Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Ivan Basso
#1
 
Rispondi
#2
PROF - Basso punta al Tour 2011, Giro più lontano
Venerdì 22 ottobre 2010 - "Sarà una scelta sofferta, la stagione è appena finita e dobbiamo definire i programmi. Al momento di sicuro c'è il Tour, mentre la mia partecipazione al Giro è al 50%". E’ il pensiero di Ivan Basso, il due volte vincitore del Giro d'Italia (2006 e 2010), alla vigilia della presentazione della 94. edizione della corsa rosa, quella che celebrerà il 150° anniversario dell'Unità d’Italia. Il 33enne campione varesino conferma che non ha ancora rinunciato all'idea di difendere la maglia rosa, ma che una decisione definitiva non è stata ancora presa:"Bisogna valutare molte cose - spiega Ivan - e in particolare tenere conto che Vincenzo Nibali (compagno di Basso nel team Liquigas-Cannondale, ndr) con la vittoria alla Vuelta è passato dall'essere un corridore talentuoso a un potenziale protagonista delle grandi corse a tappe”.
Non teme che la rivalità con Nibali possa esplodere nella prossima stagione?
“Con Vincenzo c'è grande rispetto reciproco – chiarisce Basso - e sarà la strada a dire quando sarà' il omento di cedergli spazio. Più che la rivalità tra di noi, mi preoccupano i tanti avversari che dovremo affrontare insieme".
Intanto in casa Liquigas c’è la pratica Pellizotti da sbrigare. Prima della vicenda passaporto biologico, il veneziano,stretto dalla presenza di Nobali e Basso, aveva intelligentemento scelto di passare al team Sky. Ma non è detto che con la scelta di Basso di puntare unicamente al Tour, il Delfino di Bibione non possa pure restare e dare l’assalto al Giro assieme a Nibali.

ciclonews.it
 
Rispondi
#3
Partirà dall'Argentina la nuova stagione di Basso
Ivan Basso inizierà a gennaio la sua nuova stagione ciclistica. Il trentaduenne della Liquigas Doimo debutterà nel Tour di San Luis, una corsa a tappe di sette giorni in Argentina che quest’anno è stata vinta dal suo compagno di squadra Vincenzo Nibali. La gara sudamericana consentirà a Basso di entrare in forma prima del previsto e di preparare con tranquillità la sua marcia di avvicinamento al Giro d’Italia. Il Tour de San Luis avrà inizio il 17 gennaio e terminerà il 23 gennaio 2011.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Basso, la gioia di ripartire "Come un bimbo a Natale"
Il vincitore del Giro è tornato al lavoro: "Inizio con un mese d'anticipo, debutterò già in Argentina"

La pioggia sferzante concede una tregua. Nel cielo plumbeo riesce persino a farsi spazio qualche raggio di sole. Alle 12.38 arriva l’ordine atteso: «Via, si parte». La nuova stagione di Ivan Basso parte da qui, sulle strade viscide del Varesotto. La maglia rosa non si allena da 20 giorni e quella bici verdeblù in cantina, al fianco di un Babbo Natale pronto a essere appeso sulla facciata della villa, era diventata il suo oggetto del desiderio. "Aspettavo questo giorno come mio figlio Santiago aspetta Natale", dice sorridendo Ivan.

I successi dell’estate si costruiscono in inverno. E’ solo un vecchio modo di dire o è la verità?
"E’ la verità. Da qui cominciano otto settimane fondamentali. Bisogna costruire la base per sopportare le grandi intensità di lavoro successive. E alla mia età serve più tempo per andare in forma, quindi parto un pochino prima rispetto a un anno fa (25 giorni, nel 2009 salì in bici il 3 dicembre, ndr) per evitare gli errori del passato".

Quali errori?
"Nel 2011 anticiperò il mio debutto alle corse perché lo scorso anno ho rischiato troppo. Ero troppo legnoso all’inizio, così sono dovuto andare al Romandia per recuperare. Debutterò al Tour de San Luis in Argentina (dal 17 al 23 gennaio, ndr), la prima corsa in Italia potrebbe essere il Sardegna (se si farà, ndr)".

Come si allenerà in questo primo periodo?
"Senza lavori specifici, aumentando gradualmente la quantità. Ogni settimana 3 giorni di lavoro più uno di riposo, poi due di lavoro e uno di riposo. Quando avrò una buona base inserirò anche degli allenamenti col "fisso".

Lei è seguito dal Centro Mapei di Aldo Sassi. Da quest’anno ci andranno anche Cunego e Riccò. Non è geloso
"Zero. Ho un rapporto personale speciale con Squinzi, Sassi e tutto lo staff del Centro. Mi sento parte di quel gruppo. Poi quando entro nell’ufficio di Aldo e chiudo la porta si crea un feeling speciale. Stravede per me come atleta, ma soprattutto come persona".

Dopo un’ora e 30 km percorsi siamo sul lungolago di Arona.
"Le sensazioni non sono bellissime. Faccio fatica, ma è normale".

Che vacanze ha fatto?
"Una settimana nelle Marche, in un nuovo hotel sul mare con una bellissima Spa".

Molti suoi colleghi in questo periodo pensano alle feste. Lei a quante ha partecipato?
"Cinque, tutte legate a eventi della squadra. C’è un’altra cosa che ho fatto volentieri...".

Dica.
"Ho girato gli oratori della zona per parlare di ciclismo".

Quante volte nella vita è andato in discoteca?
"E’ un ambiente che non mi piace, nel caso preferisco posti con musica più soft".

Quanti bicchieri di vino ha bevuto?
"Vino? Qualche sorso nei momenti in cui se dici no passi per maleducato".
Dopo due ore e quindici minuti, e 70 km percorsi, la stagione è cominciata.

Gazzetta.it
 
Rispondi
#5
Ivan Basso: dall'Arena di Verona a quella di Domenica In
Un' intervista a cuore aperto, per raccontare l'Ivan Basso uomo ancor prima che campione. Il 2011 del varesino si aprirà così: ospite nella puntata di domenica 2 gennaio dell'Arena di Domenica In, programma di Rai Uno condotto da Massimo Giletti, si aprirà ad un confronto a tutto campo per raccontare la sua storia e le sue emozioni. L'incontro tra Basso e Giletti andrà in onda, con i vincoli della diretta, alle 15.45.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#6
E' NATO LEVANTE! FESTA GRANDE IN CASA BASSO
Festa grande in casa Basso. Questa mattina presso la clinica «La Madonnina» di Milano, Micaela e Ivan hanno accolto il nuovo arrivato. Alle ore 10,45 Micaela, assistita dallo staff medico dello studio Semprini, coordinato in prima persona dal dottor Augusto Enrico Semprini e dalla dottoressa Alessandra Vucetich, ha dato alla luce Levante, il fratellino di Domitilla e Santiago. Il piccolo sta bene e pesa 2 kg 920 grammi. La mamma Micaela Beretta aveva al proprio fianco Ivan, che non ha voluto assolutamente mancare all’evento. «E’ una gioia immensa per tutti noi – ha commentato a caldo a tuttobiciweb.it l’ultimo vincitore del Giro d’Italia -. Il sogno di una famiglia numerosa è davvero realizzato. Micaela sta bene e il piccolo anche: questo è quello che più mi interessa. L’anno per noi non poteva iniziare meglio, ora bisogna solo proseguire», ha chiosato il campione varesino.
Basso partirà questa sera alla volta dell’Argentina da Linate con un volo delle ore 19.30: per lui dal 17 al 23 ci sarà il Giro di St. Luis, esordio stagionale. Il ritorno è previsto nella mattina del 25 gennaio.
A Ivan, Micaela, ai piccoli Domitilla e Santiago, ma soprattutto al piccolo Levante, l’augurio più grande di buona vita dalla redazione di tuttoBICI e tuttobiciweb.it

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#7
(13-01-2011, 12:07 PM)Francesco G. Ha scritto: E' NATO LEVANTE! FESTA GRANDE IN CASA BASSO

-Levante, oh Levante!!
-Dimmi, Gino!
-Poppe e culo...
-Buonanotte, Gino!

Asd
 
Rispondi
#8
Di certo non si può dire che Basso non abbia fantasia nello scegliere il nome da dare ai figlioli... Asd Auguri!
 
Rispondi
#9
Romandia, Un sasso spezza un dente a Basso
Imprevisto per Ivan Basso oggi al Giro di Romandia. A venti chilometri dal traguardo, un sasso schizzato dal manto stradale è finito violentemente in bocca al vincitore di due Giri d'Italia. Il danno ben visibile: incisivo spezzato e dolore in gran quantità per Ivan. «Ho visto letteralmente le stelle - ha raccontato a tuttobiciweb.it il campione varesino -. Un dolore davvero violento, che solo con qualche antidolorifico sono riuscito a lenire».
Per la rottura del dente incisivo (già ricostruito in passato), domani mattina il fido Carmine Magliaro (massaggiatore di Ivan), andrà a Varese a ritirare la capsula e domani sera lo staff medico Liquigas provvederà a portare il corridore di Cassano Magnago in un centro dentistico per sistemare definitivamente il problema.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#10
L’incidente durante il secondo giorno di ritiro sull’Etna. Il varesino ha riportato 15 punti di sutura su zigomo e arcata sopracciliare. Le radiografie non hanno evidenziato nessuna frattura

17 maggio – Brutta avventura per Ivan Basso sulle strade del monte Etna, dove da ieri è in ritiro con i compagni della Liquigas-Cannondale per preparare il Tour de France.

La dinamica dell’incidente parla dell’incastro della ruota anteriore in una griglia per lo scolo dell’acqua durante l’impostazione di una curva. Basso è caduto battendo violentemente il viso e la spalla destra contro l’asfalto. Accompagnato immediatamente al pronto soccorso di Linguaglossa dall’ammiraglia guidata dal DS Paolo Slongo, gli sono stati applicati 15 punti di sutura sull’arcata sopracciliare destra e, in particolare, sullo zigomo, i due punti dove ha riportato tagli profondi.

Uscito dal pronto soccorso il capitano della Liquigas-Cannondale ha svolto ulteriori accertamenti clinici presso l’ospedale di Giarre. Una TAC alla testa e una radiografia alla spalla destra hanno escluso fratture.

«Mi sono spaventato molto» afferma Basso «perché l’impatto è stato violento e, oltretutto, in una parte delicata come il viso. Fortunatamente sono stato medicato in tempo brevissimo e la radiografia ha escluso il peggio. Questo incidente non ci voleva ma non fermerà di certo la mia preparazione per il Tour: riprenderò gradualmente il cammino nei prossimo giorni».

Team Liquigas-Cannondale
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)