Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Italo Zilioli, campione e gran signore.
#1
Nato a Torino il 24 settembre 1941. Ciclista completo. Professionista dal settembre 1962 al 1976 con 54 vittorie.

Un grande talento giovanile che si è progressivamente involuto fino a determinarsi tanto minore rispetto al prevedibile. Un signore che ha vissuto la sua ellisse e l'incompiutezza siamese con dignità, ed una grande disponibilità nel mettersi in discussione. Lo ascoltai a lungo nel dopo carriera, a margine delle corse dilettantistiche dove fungeva da direttore sportivo, ed ebbi la riprova di quanto fosse uomo in grado di dare dimensione ai ragionamenti, di proiettare le essenze della sua disciplina su quadranti più ampi. Alla fine, parlando con personaggi come Italo, si ha una riprova di quanto lo sport sia cultura. 
Alzò il suo sipario ciclistico vincendo come un navigato corridore il titolo italiano allievi nel 1959. Da dilettante il suo stile e la facilità con la quale dipingeva le strade raccogliendo successi a iosa, portò il suo padre ciclistico Vincenzo Giacotto, a tenerselo stretto come un prediletto. E quando proprio costui lo fece debuttare fra i professionisti nella sua Carpano, per il giovane Italo era già stata forgiata e scolpita l'etichetta di "nuovo Coppi". Era la tarda estate del 1962, giusto in tempo per consentire a Zilioli di meritare quel paragone su una corsa da sempre fedele alle verità sui valori, il Giro dell'Appennino. Qui, il giovane piemontese dalla faccia dove nemmeno il sorriso sapeva cancellare un velo di tristezza, del grande Fausto diede echi visibili, affondando l'onesta e terribile Bocchetta, da solo, in mezzo ad un uragano. Poi, quando il sapore del trionfo stava entrando sul corpo del giovane, una caduta gli impose di rimandare, ma tutti, dietro quella tenda d'acqua, avevano potuto vedere una figura allontanarsi verso un terreno alato. L'anno dopo il ragazzo tornò, ed annichilì ogni avversario, compresa la calura che aveva preso il posto dell'acqua scrosciante. Non fu quello l'unico successo del fantastico Italo nel '63. Con cadenza quindicinale s'era costruito un poker pronto a giurare sulle sue qualità, le carte si chiamavano Tre Valli Varesine, Giro del Veneto, Giro dell'Emilia e, appunto, Giro dell'Appennino. Un poco più distanti altre carte di pregio come il Gran Premio di Nizza, la frazione di San Gallo nel Giro di Svizzera e il circuito di Rimaggio . E poi tanti piazzamenti nelle tappe più dure del Giro d'Italia, la sua prima vera corsa a tappe. Illudersi era una dimensione ovvia. Ma il lancio finì lì. Zilioli, evidentemente, era destinato ad essere un campione incompiuto. Nel '64, puntò dritto al Giro d'Italia, ma giunse secondo dietro un Anquetil non irresistibile. Altri lampi di classe nel Gran Premio di Monaco, nella Coppa Sabatini, nel Giro del Veneto e nella Coppa Agostoni, ma l'anno successivo si materializzò un altro bruciante secondo posto: teatro ancora una volta quella corsa rosa che cominciò a suonare come troppo melodica. Consolazione forzata per Italo, la consapevolezza di essere stato sconfitto da un avversario troppo forte che lo aveva lasciato distante: Vittorio Adorni. Nell'anno però, alcune belle giornate Zilioli le aveva avute: su tutte le vittorie nella Nizza Mont Angel, nel Giro del Ticino e nel Gran Premio di Bilbao. Quando ormai l'etichetta di "nuovo Coppi" si vedeva lontana ed in soffitta, la beffa di un abbonamento al secondo posto al Giro continuò, ed anche nel 1966 raccolse un nuovo posto d'onore, stavolta dietro Gianni Motta. E dire che l'inizio di stagione, con la vittoria nel Campionato di Zurigo, già classica di ottimo livello, aveva dato morale ad Italo. A consolazione per il terzo secondo posto nella corsa rosa, la vittoria nel Gran Premio Industria e Commercio. L'epopea di Zilioli eterno secondo al Giro finì lì, e della faccia triste piemontese le cronache ciclistiche parlarono ancora a lungo, ma con obiettivi diversi dall'olimpo rosa. Nel '70 provò l'ebbrezza di una prestigiosa maglia indossando per quattro giorni quella gialla, dopo aver vinto la tappa di Angers al Tour (era in squadra con Merckx). Continuò a raccogliere regalmente tante corse, comprese diverse tappe del Giro e di altre manifestazioni a frazioni. Nel '71, vinse la Tirreno Adriatico e nel '73, a 32 anni, rivinse, due lustri esatti dopo il primo successo, quel Giro dell'Appennino che gli aveva dato notorietà da sangue blu. Continuò a correre fino al 1976, dimostrando quanto il non raggiungimento di quel raggio a cui pareva destinato, non gli avesse tolto signorilità e classe. Di lui si disse, e lo stesso Italo per taluni aspetti lo confermò, che sentisse fortemente le vigilie importanti, al punto di non riposare come si dovrebbe, la notte antecedente l’appuntamento. Comunque Italo Zilioli si ritirò a testa alta, da signore per tutti, colleghi e sportivi indistintamente. A fine carriera è stato per alcuni anni direttore sportivo di squadre professionistiche e poi della Fiat dilettantistica. Ha poi lavorato all'Organizzazione del Giro d'Italia, mentre oggi, con entusiasmo e quella profonda passione che l’ha spinto anziano a studiare, suona la fisarmonica.


Maurizio Ricci detto Morris
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di Morris
#2
Bellissimo Morris Applausi
 
Rispondi
#3
Di Zilioli ho un ricordo di corridore completo, straordinario discesista (ampiamente considerato il migliore della sua epoca e "proverbiale" anche in seguito) al quale mancava qualcosa in salita e a crono per essere un grandissimo. 
Lo ricordo vagamente al processo alla tappa come personaggio timido, sempre garbato e modesto. 
Mi era simpatico, parteggiavo per lui e Bitossi, subito dietro il mio idolo Taccone.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)