Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Michele Ferrari
#1
Scheda del dottor Michele Ferrari, medico sportivo e preparatore di ciclismo.

Michele Ferrari
Italia


foto di Michele Ferrari

Nome completoMichele Ferrari
SoprannomeDottor Mito
Data di nascita26 marzo 1953
Luogo di nascitaFerrara (Italia)
ProfessioneMedico
RuoloPreparatore
Squadra-


Biografia
Michele Ferrari (Ferrara, 26 marzo 1953) è un medico italiano, preparatore di ciclismo.

Dopo aver iniziato la carriera medica con svariate ricerche e pubblicazioni sulla soglia anaerobica di numerosi atleti, Ferrari si dedicò allo sviluppo di programmi d'allenamento per ciclisti professionisti.

Uno dei primi successi fu la preparazione di Francesco Moser per il raggiungimento del record dell'ora nel 1984, ottenuto surclassando nettamente il precedente primato di Eddy Merckx. Nel 1999 ammise pubblicamente l'uso di autotrasfusioni, al tempo non rilevabili, per il raggiungimento del record. Fu quindi squalificato dalle autorità ciclistiche. In seguito lavorò ancora in ambito sportivo, con i dottori Francesco Conconi e Luigi Cecchini.

Ancor più celebre è il legame che unì il dottor Ferrari alla squadra US Postal, e di conseguenza al campione statunitense Lance Armstrong, vincitore di sette Tour de France (vittorie successivamente annullate). La dura testimonianza di Filippo Simeoni, che ammise l'uso indiscriminato di eritropoietina (EPO) e testosterone in base al parere medico di Ferrari, scatenò una serie di vivaci polemiche e una forte lite tra il ciclista italiano e il campione texano. Tuttavia Armstrong negò l'utilizzo di sostanze dopanti e difese pubblicamente l'amico Ferrari. In seguito, però, Armstrong ammise di aver assunto sostanza dopanti fin dal 1993.

A Ferrari nel maggio 2006 fu estinto il reato di frode sportiva per prescrizione e fu assolto per l'accusa di doping perché «il fatto non sussiste».

Nel luglio 2012 l'agenzia antidoping degli Stati Uniti (USADA), lo inibisce a vita dall'esercizio della professione sportiva, per violazione del regolamento antidoping, nell'ambito delle indagini sulla squadra ciclistica United States Postal Service (USPS).

tratto da Wikipedia.it





 
Rispondi
#2
Oggi ore 16 su Bike Channel durante il Giro di Svizzera collegamento con il Dottor Michele Ferrari

Mi sembra scandaloso che sia data visibilità a certi personaggi
 
Rispondi
#3
Alla fine è uno dei migliori preparatori della storia del ciclismo, le sue opinioni sono sempre interessanti.
 
Rispondi
#4
Anche a me piacerebbe sentire le sue opinioni,però ho come l'impressione che si giustifica quasi il doping...non so non riesco mai a capire la linea di pensiero di alcuni utenti su questo forum sul tema doping...."avrebbe vinto senza il doping,perchè comunque ha dimostrato del talento di suo" io su questa linea di pensiero quanto meno non riesco a generalizzare,bisogna sempre vedere caso per caso.
 
Rispondi
#5
Meglio soggetti come in Rai che fanno finta di non aver mai saputo niente di doping quando invece hanno corso negli anni del boom del doping?
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Danilo M.
#6
Che c'entra scusa? mica ho chiesto il parere di quelli della RAI....


Ad esempio si può affermare che Landis senza il doping avrebbe vinto il Tour?per me no,nessuna speranza senza il doping...questo è un caso,poi altri casi saranno diversi..
 
Rispondi
#7
Rispondevo a Jwill.

Ma hai la coda di paglia(rini)?
 
Rispondi
#8
Parlare di doping con cognizione di causa è difficile, perché:

1) Bisogna conoscere le sostanze. Spiega Greg Lemond che anfetamine, steroidi, cortisone ecc. non alterano granché le prestazioni, mentre stare in un gruppo di gente che va a EPO è impossibile se non ne fai uso anche te. EPO, trasfusioni e CERA fanno la diffetenza, il resto no.

2) Bisogna conoscere la storia del doping che è nel ciclismo già da fine 800, ma pratiche e sostanze sopraccitate che alterano veramente le prestazioni vengono introdotte tra la metà degli anni 80 e l'inizio dei 90(trasfusioni nell'84 da Conconi ed Eddy B., Epo nel 92/93), per cui sappiamo che a fine 90/inizio 2000 tutti erano dopati. La prima botta al doping la dà l'OP che fa fuori Fuentes che era sostanzialmente l'uomo che riforniva gran parte delle squadre più importanti(Once, CSC, T-Mobile, Banesto ecc...). Da là il ciclismo comincia a pulirsi ed abbiamo i primi casi di corridori scarsi che diventano forti grazie al doping(Sella, Kohl). Mentre gente tipo Armstrong, Basso, Ullrich, Di Luca si dopavano per stare al passo, ma erano già fortissimi di loro, come testimonia il fatto che erano fenomeni già a 15 anni.

3) Bisogna conoscere la storia dell'antidoping che nasce dopo la morte di Tom Simpson per tutelare i corridori da sostanze nocive alla salute e finisce con l'essere strumentalizzato dal duo McQuaid - Verbrugghe che in più di un occasione insabbiarono le positività di Lance Armstrong.

Consci di tutti ciò si può cominciare a trattare l'argomento in modo sensato e dici bene che bisogna analizzare caso per caso, perché è chiaro che Davide Rebellin che andava forte a 15 anni e va forte ora a 45 anni non diventa Davide Rebellin grazie al doping. Bernard Kohl che da corridore mediocre fa podio al Tour, ecco in quel caso l'aiuto è stato fondamentale.

In tutto questo Michele Ferrari è senz'altro un personaggio abbastanza disgustoso, che ha sempre incitato al doping al contrario del collega e rivale Cecchini(altro allievo di Conconi) che invece lo usava perché necessario. Ma allo stesso tempo Ferrari non è stato un banale dottore del doping come Fuentes, ma bensì uno dei migliori preparatori della storia di questo sport.


Landis era forte veramente comunque.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#9
no non ho nessuna coda di paglia..solo che quando si risponde sotto ad un commento senza quotare uno precedente,s'intende che quel commento è riferito all'ultimo messaggio scritto...tutto qui.


Landis poteva essere forte quanto vuoi,ma è arrivato 3 volte sopra la ventesima posizione su 5 Tour disputati(aldiLà del fatto che era gregario di ARMSTRONG)....e poi boom di botto dopo aver perso 8 minuti ne recupera sette il giorno successivo...dai...però è una mia opinione.
 
Rispondi
#10
Che fosse anche un preparatore non c'è dubbio,ma io ripeto non riesco mai a capire la posizione sul doping...che fosse un periodo dove tutti si dopovano ok...ma il punto è attraverso le statistiche dei vari corridori,possiamo evincere caso per caso se tizio o caio potevano vincere un grande Giro senza il doping(o comunque senza quelle sostanze chiave tipo EPO) in un periodo più "tranquillo" come quello di oggi?questo dico...per me alcuni si,altri no...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)