Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Il pagellone delle squadre 2015
#1
Beccatevi il mega-pagellone delle squadre per il 2015. Ne posto 3 per volta sia perché non mi va di scriverne più di 3 per volta, sia perché così è più facile discuterne. Partiamo con le prime 3 in ordine alfabetico


AG2R – La Mondiale: 6,5

:)

Grandi aspettative, soddisfatte solo in parte. Bardet e Peraud non si sono confermati al Tour, Pozzovivo ha praticamente saltato il Giro e non è andato benissimo alla Vuelta. In compenso hanno trovato un ottimo Vuillermoz, fortissimo per tutta la prima parte di stagione (poi scomparso dopo il Tour). Il mezzo punto sopra la sufficienza lo portano i giovani Latour e Gougeard, uno autore di molte prestazioni promettenti in salita, l'altro vincitore di ben 5 corse, compresa una tappa alla Vuelta. Bocciati senza appello Betancur e Nocentini. Il primo non doveva neanche essere confermato a fine 2014, il secondo è alla frutta, tra l'altro è ancora senza squadra per l'anno prossimo.

IL MIGLIORE: Vuillermoz
IL PEGGIORE: Betancur
IL MOMENTO CLOU: la vittoria di Vuillermoz a Mur de Bretagne



Astana: 9

:D

Squadra mostruosa nelle corse a tappe, hanno conquistato 4 top 5 nei 3 grandi giri con 6 vittorie di tappa. Di Nibali, Landa e Aru abbiamo parlato e ri-parlato, quindi non c'è molto da dire. La cosa migliore di quest'Astana è stato l'atteggiamento in corsa, hanno sempre dato spettacolo, tutto il contrario di altre squadre che fanno dell'inerzia la loro tattica principale. La stupenda vittoria di Nibali al Lombardia è la ciliegina sulla torta di una stagione quasi perfetta, rovinata solo dai problemi di Aru a metà Giro, senza i quali forse avrebbe potuto lottare con Contador. Lopez e Rosa sono a livelli diversi ma stanno entrambi crescendo molto. Da rivedere la squadra per le Classiche, ma è normale, in pratica c'è solo Boom, che è buono ma non è vincente. I peggiori Fuglsang e Guardini, che comunque non sono stati pessimi, anzi almeno Guardini è ampiamente da 6 in pagella.

IL MIGLIORE: Aru
IL PEGGIORE: Fuglsang
IL MOMENTO CLOU: la vittoria di Nibali a Les Sybelles



BMC: 6,5

Mmm

Poca sostanza, in una stagione iniziata benissimo con la vittoria di Dennis al Tour Down Under, proseguita molto male in primavera, con la coppia Van Avermaet – Gilbert che non ha mai trovato il modo di lottare alla pari con i mezzi-velocisti prima e Valverde poi. Nei grandi giri si sono salvati con 7 vittorie di tappa, ma una sola top ten finale, con Caruso (tra l'altro comunque molto deludente) al Giro. La “rinascita” di Oss e Hermans è certamente un buon risultato, mentre sono molto promettenti i progressi di Phinney, che l'anno prossimo dovrebbe essere di nuovo al top. Note positive anche dai giovani, con Kung che è stato subito competitivo in diverse corse di un certo livello, come anche Teuns, mentre Flakemore ha faticato un po', come anche Senni. Non ho ancora citato Van Garderen, che poteva essere il vero protagonista della stagione della BMC ma al Tour è crollato, anche a causa di qualche problema fisico (ma era già in calando). In pratica, tutta la squadra intorno alla sufficienza (tranne Atapuma e Velits) ma nessuno sopra il 7.    

IL MIGLIORE: Dennis
IL PEGGIORE: Atapuma
IL MOMENTO CLOU: la prima Maglia Gialla a Dennis
 
Rispondi


[+] A 10 utenti piace il post di Gershwin
#2
Stavo facendo quella dei corridori ma questa idea mi piace di più. Per ora mi trovo d'accordo più o meno su tutto, forse Nocentini anche peggio di Betancur, che al Giro qualche timidissimo segnale lo ha dato.
La tanto vituperata Astana è stata piuttosto buona, logico che tatticamente qualcosa ha sbagliato, ma con l'atteggiamento tenuto è normale che non abbiano azzeccato tutto (e la cosa è valida solo col senno di poi). Il neo per me, più che i problemi di Aru al Giro, è quella tattica scellerata alla Liegi.
Per la BMC soliti problemi nelle classiche con Gilbert ormai lontano parente del miglior Gilbert e con un buon corridore ma assolutamente non vncente come Van Avermaet.
 
Rispondi
#3
non ho ben presente chi in Astana abbia fatto peggio ma non metterei mai Guardini fra i peggiori
 
Rispondi
#4
Vero, la Liegi l'avevo rimossa dai ricordi, ma effettivamente hanno pasticciato parecchio. Va detto che partivano comunque senza possibilità. Poi vabè Nocentini vs. Betancur, sicuramente il primo è stato peggio, ma sono due corridori arrivati a punti molto diversi delle parabole delle rispettive carriera, Betancur dovrebbe essere al top, per il Noce gli anni buoni sono passati da un po'.
Guardini ha vinto diverse corse, ma è rimasto sul livello di quando era neoprofessionista in pratica. Poi l'anno scorso aveva detto di aver risolto un problema fisico (non ricordo i dettagli) per cui sarebbe andato più forte, invece niente
 
Rispondi
#5
Secondo me sei stato fin troppo gentile con l'Ag2r e forse anche con la BMC...
 
Rispondi
#6
Guardini aveva un problema di intolleranza al lattosio.

Comunque gli va dato atto che all'Astana è chiusissimo(giustamente) e che le corse che fa di solito sono quelle meno importanti a cui è iscritta la squadra.

Praticamente ha fatto un GT negli ultimi tre anni, sono d'accordo sul dire che la sua è una stagione da 6,5 non di più, però ecco Andrea il suo lo ha fatto, purtroppo non ha avuto l'opportunità di misurarsi nelle corse più importanti è questo dipende solo in parte da lui.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#7
Lui a fine 2014 poteva cambiare squadra se non ricordo male, era chiarissimo che la situazione sarebbe stata questa. Si è accontentato, vince le corsette, io non sono soddisfatto (gliele fregherà il giusto ovviamente, cioè nulla)

Vado con altre 3 squadre: 


Etixx – Quick Step: 7

Occhiolino

Da tanti anni è la squadra più vincente, impresa ripetuta nel 2015 con 53 vittorie, che è un numero notevole, anche se non un record. Punti deboli ce ne sono stati e la lunghissima serie di secondi posti nelle Classiche del Nord non so bene se considerarli positivamente o negativamente. È stato l'anno del declino di Tom Boonen e in parte anche dell'abdicazione di Martin e Cavendish, ma la squadra ha risposto benissimo con le seconde punte. Stybar e Terpstra fortissimi al Nord e competitivi anche altrove, Kwiatkowski, pur in una stagione complessivamente molto opaca, ha vinto l'Amstel, sono esplosi Alaphilippe e Lampaert e pure Trentin ha fatto una stagione più che dignitosa. Di certo è mancato qualcosa, ma dare meno di 7 a una squadra che ha vinto 53 corse non mi sembra proponibile. Tra le delusioni spicca Uran, che nelle brevi corse a tappe ha messo insieme ottimi piazzamenti, ma poi ha cannato Giro e Tour, per riprendersi un po' in Canada con una bella vittoria.


IL MIGLIORE: Tony Martin
IL PEGGIORE: Tom Boonen
IL MOMENTO CLOU: la prima settimana del Tour




FDJ: 5,5

Dodgy

Una delle squadre peggiori, va bene che il budget è ridicolo, ma i capitani hanno tutti fallito o quasi. Pinot ha confermato che il podio del Tour 2014 aveva un valore molto relativo, ma è comunque riuscito a risollevare la stagione con la vittoria all'Alpe d'Huez e l'ottimo finale col terzo posto al Lombardia. Invece bocciatissimo Demare, veramente pietoso, con due sole vittorie in una stagione che poteva lanciarlo tra i migliori 5 velocisti al mondo. In realtà, volendo fare ora una classifica, non è neanche nei primi 10. Il resto della squadra praticamente non esiste, ma chi più chi meno hanno tutti deluso, penso a Roux, Vichot, Offredo, Elissonde, tutti corridori che avevano fatto vedere buone cose nelle stagioni passate. Stagione positiva per Geniez, che ha comunque grossi limiti.


IL MIGLIORE: Thibaut Pinot
IL PEGGIORE: Arnaud Démare
IL MOMENTO CLOU: Pinot sull'Alpe d'Huez




IAM Cycling: 4

Sick

A proposito di squadre con budget limitato che però potrebbero anche sforzarsi un attimo. La stagione della IAM è peggiore di quelle di diverse squadre Professional, le vittorie sono solo 14, di cui solamente le 2 di Pelucchi in Polonia in corse World Tour. La top ten di Frank al Tour è arrivata in silenzio e conta veramente poco (e il resto della stagione è da buttare). Tra le note liete, oltre a Pelucchi, qualche buona prestazione isolata di Brandle e Coppel, sopratutto a cronometro. Ovviamente il bronzo ai Mondiali del francese è ottimo, ma è una crono e manco la correva con la maglia della IAM. Chavanel ha fatto tutti e tre i grandi giri, male tutti e tre. Malissimo Reichenbach, che doveva essere la rivelazione della stagione. Al Giro si è ritirato ma era già fuori classifica. Pesano tantissimo anche le cattive prestazioni di tutta la squadra nelle corse di casa, sicuramente ha influito il fatto di essere nel WT e dover fare molte più corse. Qualche segnale incoraggiante da Pantano e Enger, ma niente di che.


IL MIGLIORE: Matteo Pelucchi
IL PEGGIORE: Sebastien Reichenbach.
IL MOMENTO CLOU: il bronzo mondiale di Coppel
 
Rispondi


[+] A 4 utenti piace il post di Gershwin
#8
Tony il migliore dell'Etixx non lo so.. non saprei fare un nome un po' tutti alla pari
la stagione del declino di Boonen è passata da un pezzo, purtroppo eppure eppure

troppo negativo con la IAM soprattutto se confrontato col la FDJ che pure ha fatto cagare
 
Rispondi
#9
Ma la FDJ ha vinto al Tour sull'Alpe d'Huez, questo fa la differenza. Comunque sì, ho infierito sulla povera IAM, però molto deludente. Nella Etixx in effetti tutti alla pari, potevo mettere Stybar, Kwiatek o anche lo stesso Cavendish, cambia poco. Martin mi è piaciuto molto al Tour, mi piace com'è diventato, molto più completo rispetto a un po' di tempo fa
 
Rispondi
#10
Sicuri che il migliore della Etixx non sia stato Alaphilippe?
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)