Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Joachim Halupczok
#1
Visto che poco tempo fa si parlava di nazionalità che, a detta di qualcuno, sono nel mondo del ciclismo da poco, apro questo topic.

Peraltro, questo è discorso ciclico, e mi ricordo che già tempo fa mi ritrovai a discutere con un mio ex collega su quel sito là che diceva che oggi ci sono i polacchi e 30 anni fa no Asd

Joachim Halupczok, nato il 3 giugno 1968 a Ozimek.

Da junior primo anno campione polacco a crono e cronosquadre.

Da junior secondo anno campione polacco di cronometro, cronocoppie, ciclocross, MTB e inseguimento a squadre. 2°, invece, nell'inseguimento individuale e nella prova in linea su strada.

Nel 1989, a 21 anni, vince il campionato del mondo dei dilettanti (livello nettamente superiore rispetto agli attuali mondiali per U23), il Liberazione e il Renania-Palatinato.

Passa pro nel '90 con la Diana di Saronni e dei connazionali Jaskula e Piasecki (ma i polacchi non c'erano). A neanche 22 anni fa 14° alla Roubaix (meglio di gente come Ludwig e Ballerini) e 8° al Giro del Trentino.

Prende parte al Giro ed è grande protagonista nella prima parte: 3° nella crono inaugurale di Bari, 6° a Vallombrosa dove arriva nel gruppo di Bugno e nuovamente 3° a Baselga di Piné. Prima della crono di Cuneo era addirittura 2° in classifica generale.

Si ritira nella 16esima tappa, quella con Fedaia e Pordoi.

La sua stagione prosegue bene: 6° al Giro del Veneto, 16° ai Mondiali e 2°, in coppia con Jaskula, al Baracchi.

Nel dicembre del 1990 scopre di avere un'aritmia cardiaca. Salta tutto il 1991, torna nel 1992 e riesce pure a ottenere un 5° posto in una gara di rango come il Midi Libre. Ma è un fuoco di paglia, i medici lo costringono al ritiro a fine stagione.

Morirà giovanissimo il 5 febbraio 1994, in circostanze controverse, mentre si preparava per una partita di calcio indoor.

Ovviamente qualcuno se ne uscì parlando EPO e bla bla bla. Peccato che la stessa aritmia ce l'abbiano suo padre e suo figlio.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#2


 
Rispondi
#3
Me lo ricordo
allora non c'erano tante immagini
il mondiale dilettanti fu fortissimo (al Liberazione pure ..)
super talento
per me superiore a mister k
sembrava un predestinato

sui corridori dell'est giravano storie.. difficile capire dove fosse la verita' ..
 
Rispondi
#4
Io non sono un grande estimatore di Kwiatek, dunque mi trovi d'accordo.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)