verranno scalati Col des Saisies, Cormet de Roselend e Colle del Piccolo San Bernardo.
Giovedì 25 agosto partenza da La Salle e arrivo in quota a Valgrisenche, con le salite intermedie di Verrogne e Les Combes.
Il 27, il Giro farà tappa in Piemonte, con la frazione più lunga di 167 Km Rivara-Rivara.
Sabato 28, rientro in Valle d'Aosta per il tappone della corsa Chatillon-Torgnon, che prevede la scalata di Col Tse Core, Col San Pantaleone e arrivo in salita a Torgnon dopo 162 Km.
La domenica gran finale con la cronoscalata di 9 Km Champdepraz-Champdepraz (Parco del Mont Avic), dove i corridori si cimenteranno in solitaria con la salita che lo scorso anno assegnò il Giro al russo Petr Ignatenko.
Durante la presentazione è stato proiettato il video con le ricognizioni sui percorsi di gara, che sarà a breve disponibile online.
Tra le numerose Autorità presenti, sono intervenuti il Sindaco di Torgnon Cristina Machet, il Vice Presidente e Assessore al Turismo e Sport della Regione Autonoma Valle d'Aosta Aurelio Marguerettaz, Il Vice Presidente della Federazione ciclistica italiana Gianni Sommariva, il Presidente del
Comitato regionale FCI Natale Dodaro, il Sindaco di Champdepraz Luigi Berger, il Sindaco di Valgrisenche Riccardo Moret, l'Assessore di Chatillon e Vice Presidente della Comunità Montana Monte Cervino Jean-Claude Daudry, il Sindaco di Perloz Giancarlo Stévenin, il Sindaco di Rivara Gianluca Quarelli.
Presenti anche i Direttori sportivi Olivano Locatelli, Massimo Subbrero e Stefano Stecca, e i corridori Fabio Aru, Alfio Locatelli, Antonio Doneddu, Mattia Pozzo, Thierry Moret e Vladimir Cuaz.
Per quanto concerne i partecipanti, saranno 28 le squadre al via, che verranno selezionate tra le oltre 70 richieste di partecipazione provenienti da tutto il mondo che sono pervenute all'Organizzazione.

comunicato stampa
 
Rispondi
#5
E' iniziato oggi il Giro della Valle d'Aosta 2012,anticipato di circa un mese,rispetto agli anni scorsi,per evitare la concomitanza con il Tour dell'Avenir e per il cambio di categoria,adesso è una corsa riservata agli under 23.

Il punto fermo è sicuramente il favorito numero uno, ovvero Fabio Aru.
Il sardo, vincitore lo scorso anno, sarà al via per centrare uno storico bis prima di passare professionista dal primo agosto nelle fila della Astana.
Reduce da una prima parte di stagione ad altissimo livello, con la vittoria nella Coppa delle Nazioni in Toscana e il secondo posto nel Girobio, è indubbiamente il corridore da battere.
A sfidarlo, ci saranno innanzitutto tre dei primi dieci dello scorso anno: il francese Antoine Lavieu (Aix-en-Provence), il belga Floris Smeyers (Ovyta) e l'italiano Gianfranco Zilioli (Colpack).
Proveranno a dire la loro in chiave classifica generale anche l'eritreo Natnael Berhane (CMC) promessa del ciclismo africano, il lussemburghese Bob Jungels (Leopard) vincitore quest'anno della Parigi Roubaix under 23 e della Flèche du Sud, e gli italiani Andrea Manfredi (Hopplà) Davide Formolo (Petroli Firenze) Daniele Dall'Oste (Trevigiani) Paolo Penasa (Zalf) e Federico Costantino (Progettociclismo).
Tra i più attesi, anche per i traguardi parziali: il kazako Arman Kamyshev (Astana) che ha vinto la prova in Canada della Coppa delle Nazioni, il lettone Andzs Flaksis (Chipotle), Steve Bekaert (Lotto) vincitore della maglia a pois nel 2011, i francesi Axel Domont e Jimmy Turgis (Francia) già protagonisti lo scorso anno sulle strade valdostane, l'italiano Davide Orrico e il britannico Joshua Edmondson (Colpack), il sudafricano Louis Mentjes (Lotto), il russo Sergey Chernetskiy (Russia) secondo alla Ronde de l'Isard, l'ivoriano Isiaka Cissé (CMC), il kazako Alexey Lutsenko (Astana) vice campione nazionale, il venezuelano Sebastian Glavis (Cerone), l'italiano Simone Sterbini (Palazzago), l'argentino Eduardo Sepulveda (CMC), e giovani scalatori belgi della Bofrost.

L'attesa principale sarà comunque per le sorprese, ovvero per i giovani corridori che, come l'americano Joseph Dombrowski lo scorso anno e Thibaut Pinot nel 2009, sapranno sfruttare la ribalta del Giro della Valle d'Aosta per presentarsi al ciclismo internazionale.

Oggi quindi il via.
Daniele Dall'Oste con una grande prestazione vince il cronoprologo, 3400 metri da Hône al Forte di Bard. Dall'Oste ha coperto la distanza in 6'23", staccando la coppia lussemburghese della Leopard formata da Bob Jungels di 5" ed Alex Kirsch di 6".
Questi il vincitore,impegnato nella parte finale del prologo,tutta in legger salita:
[Immagine: 306589_383436295044145_1534084527_n.jpg]
foto facebook
 
Rispondi
#6
Axel Domont è forte e assomiglia a Virenque (di viso intendo). Comunque grande Dall'Oste, capace di battere Jungels (e non di poco) in una prova del genere...
 
Rispondi
#7
AOSTA DILETTANTI. Successo del kazako Kamyschev
E’ il kazako Arman Kamyshev il vincitore della prima tappa in linea del Giro della Valle d’Aosta 2012. Il corridore dell’Astana – sul traguardo di Arvier – ha però fatto doppietta: tappa e maglia gialla, visto che i suoi 28’ persi ieri nel cronoprologo del Forte di Bard sono stati ampiamente recuperati nel finale di oggi. Tappa nervosa la Arvier – Arvier di 133 chilometri: tanti tentativi di fuga – il percorso era adatto per gli attacchi da lontano – chiusi però dal gruppo dei migliori. Sulla seconda salita del Col d’Introd, però, Kamishev e il portacolori della Trevigiani Michele Scartezzini sono riusciti finalmente a fare il vuoto. Mancavano in quel momento cinquanta chilometri all’arrivo: i due si sono dati cambi regolari incrementando così il vantaggio sul resto del gruppo (a 1’15 un gruppetto di undici corridori, a 1’39 i leader). Ai duecento metri Scartezzini – primo in quel momento – ha lanciato la volata, ma sulla sua sinistra è uscito prepotentemente Arman Kamyshev, che ha tagliato il traguardo a mani alzate.
Da segnalare ai meno otto dall’arrivo la caduta dell’ex leader della generale Daniele Dall’Oste. Il corridore varesino della Trevigiani era già staccato dal gruppo dei migliori, e una scivolata nel finale l’ha obbligato a cambiare bici e ad arrivare al traguardo con un ritardo superiore ai 15 minuti. Nonostante tutto, l’ex maglia gialla dovrebbe partire domani per la Issogne - Champdepraz.


Le parole del vincitore:
Vertuno anni, sesta vittoria di stagione. Arman Kamyshev non è certamente uno scalatore puro, e pertanto ha sfruttato la tappa più morbida del Giro 2012 per piazzare la sua zampata. “Ho cercato la fuga per tutta la giornata, pensavo di non riuscirci più, il gruppo era nervoso e non ci ha mai lasciato spazio. Poi, ai cinquanta dall’arrivo, siamo usciti in due soltanto. E’ stata una bella vittoria, non sono uno sprinter ma oggi sono stato parecchio veloce”.
I propositi di classifica, però, non ci sono. “Sono un passista, le salite mi piacciono quando solo lunghe e morbide. L’arrivo di domani a Chevrère di Champdepraz è troppo duro è per me. Sono venuto al Valle d’Aosta per vincere una tappa, e quando l’ho fatto ho preso pure la maglia. Sono contento così”.


Mercoledì 17 luglio: Issogne - Champdepraz.
La Issogne – Champdepraz di 160 chilometri di domani, mercoledì 18 luglio, ripercorre il finale di due frazioni che sono state determinanti nelle ultime due edizioni di questa corsa. La salita di Chevrère è infatti la stessa che nel 2010 permise a Petr Ignatenko di vincere il suo Giro; e su questa strada, meno di un anno fa, Fabio Aru battè Nikita Novikov e conquistò la sua prima maglia gialla. I primi cento chilometri sono facili – fatta eccezione per la salita di Perloz all’inizio e al passaggio nel centro della città di Aosta – poi da Saint-Vincent si inizieranno le rampe del Col de Joux: 14,5 chilometri impegnativi, che termineranno con la discesa verso Brusson e Verrès, da dove inizierà l’ultima ascesa – quella più difficile – verso il traguardo di Champdepraz.

Ordine
d'arrivo



1. Arman Kamyshev (Kaz, Astana)

2. Michele Scartezzini (Trevigiani Bottoli)

3. Sergei Chernetskiy (Russia) a 1'15"

4. Stanislau Bazhkou (Blr, Palazzago Elledent)

5. Jesus Ezquerra (Esp, Leopard Trek)

6. Eduardo Sepulveda (Arg, Centre Mondial Cyclisme)

7. Vladislav Gorbunov (Kaz, Astana)

8. Luca Chirico (Trevigiani Bottoli)

9. Joshua Edmonson (Gbr, Team Colpack)

10. Lachlan Morton (Aus, Chipotle Slipstream)



Classifica generale



1. Arman Kamyshev (Kaz, Astana)

2. Michele Scartezzini (Trevigiani Bottoli) a 8"

3. Jesus Ezquerra (Esp, Leopard Trek) a 59"

4. Lachlan Morton (Aus, Chipotle Slipstream) a 1'04"

5. Gianfranco Zilioli (Team Colpack) a 1'06"

6. Sergei Chernetskiy (Russia)

7. Vladislav Gorbunov (Kaz, Astana) a 1'09"

8. Joshua Edmonson (Gbr, Team Colpack) a 1'12"

9. Edoardo Sepulveda (Arg, Centre Mondial Cyclisme)

10. Robin Cattet (Fra, Haute Savoie)
Tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#8
Quando il gioco si fa duro i duri vengono a galla. Grande impresa di Fabio Aru sulle strade del Giro della Valle d'Aosta. Sulla terribile salita di Tavagnasco (pendenze del 26 per cento) il sardo della Palazzago Elledent Mcipollini ha dominato la scena andando a riprendere tutti i fuggitivi di giornata, ultimo a cedere il francese Bescond. Per Aru vittoria di tappa, davanti a Francesco Manuel Bongiorno e Davide Formolo, e la conquista della maglia gialla di leader della classifica generale.

Ordine
d'arrivo

1. Fabio Aru (Palazzago Elledent Mcipollini)

km.138 in 4h 05'59''

2. Francesco Manuel Bongiorno (Hopplà Wega) a 58''

3. Davide Formolo (Petroli Firenze) a 1'31''

4. Jeremy Bescond (Francia) a 2'01''

5. GianFranco Zilioli (Team Colpack) a 2'15''

6. Pierre Paolo Penasa (Zalf Desiree Fior) a 2'17''

7. Sergei Chernetskii (Russia) a 3'12''

8. Andrea Manfredi (Hopplà WEga) a 4'00''

9. Fausto Masnada (Team Colpack) a 4'21''

10. David Morton (Usa- Chipotle) a 4'34''






CLASSIFICA



1. Fabio
Aru (Palazzago Elledent Mcipollini)

in 12h05'45''

2. Andrea Manfredi (Hopplà) a 1'44''

3. Pierre Penasa (Zalf Desiree Fior) a 2'43''

4. Gianfranco Zilioli (Team Colpack) a 3'13''

5. Davide Formolo (Petroli Firenze) a 3'15''

Tuttobiciweb.it


Finalmente un grandissimo Aru, vincente e dominante
 
Rispondi
#9
Aru è oggettivamente di altro livello rispetto agli altri partecipanti, ora che passerà pro vedremo se è già pronto per battagliare coi grandi, avevo sentito dire che forse l'Astana lo porterà alla Vuelta...
 
Rispondi
#10
E' di un altro livello in salita, oggi c'era una salita durissima. Sui percorsi misti paga un po'. Anch'io ho sentito della Vuelta, non mi sembra una grandissima idea, vedremo
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)