Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Merckx: «Contador vincerà la Vuelta con un giorno di vantaggio»
#1
Merckx: «Contador vincerà la Vuelta con un giorno di vantaggio»
Eddy Merckx interviene ancora sul caso Contador: «Alberto si deve concentare sulla Vuelta - ha detto alla collega Ainara Hernando di Ciclismo a Fondo - e riuscire a trasformare in risultati la sua rabbia. Successe anche a me, quando mi esclusero dal Giro del 1969: fu un trauma, poi andai al Tour e diedi 17 minuti al secondo. Se saprà restare cponcentrato, Contador vincerà la Vuelta con un giorno di vantaggio sul secondo».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#2
C'è da dire che Eddy s'è schierato e non poco dalla parte di Contador, pur non essendo spagnolo. Chissà cosa significa, forse può capirlo.
Però è ovvio che vincerà la Vuelta senza alcun problema, ha tutto l'anno per prepararsi Confuso
 
Rispondi
#3
Non darei così per scontata la vittoria di Contador, sarà difficile recuperare il ritmo gara in 10 giorni, dopo 7 mesi che non corre. Per Merckx fu diverso, all'epoca il Giro finiva in Giugno, in pratica tornò alle corse solo un mese dopo, e c'erano poche corse tra Giro e Tour(Campionati nazionali e Delfinato) praticamente arrivava con la stessa preparazione degli avversari...
 
Rispondi
#4
Bhe è vero, ma ha comunque tanta esperienza e la condizione si può fare anche senza correre...
 
Rispondi
#5
VAI ALBERTO, TORNA E SPACCA I CULI !!!
 
Rispondi
#6
ha detto benissimo Eddy

Contador se li mangia tutti gli avversari alla Vuelta chiunque essi siano.
 
Rispondi
#7
(07-02-2012, 05:29 PM)Andy Schleck Ha scritto: C'è da dire che Eddy s'è schierato e non poco dalla parte di Contador, pur non essendo spagnolo. Chissà cosa significa, forse può capirlo.
Però è ovvio che vincerà la Vuelta senza alcun problema, ha tutto l'anno per prepararsi Confuso

Merckx si schiera sempre dalla parte in cui tira il vento...
 
Rispondi
#8
Raccontiamo un attimino la storia di Merckx va così capite, Merckx si schiera dalla parte di Contador perchè a lui fu fatta una cosa simile: durante il Giro del 1969 Merckx in maglia rosa con oltre 10 minuti di vantaggio su Gimondi venne squalificato perchè trovato positivo al doping(eloquenti sono i filmati con Merckx in lacrime e Gimondi a consolarlo, altro che Gotti e Schleck), Merckx da la colpa ad un panino contaminato, ovviamente l'accusa non crede alla sua versione e lo squalifica per un mese(Merckx tornerà al Tour e lo dominerà vincendo con 17' sul secondo). Ora la scusa di Merckx era probabilmente improponibile, ma anche l'antidoping dell'epoca non era di certo affidabile(tant'è vero che Thèvenet, l'uomo che mise fine all'era Merckx fece uso di steroidi durante tutta la carriera, cioè dal 1970 al 1981 e venne trovato positivo solo alla Parigi-Nizza del 77. Oltretutto il doping dell'epoca erano appunto gli steroidi e mentre Merckx non ha mai avuto problemi di salute dovuti all'abuso di steroidi e medicinali vari, Thèvenet nell'inverno del lontano 1977 ha visto la morte da molto vicino, causa un'infezione al fegato causata dall'uso persistente di steroidi), quindi Merckx per ciò che ne sappiamo noi poteva essere dopato, ma poteva anche essere una vittima del sistema, le uniche cose che sappiamo con certezza è che fu privato di un Giro già vinto e che non aveva bisogno del doping per demolire i suoi avversari. E' per questo che Merckx si schiera dalla parte di Alberto, perchè i loro casi sono analoghi...
 
Rispondi
#9
Ho molte difficoltà a credere che un ciclista sia in buona fede...anni di casi di doping, anche con i più insospettabili, ti portano inevitabilmente a credere che se c'è qualcosa di strano è effettivamente doping e non un errore, un panino, una bistecca, le caramelle o vediamo la prossima. Poi immagino che all'epoca di Mercx e negli anni precedenti la medicina avesse un'importanza primaria nelle prestazioni degli atleti...
 
Rispondi
#10
Ma anche due giorni: lui è superiore a tutti, ed è ancor più superiore rispetto a chi di solito fa seriamente classifica alla Vuelta. Star 6 mesi fermo credo possa incidere in maniera minima, mentre la voglia di rivalsa sarà certamente ai massimi storici. Se il Giro l'ha dominato contro avversari di buonissimo livello come Scarpo e Nibali, non voglio pensare a cosa possa succedere alla Vuelta...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)