Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Remco Evenepoel
#1
Direi che è arrivato il momento di parlarne.

Da terzino sinistro nelle giovanili di Anderlecht e PSV (di cui è stato capitano) a corridore...mai scelta fu più azzeccata, sembrerebbe.

Dovremmo dire di lui che corre male.....però vince e ci fa divertire, e allora c'ha ragione lui.

Anche per quanto concerne le caratteristiche è difficile da inquadrare.

Non sembra un piccolo Merckx...lo sprint del Cannibale non pare averlo.

Va fortissimo a crono, con il tempo fatto nella prova per juniores al campionato nazionale belga avrebbe vinto anche quella per U23. Alla crono della Corsa della Pace è arrivato a soli 13" dal record sul circuito di McNulty.

Ha vinto la KBK staccando Van Wilder sul Kwaremont. Invece su una salita come Altenberg ha tenuto Vacek (aiutato del vento contrario, va detto).

Quel che è certo è che vuole vincere sempre facendo il numero.

Il che lo porta ad andare in fuga solitaria, partendo, spesso, da lontanissimo.

E ce l'ha fatta a fare il numero pure nella corsa di livello più alto tra quelle per junior: la Corsa della Pace.

Anno prossimo passerà con la Axeon. Sarà interessante vedere come gestiranno quest'animale più unico che raro.

E sarà interessante vedere anche se lui riuscirà a traslare il suo modo di correre al piano superiore.
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di Luciano Pagliarini
#2
Oggi ha vinto il campionato nazionale belga dando 4 minuti al secondo.
 
Rispondi
#3
Lefevere vorebbe metterlo sotto contratto ma prima non dovrebbe fare un anno con la Hagens Berman-Axeon?

http://www.wielerflits.nl/nieuws/361488/...epoel.html
 
Rispondi
#4
Ha firmato con la Axeon già l'anno scorso.

Lui, intanto, fa sapere che vorrebbe iniziare a correre con U23/professionisti già da ora.
 
Rispondi
#5
Visto che è l'uomo del giorno vi metto qua sotto il video della sua vittoria al Trophée Centre Morbihan:




Qua, invece, al General Patton




E sui muri



 
Rispondi
#6
Remco tu si a putenza....
 
Rispondi
#7
Ho grande attesa per vederlo almeno al piano superiore
 
Rispondi
#8
La cosa allucinante è che ogni corsa che fa va più forte rispetto alla precedente.

Io il Mondiale glielo farei correre con gli U23 e non con gli junior.
 
Rispondi
#9
A 16 anni ha fatto la mezza maratona senza nessun allenamento specifico.

Ha concluso i 21,0975 km in un'ora e sedici Ghgh
 
Rispondi
#10
Ma siamo seri? Asd
 
Rispondi
#11
se sa anche nuotare bene quando smette col ciclismo si dà al triathlon o addirittura all'Ironman  Asd
 
Rispondi
#12
(06-05-2018, 01:21 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: Direi che è arrivato il momento di parlarne.

Da terzino sinistro nelle giovanili di Anderlecht e PSV (di cui è stato capitano) a corridore...mai scelta fu più azzeccata, sembrerebbe.

Dovremmo dire di lui che corre male.....però vince e ci fa divertire, e allora c'ha ragione lui.

Anche per quanto concerne le caratteristiche è difficile da inquadrare.

Non sembra un piccolo Merckx...lo sprint del Cannibale non pare averlo.

Va fortissimo a crono, con il tempo fatto nella prova per juniores al campionato nazionale belga avrebbe vinto anche quella per U23. Alla crono della Corsa della Pace è arrivato a soli 13" dal record sul circuito di McNulty.

Ha vinto la KBK staccando Van Wilder sul Kwaremont. Invece su una salita come Altenberg ha tenuto Vacek (aiutato del vento contrario, va detto).

Quel che è certo è che vuole vincere sempre facendo il numero.

Il che lo porta ad andare in fuga solitaria, partendo, spesso, da lontanissimo.

E ce l'ha fatta a fare il numero pure nella corsa di livello più alto tra quelle per junior: la Corsa della Pace.

Anno prossimo passerà con la Axeon. Sarà interessante vedere come gestiranno quest'animale più unico che raro.

E sarà interessante vedere anche se lui riuscirà a traslare il suo modo di correre al piano superiore.

Caro Luca, ho solo il tempo per una battuta (tra l'altro devo risponderti sui talenti mancanti nel calcio)....
Remco Evenepoel è un 99esimo percentile come i tre sport praticati ampiamente dimostrano. Ed è "picotto": in piena formazione muscolare ed ancora distante dall'equilibrio ormonale. Ha inoltre la fortuna di essere 1,70 per 61 kg, quindi la maggioranza degli zambottini-dottori stereotipati sui fisici da trampoliere, lo scarterebbero. Mentre la minoranza,  e questo sarebbe di una pericolosità enorme per la sua vita, "pastrocchierebbero" fino a rovinargli la carriera. Per giunta è pure mancino, quindi troppo virtuoso per certe (troppe) capre presenti nel ciclismo. 
Spero stia in Belgio. Se va a quelle obbrobriose tre lettere, oltre a rovinargli la carriera, gli comprometterebbero la VITA. 

A presto, per una stesura decente su questo ragazzino che, mi auguro, possa invertire col suo enorme talento, i due decenni di modus su lingua raglio, che han trasformato il credo dell'agilità, in un inno distruttivo del pedale (para-chimico e para-elettrico) dato dallo stile di operatore di "vignarola".
A presto!
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Morris
#13
Stracciato il contratto con la Axeon, va diretto in Quick-Step nel 2019.

Un anno tra gli u23 gli avrebbe fatto benissimo, peccato. Farà molta fatica a stare in gruppo, i primi tempi.

Purtroppo era arrivata una maxi offerta dalla Sky, e la Quick-Step ha preferito non rischiare.

Certo che la Sky dopo Sivakov e Bernal voleva pure Remco, mah. Praticamente avrebbero voluto ammassare i primi tre giovani per talento in circolazione.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#14
Anche per me il doppio salto è un po' troppo azzardato.
Chi dice che si brucierà penso sbagli perchè uno con quel talento non si può bruciare. Però diciamo che probabilmente ci sarebbero state scelte migliori sia per il breve sia per il lungo periodo.
La Quick Step però mi sembra una squadra abbastanza lungimirante in questo senso.

Gli avrebbe bene anche solo passare U23 in questi ultimi mesi di stagione, però francamente capisco anche l'UCI che non gli concede la deroga.
 
Rispondi
#15
Ma anche metà stagione alla Axeon poi per il mondiale no ma pazienza
 
Rispondi
#16
(18-07-2018, 10:43 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: Stracciato il contratto con la Axeon, va diretto in Quick-Step nel 2019.

Un anno tra gli u23 gli avrebbe fatto benissimo, peccato. Farà molta fatica a stare in gruppo, i primi tempi.

Purtroppo era arrivata una maxi offerta dalla Sky, e la Quick-Step ha preferito non rischiare.

Certo che la Sky dopo Sivakov e Bernal voleva pure Remco, mah. Praticamente avrebbero voluto ammassare i primi tre giovani per talento in circolazione.

Trattasi di una grande notizia.
 
Le incognite sul salto doppio ci possono essere, ma se la Quick-Step lo gestirà con l'attenzione che al tempo usò la Mapei (vedi Pozzato ed in parte Cancellara), un simile talento sboccerà compiutamente. Anche perché lui ha una base sportiva orizzontale, che i due ex, citati in parentesi, si sognavano. Loro, per intenderci, non erano dei 99esimi percentili.
Fosse andato in Sky, i rischi sarebbero stati pazzeschi. Va rimarcato e ricordato per l'ennesima volta, quanto detto nel febbraio scorso, in maniera ufficiale, ripeto, ufficiale, da Bradley Wiggins (che a differenza dell'attuale Mulinex è sempre stato un campione, anche se solo settoriale, del ciclismo), a proposito del consiglio dato alla speranza britannica Tom Pidocock: "Non firmare per la Sky, resta lontano da loro. Cerca un'altra squadra, se vai da loro ti distruggeranno!".
Ai tanti ingenui (eufemismo) che mi capita di leggere su un certo sito e agli altri che credono al verbo anglosassone come l'incanto della pulizia da porre sempre a premessa, la domanda da fare è: "Perché con tutto quel che dice Wiggins, quei tipi che paiono padroni-padrini del ciclismo, non lo querelano?". C'è forse ancora qualcuno che i soldi non possono comprare?
Giustamente Luca ha posto l’accento sul fatto che la squadra delle tre lettere voleva completare il podio dei migliori talenti dell’ultimo lustro, ma fra Bernal, Sivakov ed Evanepoel, era proprio quest’ultimo a rischiare di più, per la sua conformazione fisica e la sua completezza muscolare, dettata dal fatto di non essere solo un pedalatore, ma un atleta più vero. Che è poi ciò che da più fastidio agli impresari “dell’anoressia indotta” e delle cosiddette lunghe leve e della disponibilità (costi quel che costi alla faccia del…..) ad alimentarsi col “no doping”, ma forse anche più pericoloso “pranzo” a boccette di chetoni. Quei trasformatori che non guardano più in là di quelle teorie che, seppur vere almeno in linea di tendenza, tralasciano un altro aspetto ben più fondamentale: ovvero l’attenzione che si deve riservare alla vita e a quelle soglie o quei parametri fisici che ci sono e che non vengono evidenziati o narrati nel cosiddetto passaporto biologico. Esiste un peso ideale, esiste una soglia di massa magra, esiste un equilibrio fra la sofferenza e la pressione sul cervello, affinché produca certe sostanze. E se il più grande computer esistente, che è e sarà sempre il cervello umano, si arrabbia e smette di fare quello che deve fare, la vita di chi sta sotto quel cranio, risulterà compromessa, fino a morte anticipata. Quindi, i risultati del business sportivo, con certi sistemi di oggi, molto peggiori per la salute del famoso periodo dell’epo a gogò, andranno purtroppo a cozzare col resto del segmento d’esistenza di chi, in questo caso, ha pedalato ai massimi livelli. Tra l’altro, mi si perdoni, il periodo dell’epo a gogò, era anche assai più onesto negli stessi risultati sportivi. Oggi, invece, ci sono talune esclusive (per intenderci quelle che un tempo aveva solo Armstrong) e chi non le possiede fa di tutto per diminuire le distanze, accecandosi sul possibile e il copribile, comprese quelle microdosi, ovvero il sistema più diffuso per evadere sulla ragnatela del passaporto biologico. Comunque il sottoscritto non fa discorsi sul doping (che esiste dalle olimpiadi dell’antica Grecia) e la morale ad esso legata, ma sulle esclusive, perché sono un reato gigante nel reato comune e non c’è niente di più vergognoso di trattare i consessi a mo’ di figli e figliastri. Soprattutto però dico queste cose perché le considero come la sovrastruttura di una deriva: ovvero una serie di trattamenti, certo anche legali spesso, che però han reso taluni ciclisti un ammasso di anoressici più tali che apparenti. Con tutto quello che ci sarà nel dopo, dove non è detto ci stia solo il semplice effetto bulimico da psicosi ecc. ecc….
Tornando ai tre, detto di Remco, non diamo al fisico “intermedio” di Bernal una certa garanzia di successo nel superamento del corredo Sky, solo perché è oggi là a ben comportarsi. E il 1919, il ’20 e il ’21, saranno pari alle aspettative? È intermedio e talentuoso, ma un conto è tirare, ed un conto è regredire nelle punte perché il tempo ed i conseguenti “allenamenti” nonché fatti agonistici, han compromesso la brillantezza delle proprie fibre e le stesse facoltà mentali applicate allo sforzo. Bernal, ha un talento assai superiore a quello che aveva in origine Quintana ed ancor più dello stesso suo capitano attuale, ma per il ciclismo che vogliono coloro che han distrutto questo sport come nessuno, ovvero gli anglosassoni, o di lingua inglese, compresi i sudditi diretti o quelli psico-politici che stanno in giro per il mondo ed in Italia in particolare, le garanzie assolute di diventare un Frooooooooome non ci sono.
Anche Sivakov, che pure ha un fisico in linea coi credi di quella società, non è detto arrivi. E se non diventasse quel campione che il suo talento annunciava, mi spiacerebbe doppiamente: è il figlio di una delle atlete più oneste e brillanti che abbia mai avuto in una mia squadra, e non posso certo dimenticarmi quando la mamma, quel giorno da spettatrice, lo portò al nostro camper ai Campi Elisi, in una giornata di gran festa e trionfo per il nostro team. Era il 20 agosto del 2000 e lui aveva da poco compiuto 3 anni, ma già sgambettava come pochi.
 
Rispondi


[+] A 7 utenti piace il post di Morris
#17
QUICK STEP. ALTURA E CRONOMETRO NEL FUTURO DI EVENEPOEL CHE DEBUTTERA' IN COLOMBIA

https://www.tuttobiciweb.it/article/1537876626
 
Rispondi
#18
Importantissima questione: come si pronuncia il cognome?

In quanto nato nelle Fiandre, la pronuncia dovrebbe essere qualcosa come: Evenopol (accento sulla seconda e)
In TV invece, ho sempre sentito pronunciare il suo cognome alla francese (o peggio, inglesizzato).
 
Rispondi
#19
Io lo pronuncio Evenepul però non so se è giusto.
 
Rispondi
#20
Chiamiamolo Remco che si fa prima
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)