Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Paglia racconta Pantani - 19 luglio 2019
#1
Dal 15 al 21 luglio a Caorle (Venezia) si tiene il Premio Papa Hemingway, un festival giornalistico dedicato al Papa in cui viene assegnato, appunto, un premio che prende il nome del famoso scrittore. Nel corso dei giorni vengono organizzati vari eventi in cui si parla dei più svariati argomenti.

Venerdì 19 luglio, per ricordare i 15 anni dalla scomparsa di Marco Pantani, si terrà un evento dedicato al Pirata. Io (vediamo con chi altro, non anticipo nulla) sarò tra coloro che parleranno sul palco di Marco.

L'entrata è gratuita, l'orario devono ancora stabilirlo (verso pomeriggio - sera, comunque). In seguito vi aggiornerò.

Il Festival è un evento molto interessante in un paese molto carino (e c'è il mare), se volete fare un salto vi aspetto.

Qua il sito: https://www.premiopapa.it/
 
Rispondi


[+] A 6 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
#2
Grande Luca! 

Ho un bel ricordo di Caorle, dove negli ultimi decenni del secolo scorso si disputava uno degli open di scacchi più importanti del nostro Paese. Ho partecipato (con modesta fortuna  Triste ) all'edizione del 1988 (o 89...  Mmm ). 

Ti è già capitato di parlare in pubblico nel ruolo di conferenziere / esperto? Ti raccomando un tono deciso, chiaro, di chi dice alcune cose sapendone diverse altre, di chi ha idee e opinioni ben riflettute e argomentabili da esporre, di chi vuole comunicare pensieri e, perché no, emozioni, a tratti di chi riflette e condivide idee piuttosto che "proclamare". 

Non avrei competenze per parlare di Pantani, non so se può aver senso la mia percezione: Marco mi ha sempre dato l'idea di uomo rimasto ragazzo, ancorato al sogno che imbastiva pedalando, lo stesso ragazzo che si trovò in mezzo al giochino di quei due professionisti che un giorno si stavano allenando con lui, un giovane ciclista che si muoveva su sensazioni, molto lontano da un approccio super - scientifico, istintivo e che amava immensamente la sua bicicletta e le sensazioni che provava. In quanto ragazzo con poca scorza per incassare i tremendi colpi che la vita gli ha inferto. 

Qualunque sia il taglio del tuo intervento, lascia trapelare la tua passione per il ciclismo. Passione, emozioni, desiderio di comunicare e condividere. 
Falli secchi! 
Groupwave
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di OldGibi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)