Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Prospetti - Stagione 2017
#1
Non pensavo di dover dar vita a questo topic già ora, però ho appena aperto Twitter e mi sono trovato davanti il tweet riportato qua sotto e allora mi sono detto:"vabbè dai, via il dente via il dolore".


L'obiettivo della discussione non sarà tanto quello di commentare le corse, quanto proprio di analizzare i prospetti in sé, con anche l'aiuto di Manuel che ha acconsentito a fare i Manu Rankings anche per gli Elite - Under.

Visto che più di qualcuno qua guarda con occhio interessato al mondo degli Elite - Under(io, Dui, SiTo, Jussi e se tornasse anche il fu Gershwin sarebbe oro) credo proprio che si potrebbe dare vita a un bel topic e anche  un buon lavoro di scouting.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#2
Inauguro ufficilmente il topic postando un'intervista a Brendon McNulty, campione del mondo juniores a cronometro in carica e uno dei prospetti più attesi per questa stagione.



Avendolo scelto al fu Gdr ancora un paio di anni fa, McNulty sarà sicuramente uno degli Elite-Under che cercherò di seguire con più attenzione.

1.83 x 68 kg Brendon McNulty tra gli juniores si è dimostrato ben più che un semplice cronoman, ha vinto tre corse a tappe di Nation Cup tra il 2015 e il 2016, rivelandosi solidissimo anche in salita.

La prima delle tre è stata la Corsa della Pace, nel 2015, in cui insieme al connazionale Adrien Costa hanno semplicemente dominato, mentre l'anno scorso si è portato a casa anche il Trofeo Karlsberg e il Tour de l'Abitibi.
 
Rispondi
#3
Gran bella idea sto topic, pensavo pure io di aprirne uno simile per segnalare i giovani talenti ma mi hai anticipato.

Comunque gli americani tra i 95-96-97-98 stanno sfornando diverse giovani promesse, Powless, Costa, Owen e appunto McNulty i più promettenti..bisogna però sperare non abbiano la sindrome dei corridori danesi
 
Rispondi
#4
Fino ad adesso tutti gli americani hanno fatto una brutta fine o hanno deluso. Vedremo Costa che forse è il più pronto.
 
Rispondi
#5
Beh non è che ne siano passati tantissimi con grosse aspettative negli ultimi anni e l'unico con un talento paragonabile a quello di Costa era Dombrowski. I Craddock, Boswell & co sono quello che sono, discreti corridori.

Secondo me Costa e McNulty hanno il motore per diventare dei corridori veramente importante, qualche dubbio in più su Powless.

Mentre Logan Owen, come tutti quelli che vanno forte nelle corse di un giorno tra gli Elite - Under, mi convincerà sempre il giusto finché non lo vedrò tra i pro.
 
Rispondi
#6
Gran Down Under di Storer che, dopo l'ottavo posto a Paracombe, chiude 16esimo sulla Willunga. Attualmente quindicesimo in classifica generale, domani in caso di miglior piazzamento potrebbe scalare di una posizione scavalcando Slagter.

A questo punto è logico aspettarsi una stagione importante da Elite - Under dall'australiano, che peraltro è solo al secondo anno.

Lucas Hamilton e Jai Hindley rispettivamente 23esimo e 24esimo sulla Willunga e 24esimo e 25esimo in classifica generale. Mi aspettavo un po' di più dal primo, ma ho notato che facevano a fatica a muoversi in gruppo e hanno preso sia la Willunga che la salita di Paracombe non nelle primissime posizioni, normale alla loro età. Storer, da passista - scalatore qual è, se l'è cavata molto meglio.
 
Rispondi
#7
Bisogna dire che i neoprofessionisti (o gli outsider) che fanno bene al Down Under per il resto della stagione sono invisibili o quasi: Javi Moreno, Slagter, pure Thomas, gli Hamilton e poi un'altra lunga serie...
 
Rispondi
#8
Beh, gli Hamilton la stagione scorsa erano ancora Elite - Under(e Lucas lo è ancora), per questo non li hai visti Asd

Lucas l'anno scorso ha vinto la maglia dei GPM all'Avenir arrivando peraltro secondo a Saint-Sorlin-D'Arves, ha fatto terzo nella generale dell'An Post Ras e quarto a Capodarco.
 
Rispondi
#9
Jai Hindley veramente impressionante all'Herald Sun, negli ultimi due km dell'arrivo in salita è andato più forte di tutti. Storer ha provato a stargli dietro, ma c'era poco da fare, saliva come una moto.

Peraltro su una salita lunga i valori tra i due si sono invertiti rispetto a Willunga e Paracombe, c'era da aspettarselo comunque. Sicuramente anche i ritmi più blandi dell'Herald Sun rispetto a quelli del Down Under hanno aiutato Hindley.

Hamilton invece ha corso marcando Froome e Chaves, abbastanza difficile da giudicare.
 
Rispondi
#10
Oggi assolo notevole di Mark Padun in una corsa in Toscana, è arrivato da solo dopo essere stato in fuga tutto il giorno.

Prima vittoria stagionale per un corridore che già mi aveva fatto una bella impressione l'anno scorso al Valle d'Aosta, da tenere d'occhio per il proseguo della stagione.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)