Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Il sopravvalutato livello medio del Giro 100
#1
Ma quanto sono irritanti le seconde linee di questo Giro?

Alla faccia dei dieci corridori in lizza per il podio e bla bla bla.

Mollema ieri stava pure davanti a Dum per non fargli prendere vento. Non parliamo di Yates poi che ogni volta mette la squadra a tirare per motivi non meglio precisati.

Kruis poretto ci ha pure provato, ma anche quando ci mette tanta buona volontà poi gli si ritorce tutto contro perché dietro devono difendere il settimo posto.

Pinot è tornato nei ranghi dopo il Blockhaus.

A Pozzovivo non gli può dire nulla alla fin fine, ha pure fatto il miglior tappone della carriera.

Salvo solo Zakarin che pare aver finalmente trovato la gamba e non si tira indietro quando c'è da scattare e quell'animale di Bob Jungels.

Nonostante tutti i proclami di inizio Giro nessuno di questi ha le gambe per provare a mettere il becco fuori, gli unici scatti veri sono stati di Quintana e Nibali, poi qualcosina di Zak e Pinot. Speriamo combinino qualcosa nelle tre tappe che mancano, ma già sento la mancanza di Chaves o del Betancur del Giro 2013.
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
#2
Beh Chaves è di un altro livello rispetto a questi che hai citato come hanno testimoniato i due podi dello scorso anno.
GLi anni scorsi però attorno alla 8-12 posizione hanno stazionato Atapuma, Siutsou, Dupont, Geniez, Trofimov, Kiserlovski, Vuillermoz, etc.., Considerato anche che le cadute hanno fatto fuori Aru, Thomas e Landa, mediamente il livello della top-15 è superiore, poi effettivamente alcuni di questi stanno deludendo perchè stanno già correndo per il 6-7 posto ad una settimana dalla fine. Bisogna anche tenere conto che per la prima volta da anni si sfidano al Giro due dei top. 2016 solo Nibali, 2015 COntador, 2014 Quintana, 2013 Nibali
 
Rispondi
#3
Ma qua si parlava di dieci uomini per il podio, non che il 9° e il 10° fossero meglio del 9° e il 10° dell'anno precedente.

Alcuni Giri, tipo il 2015, hanno avuto dei comprimari davvero scadenti, ma per dire già l'anno scorso non è che fossero più scarsi. Idem nel 2014 o nel 2013.

La differenza con gli altri Giri è che ci sono due top e un aspirante tale(Dum), ma sotto è il solito livello del Giro.
 
Rispondi
#4
è sempre difficile parlare di livello medio...se per livello alto intendiamo "seconde linee" che mettono in difficoltà i favoriti per il podio ok e quindi i 10 per il podio è un concetto sbagliato anche se poi,complice il percorso,nessuno ha sfigurato fino a Bergamo,ma non che nel Tour dell'anno scorso le cose erano così diverse...ok li magari non ci furono proclami...forse il percorso è anche più duro del previsto per alcuni...l'anno scorso l'ultima tappa del Tour difficile arrivarono in 15 al traguardo insieme cosa secondo me assurda per un Tour ad esempio...quello è livello alto,oppure un livellamento verso il basso delle prestazioni?molto complicato fare una sintesi secondo me...

Detto questo io salverei ieri anche Formolo che a naso pensavo crollasse in una tappa del genere dopo la caduta...
 
Rispondi
#5
Pensavo meglio Yates, devo dire la verità, lo vedevo sul podio.
Non credo che la caduta abbia influito molto.

Come al Tour dello scorso anno, non mette mai fuori il naso
 
Rispondi
#6
e' anche vero che Dum e Nairo appaiono di un'altra categoria. ovvio che gli altri guardiamo, alla meglio, il terzo posto.
non a caso zakharin parla di top5
 
Rispondi
#7
Guardassero il terzo posto.

Qua difendono il settimo.

E non gli frega nulla neanche delle vittorie parziali. Jungels a parte.
 
Rispondi
#8
Jungels è un animale, mi ricorda Ullrich.

Yates immaginavo fosse sopravvalutato, viene osannato per il Tour 2016 ma sappiamo benissimo tutti che quel Tour è stato una pagliacciata. Che ci sia la stoffa è indubbio, ma andiamoci piano...
 
Rispondi
#9
gemellaggio Italia.Olanda: 4 tulipani (leader incluso) nei primi 9. un feeling con lunghi preliminari, ricordo partenze e tappe del giro dall'Olanda
 
Rispondi
#10
E' anche mancata la Sky, comunque, con due corridori da top ten, forse anche da top 5 (almeno uno dei 2). 
Kruijswijk ha probabilmente risentito della caduta prima del Giro. 
Mancano attacchi, tentativi, vero, si difende la posizione. Così assistiamo a trenini dei migliori 10 / 15, che si sfaldano solo nei momenti chiave, non il massimo. 

Il meccanismo dei punti World Tour non aiuta. Troppi punti alle posizioni di rincalzo, la discesa dei punteggi dovrebbe essere più vertiginosa. Più punti al primo, abbastanza al podio, poi scendere in modo maggiore di quanto non sia ora. Forse, anche più punti alle tappe, cui viene attribuito davvero poco. Una tappa al Giro o al Tour vale non poco, e viene trattata molto peggio di corsette varie. Magari distinguendo il valore delle tappe. 

Più che il livello, che non direi basso, è il ciclismo di oggi.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)