Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Overrated & Underrated
Avevamo sopravvalutato Adam Yates? Il Tour 2016, corso in quel modo, era perfetto per lui. Al Giro e Vuelta 2017 dove c'è stata battaglia ha deluso
 
Rispondi
È vero.

Ottimo uomo per le brevi corse a tappe. Per i GT......insomma.
 
Rispondi
L'underrated per eccellenza: Gino Bartali.

La guerra gli tolse tantissimo e insieme a lei pure la sfortuna. Nel 35, ancora non professionista, solo al comando della Sanremo gli si bloccò il cambio sul 50x18. Nel 37 al Tour in maglia gialla cadde in un torrente e fu costretto a ritirarsi, nel 47 in maglia rosa con tre minuti di vantaggio su Coppi cadde due volte nella Pieve di Cadore - Trento e l'Airone ne aprofittò per rifilargli quattro minuti e mezzo e strappargli la rosa.

Probabilmente il miglior scalatore di tutti i tempi e aveva uno spunto veloce degno di quello di Valverde.

Uno che vince un Tour in quella maniera a 34 anni faccio fatica a metterlo dietro anche a Merckx.

Per fortuna che almeno qua sopra gli abbiamo fatto vincere il torneo dei corridori.

Fino ai 34 anni era ai livelli di Coppi nel prime, se non un pelo superiore.

Probabilmente se non ci fosse stata la guerra parleremo del recordman di vittorie al Giro, al Tour e alla Sanremo.
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
Un'altro underrated dell'epoca era il mio conterraneo Malabrocca, è vero che arrivava ultimo al Giro (più per portar a casa cibarie varie che per scarsezza in sè), ma nel ciclocross era un autentico fenomeno
 
Rispondi
Peraltro mi sono colpevolmente dimenticato del Tour del 49.

Quando a 35 anni(!!!) staccò tutti sull'Izoard, incluso Coppi, ma al rifornimento Tragella, vice di Binda e DS di Coppi, non si fece trovare così Bartali senza cibo e acqua venne ripreso proprio dall'Airone, ma lo batté comunque in volata prendendo la gialla.

Il giorno dopo i due rimasero soli in salita, Bartali in giallo in assoluto contro, ma sulla discesa del Piccolo San Bernardo cadde e Coppi, convinto da Binda, non lo aspettò e si involò verso la vittoria finale strappandogli il primo posto in classifica.

C'era una crono di 137 km ancora da fare(dove Bartali fece secondo a 7 minuti da Coppi), per cui non è comunque detto che quel Tour lo avrebbe vinto senza inconvenienti vari, però cacchiarola che sfiga.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
Senza i fattacci dell'Aspin (approfondirei ma sono dal telefono) Bartali avrebbe potuto vincere anche il Tour 1950.
 
Rispondi
beh nel 1950 è molto difficile ipotizzare cosa sarebbe successo con Magni in giallo.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)