Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Le pagelle del Giro d'Italia 2014
#1
Astana Pro Team:6 Meritano solo la sufficienza perché hanno trovato in Aru(8,5) il jolly, altrimenti giro molto deludente. Scarponi(s.v.) fuori dai giochi sin da subito per la caduta, ma secondo me sarebbe uscito di classifica ugualmente. Agnoli non è stato il solito, così come Tiralongo, ma l'età si fa sentire. Gasparotto(4) il peggiore della sua squadra, arrivato solo al 17° posto nella tappa di Rivarolo Canavese. Landa(4,5) altrettanto, mi aspettavo molto dopo il Trentino. Peccato per Brajkovic, ero curioso di vedere come si sarebbe comportato


Ag2r la Mondiale: 7 E' mancata solo una cosa, la vittoria di tappa. Compensata però dalla vittoria nella classifica a squadre. Questo perché Pozzovivo(6,5) chiude 5° comunque un giro non da buttare via, ma dimostrando che più di questo non può. Vuillermoz(7) sorpresa positiva chiude il suo miglior gt in carriera all'11° posto e completa Dupont(6,5) con il 16° posto.


Androni Giocattoli-Venezuela: 5 Pellizzotti (5,5) non centra l'obiettivo top 10, prova a vincere una tappa di alta montagna ma i suoi rivali in fuga sono più forti di lui, almeno ci prova. Esattamente il contrario di Hoogerland(2), me lo aspettavo quasi sempre in fuga, poi ho pensato forse sa che queste fughe non arriveranno mai e allora aspetta giornate più favorevoli, ma neanche quando tutti sanno che la fuga arriverà lui c'è. Difficile dare altre sufficienze, si avvicina solo Jackson Rodriguez(6-) per il 2° posto di Rivarolo Canavese e per essersi fatto vedere in altre tappe. Diego Rosa(s.v.) un grande per essere rimasto in gruppo fino alla numero 18


Bardiani Valvole-CSF Inox: 9 Miglior squadra di questo giro a mio avviso. Pirazzi(7) mette un po' di sale in zucca e conquista una bella tappa dopo essere entrato in fuga. Indimenticabile il gesto finale. Battaglin(7,5) strepitoso a Oropa, sale con il suo passo e brucia Cataldo sulla linea d'arrivo. Canola(7) ci crede fino all'ultimo e conquista la tappa di Rivarolo Canavese. Ma vanno sopra la sufficienza anche Boem(6+) spesso in fuga, Bongiorno(6,5) e lo Zoncolan, forse avrebbe perso ugualmente ma quel tifoso ha pensato bene di chiudere lì il discorso tappa. Buona la prova anche di Zardini(6)


Belkin Pro Cycling Team: 5+ La squadra era quello che era, Kelderman(7) conquista un buon piazzamento data la sua età, per i suoi compagni di squadra non molto da dire, bisogna solo citare Tjallingii(5,5) prima maglia azzurra e Keizer(5,5) per essersi fatto notare


Bmc Racing Team: 5,5 Sembrava tutto rose e fiori all'inizio e invece alla fine si è rivelato un quasi fallimento. Evans(6,5) va premiato per il suo 8° posto finale, per la sua grinta e per aver tenuto la maglia rosa per un po'. Morabito(5) si scioglie come neve al sole, Samuel Sanchez(5+) non è da meno. Oss(5) me lo aspettavo più pimpante, e invece una sola fuga chiusa per altro lontano dal vincitore


Cannondale Pro Cycling: 3 Peggior squadra di questo giro 2014. Basso(5) chiude al 15° posto, l'età si fa sentire ma almeno Evans conclude qualcosa. Moser(3,5) inesistente, Ratto e Gatto(3) peggio di lui, anche se Gatto riesce a trovare la fuga giusta a Rivarolo Canavese, ma la chiude al 20° posto. Viviani(4,5) non riesce neanche ad avvicinarsi alla vittoria di tappa, Marangoni(4) è impegnato a scrivere il suo diario personale come fatto per il Tour


Colombia Cycling Pro: 6 La squadra si fa vedere, Duarte(5,5) non riesce a concludere nulla nella classifica generale ma trova due ottimi piazzamenti nelle tappe di Montecampione e rifugio Panarotta. Non malissimo i suoi compagni di squadra


Fdj.Fr: 7 Sono venuti per conquistare tappe e maglia rossa. Obiettivi entrambi raggiunti. Bouhanni(8) è capace di vincere 3 tappe, questo succede però solo dopo l'abbandono di Kittel. Questo fa pensare che ancora c'è da migliorare, anche perché ha trovato solo Nizzolo a darli veramente fastidio nelle volate. Geniez(6+) non male, alla fine conquista un buon 13° posto nella generale. Veikkanen(10) Rockeggio


Garmin Sharp: 5,5 Perdere il proprio capitano, D.Martin(s.v.) nella prima tappa è una mazzata incredibile. Ma c'è Hesjedal(6+) a trovare almeno una top 10. Si fanno vedere Cardoso(6) e Farrar(5) nell'ultima tappa


Lampre-Merida: 6 Conquistano due tappe grazie ad uno strepitoso Ulissi(7,5), poi più nulla. Cunego(4) chiude nei primi 20, trova la fuga ma poi chiude ultimo dei 25. Niemiec(3,5) un disastro, Cattaneo(6) sembra promettere bene


Lotto Belisol: 5 Nulla di che il loro giro. Monfort(5) grazie alla fuga sullo Zoncolan riesce ad entrare nei primi 15, Hansen(4,5) ci prova una sola volta, così come Bak(5). Wellens(6+) quello che arriva più vicino alla vittoria di tappa, però trova sulla sua strada un grande Pirazzi e Matthews


Movistar Team: 7 La squadra più solida nonché la squadra del vincitore. Quintana(9) è di un altro pianeta, sembra neanche non impegnarsi a fondo e nonostante ciò conquista 2 tappe. Tutti i suoi compagni di squadra meritano la sufficienza, Malori(5,5) complice un percorso che non prevedeva una cronometro per specialisti, non si fa vedere molto ma lavora in pianura


Neri Sottoli Yellow Fluo: 4 Si gioca il ruolo di squadra bidone con la Cannondale. Davvero poca cosa questo giro per gli uomini di Scinto, non riescono ad andare in fuga quando per davvero bisogna andare. Rabottini(4,5) si stacca subito dai primi nelle ultime tappe dove la fuga la centra, gli altri non si vedono tranne Fedi(6) che merita la sufficienza solo per essere stato l'uomo che ha preso più vento in faccia di tutto il gruppo. A vuoto però.


Omega Pharma-Quickstep: 6 Riescono a piazzare Uran(7) in seconda posizione, capace di fare una crono dei vini pazzesca. Brambilla(6) ci prova verso Viggiano senza fortuna, ma comunque rimane un grande attacco. Poels(6) e De Gent(5,5) si intravedono. Petacchi(5) lo vedremo al Tour, perché al Giro non si è mai visto


Orica Greenedge: 7,5 Alla fine sono rimasti in 2, ma il loro Giro è da incorniciare. Lasciando da parte Santaromita(5) da cui ci si aspettava di più, prendono la prima maglia rosa con Tuft(6,5) che sarà uno dei due che finirà questo Giro. Ma è soprattutto Matthews(7,5) ad impressionare, conquistando anche una tappa. Da citare anche Weening (7) che batte Malacarne e conquista l'arrivo di Sestola


Europcar: 6,5 Chi pensava ad una squadra francese in gita per l'Italia si sbagliava. Il loro capitano Rolland(7+) ci prova sempre e conquista un ottimo 4°posto. Sicard(6,5) e Malacarne(6+) altre note positive della squadra, senza dimenticare che Tulik(6) poteva conquistare una tappa


Team Giant-Shimano: 7 Aprono con una vittoria nella prima tappa in linea, chiudono allo stesso modo. Kittel(7) si dimostra il velocista più forte in circolazione, peccato che abbia lasciato così presto ma il Tour è il Tour. Mezgec(6,5) è il velocista che supera meglio le dure montagne della terza settimana e centra una splendida vittoria a Trieste. Si sono fatti notare anche Preindler(6) e Geschke(6). Sfortunato Ludvigsson(s.v)


Katusha: 4 Voto molto negativo per la squadra russa. Il povero Purito(s.v.) si rompe la terza costola, Caruso(s.v.) e Vicioso(s.v.) non sono meno a sfortuna. Rimangono in gioco Paolini(4) e Dani Moreno(5). Il primo non cerca mai la fuga, solo il cercar di far neutralizzare più tappe possibili . Il secondo prova qualcosina nella terza settimana ma le gambe non ci sono


Sky Procycling: 5 Si presentano senza capitano e questo si fa sentire per tutto il Giro. Cataldo(6+) prova più volte ma ora Battaglin, ora altri scalatori più forti di lui lo lasciano a bocca asciutta. Bene Deignan(6) e il giovane Henao(6), pensavo meglio Swift(5)


Tinkoff-Saxo: 7 Sembrava tutto perduto quando Roche(5,5) è uscito fuori classifica per una caduta, ma Majka(6,5) con il suo 6° posto finale e soprattutto Rogers(7,5) con le sue vittorie di tappa riescono a ridare un sorriso al patron Tinkoff.


Trek Factory Racing: 7,5 Portano a casa una top 10, una tappa, la maglia azzurra+un infinità di piazzzamenti del povero Nizzolo(7-). Kiserlovski(6,5) riesce ad entrare nei 10 e va vicino a conquistare una vittoria di tappa. Arredondo(7,5) uscito di classifica porta a casa maglia azzurra e tappa, cosa volere di più dopo che una caduta ti ha tolto dai giochi?
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Gallagher
#2
Volevo farle pure io, le farò nei prossimi giorni. Ingeneroso secondo me con l'OPQS, e soprattutto con Poels che secondo me è stato un gregario preziosissimo per Uran. Troppo generoso con l'Orica, hanno vinto, e tanto, ma non puoi abbandonare alla prima difficoltà. Lo stesso vale anche per Kittel. L'Europcar un bel 8 se lo merita tutto, insieme alla Bardiani squadra senza dubbio migliore, peccato non sia arrivata la vittoria.
 
Rispondi
#3
Sì forse Poels meritava il 6, ma l'Europcar non può meritare l'8. È vero che hanno fatto un grande Giro ma mi sembra eccessivo, potevano lavorare meglio per Rolland e forse ci scappava anche una vittoria di tappa visto che le gambe le aveva
 
Rispondi
#4
Poels molto di più di sei dai, due anni fa s'è spappolato la milza, mica è facile poi tornare ai livelli di prima. E' stato nettamente il miglior gregario in casa OPQS.

Sei stato di una cattiveria disarmante comunque.
 
Rispondi
#5
Henao ha 20 anni, sei stato un po ingeneroso secondo me.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Jackfish
#6
Beh, nel voto all'Europcar citi Sicard e Malacarne anzichè Thurau e Quemeneur?
 
Rispondi
#7
Come detto ci sono diversi voti da alzare, e da abbasare pure: la Neri per esempio, io voglio solo ricordare come qualche anno fa una squadra con Betancur, Di Luca Garzelli ed altri non certo inferiori agli Yellow Fluo sia stata lasciata a casa e fatta chiudere praticamente. Ma ormai, fortuna che quell'impiastto artefice del tutto non ci sia più.

Henao monumentale.

Kelderman ben oltre il 6,5 che condivide con Majka, lui si un po' deludente rispetto all'anno scorso.

Uran dice: Nibali dell'anno scorso meglio di Quintana. Ma per favore.................
Se Quintana ti parte sullo Zoncolan ti fa piangere altro che i 20" sulle Tre Cime.
 
Rispondi
#8
(02-06-2014, 12:27 AM)Jackfish Ha scritto: Henao ha 20 anni, sei stato un po ingeneroso secondo me.

Ho dato la sufficienza, alla fine non è che sia stato uno che abbia lasciato molto il segno, diverso se fosse entrato in una fuga


(02-06-2014, 02:25 AM)Carles Puyol 2 Ha scritto: Beh, nel voto all'Europcar citi Sicard e Malacarne anzichè Thurau e Quemeneur?

Ho citato quelli che secondo me sono stati i migliori insieme a Rolland, gli altri non sono citati ma è sottinteso che anche loro abbiano fatto un Giro al di sopra della sufficienza
 
Rispondi
#9
Sì, però dando voti con il righello non si rispecchia sempre la realtà delle cose.
 
Rispondi
#10
In RAI invece il 10 se lo meritano solo Bartoletti e Sgarbozza, che dopo un anno di assenza tornano con Giro Mattina mettendo in piedi un programma simpatico e di grandi contenuti...

(02-06-2014, 08:15 AM)Danilo Ha scritto: Uran dice: Nibali dell'anno scorso meglio di Quintana. Ma per favore.................
Se Quintana ti parte sullo Zoncolan ti fa piangere altro che i 20" sulle Tre Cime.

I 20 secondi sono un luogo comune, perchè a un km dalla fine il vantaggio sfiorava il minuto. Poi Nibali s'è tolto i guanti, s'è messo a posto la maglia, s'è guardato indietro, ha salutato un paio di tifosi e ha visto il suo vantaggio scendere ai famosi 20 secondi. Andava a tutta e il vantaggio era 1'10"...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)