Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
IAM Cycling 2013
#11
La Coldeportes è pronta a disputare il suo primo grande giro. I rapporti con RCS sembrano buoni e se dovesse chiudere l'Acqua&sapone probabilmente saranno invitati. Dopo Colnago, Androni e Farnese ci dovrebbero essere i colombiani, ma non escludo la IAM e la nuova NetApp...
 
Rispondi
#12
(21-09-2012, 02:11 PM)Pagliarini Ha scritto:
(21-09-2012, 09:00 AM)Gershwin Ha scritto: La IAM Cycling si presenterà (spero con vergogna) con questo roster nella stagione 2013

Marcel Aregger
Marco Bandiera
Matthias Brandle
Rémi Cusin
Stefan Denifl
Martin Elmiger
Jonathan Fumeaux
Kristoff Goddaert
Heinrich Haussler
Sébastien Hinault
Reto Hollenstein
Kevyn Ista
Dominic Klemme
Permin Lang
Gustav Larsson
Thomas Löfkvist
Matteo Pelucchi
Alexandr Pliuschin
Sébastien Reichenbach
Aleksejs Saramotins
Patrick Schelling
Johann Tschopp
Marcel Wyss
L'unico veramente buono mi sa che è Pelucchi, gli altri hanno solo il nome o addirittura nemmeno quello...
Sti scarsoni qua al Giro non ce li voglio, quest'anno se dobbiamo dare una wild card ad una straniera, sarebbe cosa buona è giusta darla alla Coldeportes...

Sarebbe molto meglio darla alla coldeportes la wildcar così vegnono con duarte,atapuma e pantano invece la IAM Cycling ha solo dei corridori che erano solo speranze che potessero diventare forti : Haussler,Lovkist,Denfil,pliushin,tschoop
 
Rispondi
#13
A loro quest'anno interessano principalmente le wild card per le corse di casa, e con questa rosa penso siano una formalità.

Mah, se devo esser sincero a me non dispiacciono: forse perchè mi aspettavo qualcosa di peggio. Una squadra d'attacco, da corse di un giorno, con qualche talento più o meno inespresso, diverse scommesse. Corridori adatti ad ogni tipo di terreno. Dai, c'è di peggio tra le Professional... Asd
 
Rispondi
#14
IAM Cycling, «Un progetto tutto nuovo»
Il simbolo della sua azienda è una tartaruga, ma Michel Thétaz fondatore e CEO di IAM Independent Asset Management SA con la sua nuova squadra vuole pe­da­lare veloce e andar lontano. Svizzero classe ’52, dal 1995 dirige questa società indipendente con base a Ginevra specializzata nella gestione patrimoniale per i fondi pensione (con 35 dipendenti gestisce oltre 7 mi­liardi di franchi di attivo per un centinaio di clienti istituzionali, offrendo servizi di: fondi di investimento, gestione del denaro e analisi finanziaria, ndr), e nel 2013 entrerà nel ciclismo come sponsor unico del team IAM Cycling. Già fatta la squadra, questi i nomi dei corridori ingaggiati al momento in cui scri­viamo: Hein­rich Haussler (Garmin Sharp), Gustav Larsson e Stefan Denifl (Va­cansoleil DCM), Aleksejs Saramotins (Cofi­dis), Kevyn Ista (Accent Jobs), Dominic Klem­me (Argos Shimano), Aleksandr Pliu­schin (Leopard-Trek), Rémi Cusin (Team Type 1), Johann Tschopp (BMC), Thomas Lovkvist (Sky), Martin El­miger, Kristoff Goddaert e Sébastien Hinault (Ag2r La Mondiale), Matthias Brandle, Marcel Wyss e Reto Hollenstein (NetApp), Jonathan Fu­meaux, Marcel Aregger, Pirmin Lang e Patrick Schelling (Atlas), Sébastien Reichenbach (Maca Lota) e last but not least i due italiani Marco Bandiera (Omega Pharma Quick Step) e Matteo Pelucchi (Europcar). Nomi interessanti per un progetto ambizioso e a lungo ter­mine.

Ci spiega di più proprio monsieur Thétaz, che al mondo delle due ruote vuole presentarsi così: «Sono il proprietario di IAM Cycling SA, che appartiene a IAM SA, società di gestione di prodotti finanziari, ma sono anche il responsabile della direzione am­ministrativa, finanziaria, logistica, sportiva della squadra e soprattutto sono un grande innamorato del ciclismo».

Quando è nata la sua passione per questo sport?
«Più di quarant’anni fa. Il ciclismo è da sempre il mio sport preferito, quello che pratico più volentieri e quello che meglio corrisponde alla mia personalità. Percorro ogni anno circa 5.000 chilometri, pedalare mi piace davvero tanto e nonostante i numerosi impegni di lavoro non appena posso salto sulla sella della mia bici. Dalla prossima stagione seguirò di sicuro qualche gara sul campo, in ammiraglia, in modo da poter essere più vi­cino agli sportivi professionisti che ammiro».

Perché secondo lei, di questi tempi, ha sen­so investire nel ciclismo?
«Per quanto ci riguarda, questo sport risponde alla cultura della nostra società: il lavoro a lungo termine, il rigore, la pazienza, il gioco individuale e di squadra allo stesso tempo sono valori fondamentali di questa disciplina in cui ci riconosciamo. Dal punto di vista economico, uno dei punti forti di IAM è l’andare contro-corrente, quindi in questo momento per noi puntare sul mondo delle due ruote, quando i nostri competitors non hanno la possibilità di farlo, è un’occasione da non perdere».

In base a quale criterio avete scelto gli atleti e lo staff che avete ingaggiato?
«Per quanto riguarda i corridori, abbiamo vo­luto costruire una squadra di alto livello e completa sia per gli appuntamenti di un giorno che per le corse a tappe. Siamo riusciti a creare un buon mix tra scalatori, ve­lo­cisti e passisti con l’obiettivo di non sa­crificare tutta la squadra per un solo leader ma di dare spazio a tutti i nostri corridori per esprimere al meglio il loro potenziale. Dello staff non fanno parte solo uomini che arrivano dal mondo del ciclismo, ma anche miei dipendenti di fiducia e questa struttura du­plice credo sia una vera novità per una squadra di ciclismo. La sezione amministrativa, finanziaria e logistica si occuperà di tutto ciò che non è propriamente sportivo in modo da lasciare all’altra componente la possibilità di concentrarsi al 100% sulle corse e sugli allenamenti, senza dover essere distratta dalla “burocrazia” (contratti, rapporti con organizzatori e stampa...)».

Cosa si aspetta dalla squadra nella stagione del debutto?
«L’obiettivo per il 2013 è di creare un team con una propria identità, che rispecchi a pieno quella della nostra azienda. Voglio che i nostri ragazzi corrano veramente da squadra, sacrificandosi l’uno per l’altro, lavorando nella stessa direzione. Considerate le personalità e i diversi profili sportivi che schiereremo, ci aspettiamo dei buoni piazzamenti nelle corse di un giorno con corridori come Haussler che potrà fin dall’inizio dire la sua nelle classiche, oppure nelle corse a tappe come il Giro di Svizzera o di Romandia con atleti del calibro di Tschopp o Lovkvist. E ci piacerebbe avere l’occasione di partecipare a un grande giro. Per esempio vedrei bene la mia squadra al Giro d’Italia (sorride, ndr)».

Per quanto pensa avrà vita la IAM Cycling?
«Il progetto ha una durata di almeno tre anni, ma la nostra filosofia di lavorare sempre sul lungo termine lascia presagire che potremo proseguire quest’avventura nel mondo del ciclismo anche più a lungo. Per ora IAM è sponsor unico del team, ma già prima di iniziare la nostra stagione zero abbiamo ricevuto delle richieste di co-sponsorship, quindi la squadra potrebbe aprirsi ad altri investitori. Di certo per il 2013 IAM sarà l’unico sponsor del team perché vogliamo che il nostro marchio sia ben visibile, ma per i prossimi anni non ci precludiamo la possibilità di stringere partnership con altri amanti del ciclismo».

Pensando al futuro ha un corridore e una gara dei sogni?
«Da svizzero, il mio corridore dei sogni si chiama Fabian Cancellara. È un atleta che stimo particolarmente perché ha una bella immagine e reputazione a livello nazionale e internazionale, un personaggio del genere in una squadra svizzera per noi sarebbe il top. Le corse che mi piacerebbe in futuro conquistare sono naturalmente quelle che un atleta come Cancellara è in grado di vincere, quindi le classiche monumento e i prologhi delle corse a tappe. Non vedo l’ora di vedere un corridore in maglia IAM Cycling festeggiare a braccia alzate sul traguardo, per lui e per la nostra squadra».

da tuttoBICI di novembre a firma di Giulia De Maio
www.tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#15
Certo che Haussler e Lovkvist sono i due più grandi talenti inespressi degli ultimi anni...se riuscissero ad arrivare su livelli accettabili (rispetto a quello che ci si attendeva) questa squadra potrebbe davvero essere protagonista
 
Rispondi
#16
Anche la Iam veste di scuro
Marco Bandiera ha twittato l'ultima novità, vale a dire la maglia della neonata Iam Cycling. Anche la formazione svizzera privilegia, evidentemente, i colori scuri.

[Immagine: showimg.php?cod=55529&tp=n]

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#17
certo poteva farla meglio la foto, aspetto qualche immagine migliore prima di commentare...
 
Rispondi
#18
Non mi pare brutta..
 
Rispondi
#19
La Iam Cycling si presenta al grande ciclismo
Il team svizzero racconta per immagini le proprie ambizioni

'È la grande novità della stagione 2013: stiamo parlando della IAm Cycling, la formazione svizzera che ha debuttato tra i team Professional e non nasconde di puntare in alto. Scopriamone qualche segreto attraverso le immagini d'autore che trovate nello spazio Video. Buona visione.




tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#20
Iam: niente WorldTour, resteremo Professional
Thétaz: cerchiamo un co-sponsor, per ora non c'è

Iam Cycling non sarà in corsa per una licenza WolrdTour nel 2014. A confermarlo è il proprietario del team, Michel Théteaz, in una intervista concessa ad Arc Info. «Abbiamo sempre detto di essere alla ricerca di un partner sponsorizzativo, abbiamo vari contatti ma al momento nessuno è in rettilineo d'arrivo. Per questo il prossimo anno resteremo tra le Professional, in attesa di crescere nel 2015».
L'annuncio di Thétaz avrà ovvie consegienze anche per il prossimo ciclomercato: sfuma, evidentemente, la ventilata possibilità di vedere Fabian Cancellara con la maglia della Iam Cycling nella prossima stagione.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)