Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Team Type 1 2011
#1
 
Rispondi
#2
Team Type 1, bici e sociale - Southerland e il messaggio sul diabete
Il Type Type 1 è un team anglosassone che è arrivato nel gruppo con un progetto ambizioso e umano. Un'ambizione perché i dirigenti vogliono far conoscere il diabete - specialmente quello di tipo 1 (quando il pancreas non produce insulina) e combatterlo. Il boss della squadra, Phil Southerland, solo 29 anni, è chiaro sulle sue idee e quelle del suo team: «Io soffro di questo tipo di diabete. Attraverso il Team Type 1, voglio educare e ispirare tutti coloro che soffrono di questa malattia dando questo messaggio: se si controlla, tutti i sogni sono possibili». Per concretizzare le sue ambizioni il Team Type 1, squadra che passerà dello status Continental a quello di Professional, si è rinforzato con corridori che vantano esperienza nel sistema Pro Tour: «Il programma sarà maggiormente in Francia. Però siamo in contatto con diversi organizzatori e speriamo di poter partecipare a corse come la Milano-Sanremo, la Tirreno-Adriatico e il Giro di Lombardia. Forse saremo alla partenza del Giro. Vedremo. Per il 2012 vogliamo invece essere presenti al Tour de France».
Laszlo Bodrogi, Alexander Efimkin, Lazlo Bodrogi, Jure Kocjan, Andrea Grendene, Daniele Callegarin e Rubens Bertogliati: questa campagna acquisti che vanta il tocco made in Italy rappresenta esperienza, ma anche voglia di rilanciarsi.
Il primo annunciato della squadra è stato Rubens Bertogliati. Il corridore svizzero, campione a cronometro nel suo paese, ha deciso di legarsi ai valori della squadra: «Sono felicissimo di fare parte di un team giovane e motivatissimo. Difende una causa importante e il messaggio che il management vuole veicolare mi dà grandi motivazioni per trovare risultati. Mi entusiasma poter combinare la mia carriera sportiva potendo aiutare i giovani con un'iniziativa sociale».
Per portare avanti un messaggio così umano, il Team Type 1 proverà a vincere molte corse. Percio ha deciso di puntare sullo spunto veloce di due ragazzi. Il primo si chiama Jure Kocjan. Lo sloveno proveniente dalla Carmiooro ha vinto una volta quest'anno ed ha collezionato diversi piazzamenti: «Lascio un team di amici, in cui si correva senza pressioni. E arrivo in una squadra che ha l'ambizione di dire alla gente che possono controllare la loro vita anche se soffrono di diabete. La priorità è vincere, ma la cosa più importante sarà diffondere il nostro messaggio. Abbiamo molto lavoro da fare. Da mia parte, porterò alla squadra la mia esperienza, i miei progressi dell'anno scorso. Con il nostro status, possiamo sognare di partecipare alle grandi corse e questo mi dà fiducia». Nel treno veloce della squadra americana troverà anche l'italiano Andrea Grendene. Il giovane velocista, alla Lampre negli ultimi due anni, ha sete di rivincita: «Ho avuto una bella impressione dalla squadra. Il progetto mi è subito piaciuto. Sarà un'esperienza nuova che mi consentirà di rilanciarmi e di participare alla visibilità di un messaggio umano. Poi devo confidare che dopo due anni "in panchina" alla Lampre ho una grande voglia di rilanciarmi. Voglio dimostrare la mia cattiveria e quello che valgo. Ho gli stimoli necessari per togliermi belle soddisfazioni».
Nella stessa situazione, si trova Laszlo Bodrogi. Il franco-ungherese, l'anno scorso alla Katusha, non è più al top da alcuni anni. Lui spera di potersi rilanciare alla Type 1: «Innanzitutto, l'offerta del team americano è stata l'unica che ho ricevuto. Il progetto è molto interessante perché si lega l'aspetto umano a quello sportivo. Lo scopo d'incorraggiare le persone che soffrono del diabete tipo 1 a fare sport è promettente. Dal lato personale, arrivo in questa nuova squadra con grande motivazione e grande morale. Ho messo dietro di me i problemi fisici che non mi hanno consentito di farmi valere alla Katusha, nella quale non ho ricevuto una reale opportunità e il giusto sostegno quando ero infortunato. Spero che nella Type 1 potrò cogliere risultati. Cosi dimostrerò che Laszlo Bordogi è ancora presente. Comunque ho già ripreso la preparazione da un mese. Un lavoro per il fondo, poi incrementerò in attesa di conoscere il mio programma durante il primo ritiro».
E nel reparto degli scalatori lo staff ha individuato due grandi nomi che possono portare buoni risultati. Fratello di Vladimir, Alexander Efimkin lascia il team francese AG2R per approdare nel Team Type1: «Sono contento di essere arrivato in un team così. Il futuro della squadra è buono. Non c'è un vero e proprio leader in squadra e questo consentirà di avere carta bianca e mostrare la maglia unendo il fattore sportivo a questo scopo sociale. Mi piace molto. Anche se non ho ancora parlato del programma con lo staff tecnico, ho un grande fiducia nello spirito che mi hanno dimostrato i dirigenti della squadra».
Per quanto riguarda Daniele Callegarin, corridore completo che arriva dalla squadra Continental italiana CDC-Cavaliere, la voglia di un riscatto e la sua esperienza permettono al corridore milanese di portare l'entusiasmo necesario per cercare soddisfazione sotto la casacca del team americano: «Che progetto!! Apprezzo molto lo scopo della Type 1. Oltre a cercare il risultato, vogliono diffondere un messaggio molto apprezzabile. Io mi sto preparando e aspetto il primo ritiro per definire insieme allo staff tecnico il mio programma di gare e i miei obbiettivi stagionali».

cicloweb.it
 
Rispondi
#3
Un giorno prima del raduno ufficiale della squadra, sei corridori più lo staff sono stati in galleria del vento a Mooresville nel North Carolina per modificare la posizione in sella sulla bici da cronometro in modo da trarre vantaggio nelle corse contro il tempo.
Tra i sei erano presenti i forti cronoman Laszlo Bodrogi, Rubens Bertogliati e Alexey Shmidt che hanno lavorato per migliorare una volta in più la posizione a cronometro, mentre gli altri tre Alexander Efimkin, Kiel Reijnen e Javier Megias hanno cercato un buon compromesso per trarre vantaggio in classifica nelle cronometro.

[Immagine: dsc_0144a_600.jpg]

[Immagine: dsc_0149a_600.jpg]

[Immagine: dsc_0139a_600.jpg]

[Immagine: dsc_0119a_600.jpg]

[Immagine: dsc_0033a_600.jpg]

[Immagine: dsc_0194a_600.jpg]

Photo: © Peter Hymas - http://www.cyclingnews.com
 
Rispondi
#4
Svelata anche la maglia 2011 del Team Type 1
Ancora una volta è via Twitter che arrivano le prime immagini di una nuova maglia per il 2011: il Team Type 1 sceglie il bianco con alcuni inserti di color azzurro. Probabilmente la vedremo in azione anche in diverse corse italiane.

[Immagine: MagliaTeamType1.jpg]

cicloweb.it
 
Rispondi
#5
Altre foto di migliore qualità:

[Immagine: TeamType1Jersey11-1.JPG]

[Immagine: TeamType1Jersey11-2.jpg]

 
Rispondi
#6
Non dice proprio nulla.

Comunque quest'anno cercherò di seguire questa squadra: c'è qualche individualità che mi stuzzica. Callegarin è un corridore che ha delle qualità ma, per adesso, ha avuto la sfortuna di correre in squadre di troppo basso profilo. Se recuperano Bodrogi fanno un bell'affare. Poi vediamo se arriva pure Vlad Efimkin, sarebbe un bell'innesto...
 
Rispondi
#7
Team Type1, il diabete non ci ferma
«I campioni non si costruiscono in palestra. Si costruiscono dall’interno, partendo da qualcosa che hanno nel profondo: un desiderio, un sogno, una visione. Devono avere l’abilità e la volontà. Ma la volontà deve essere più forte dell’abilità» disse Mohamed Alì, il grande Cassius Clay, uno dei più grandi pugili di ogni tempo.
Lui che in carriera ha perso solo 5 in­contri, che si è battuto 25 volte per il titolo mondiale vincendolo 22 volte, lui che ha battuto il diabete da cui è affetto. Con lui, tanti altri campioni dello sport come i calciatori Paul Scholes del Manchester United, Nicolas Amodio l’uruguaiano che milita nel Napoli o Mar­co Peruffo, il primo alpinista diabetico a raggiungere una vetta di oltre 8000 metri.
Per loro non esiste il limite perché la volontà è stata più forte, non si sono la­sciati nemmeno intimidire dalla ma­lattia e hanno realizzato i loro sogni.
A sostenerli, la stessa filosofia del Team Ty­pe 1 che dall’America sbarca in Eu­ro­pa e si prepara a parlare italiano con il direttore sportivo Massimo Po­den­zana e l’inserimento di corridori e staff “tricolore”. Un team che ha licenza Pro­fessional e che conta, oltre ai 5 ciclisti “speciali”, gli italiani Da­niele Cal­le­garin, Andrea Grendene e Ales­sandro Bazzana, il francese Laszlo Bo­drogi, i russi Alexander Efimkin e Alexey Schmidt, gli sloveni Jure Kocjan e Aldo Ino Ilesic, lo svizzero Rubens Ber­to­glia­ti, l’ucraino Valeriy Kob­za­renko, gli au­straliani Fabio Calabria e Ben King, gli americani Scott Stewart, Will Dugan e Kiel Reijnen.
«Quello di Type1 è un progetto che va avanti da alcuni anni e che ora è sbarcato in Italia - ha spiegato Poden­zana, spezzino, classe 1961 che dopo 14 anni di professionismo, anche al fianco di campioni come Marco Pantani, da nove stagioni fa il direttore sportivo e si prepara all’esordio con il Type 1 -: la volontà del team è dimostrare che, se controllati, anche i corridori affetti dal diabete di tipo 1 riescono a correre e ad essere com­petitivi. Nel nostro gruppo ci sono gli olandesi Olaf Ker­khof e Martin Verschoor, lo spagnolo Javier Megias Leal e gli americani Alex Bowden e Joe Eldridge. Negli States è attivo anche il Team Type2, interamente formato da atleti che soffrono di quel tipo di malattia». Ed è stato proprio Eldridge, insieme a Southerland, anche lui corridore con diabete tipo 1, a fondare nel 2004 il Team Type 1 vincendo addirittura - con otto compagni - la “Race Across Ame­rica”, corsa massacrante che attraversa gli Stati Uniti, da costa a costa senza mai fermarsi, con gli atleti che dormono a turno in un pullmino al seguito. Da qui, la missione: essere di ispirazione per i malati di diabete, Tipo 1 e 2, bambini o adulti che siano, dimostrando che possono vivere una vita normale e fare sport anche a livello agonistico.
«Soltanto con il primo ritiro in Ame­rica avrò ben chiaro il calendario e soprattutto come gestire i corridori diabetici - ha spiegato Podenzana -: so che loro devono sempre stare attenti al livello di glicemia ma in questo sono molto autonomi e si autocontrollano più volte al giorno. La squadra ha a disposizione due medici in America e uno qui in Italia, il dottor Massimiliano Manto­vani, già medico della Flaminia e della Barloworld, che si occuperà dei corridori europei. Saranno tutti sottoposti alle stesse regole previste da Uci e Wa­da, quindi controlli, passaporto biologico e, per i diabetici, certificati inerenti la necessità di iniettarsi insulina».

Et voilà un doppio team.
«Io gestirò la parte “europea” dei corridori anche se verranno fatti anche degli scambi con la sezione americana, sia per ciò che riguarda gli atleti che lo staff - ha continuato il “Pode” -: la base italiana sarà a Ceparana, vicino a La Spezia, dove abito io. Lì abbiamo preso un magazzino dove tenere i materiali e i mezzi: il pullman, il camion e le tre am­miraglie. Dello staff italiano fanno parte anche i due meccanici Antonio Pam­pa­na e Antonio Carducci e i massaggiatori Massimo Quero e Federico Ce­chi nonché gli sponsor De Marchi per l’abbi­glia­mento e Colnago, al quale è piaciuto il progetto ed è al fianco di Type 1 da tre anni. Vestiremo i colori bianco-celesti della Sanofi Aventis, l’altro sponsor e la nostra stagione europea dovrebbe in­dicativamente iniziare a fine gennaio con il Gp La Marseillaise e l’Etoile de Bessèges, visto che la sede principale della Sanofi Aventis è in Francia. Poi inaugureremo il calendario italiano con il Giro di Grosseto, Laigueglia e Giro di Sarde­gna. Le corse di categoria 1.1 dovremmo riuscire a farle mentre per quel che riguarda le corse Rcs dipenderà da un eventuale invito».

Sfida o missione?
«Non è una sfida, per me. È un’espe­rien­za nuova. Sono molto contento di poter dare il mio apporto ad un progetto che ritengo importante e che, quando me l’hanno proposto, mi ha subito conquistato. Non credo sarà complicata la gestione dei diabetici perché tutti loro sanno come non farsi fermare dal diabete. E poi io avrò soltanto lo spagnolo Megias, peraltro un buon corridore che ha militato tra le fila della Sau­nier Duval. Sarà dagli States che mi da­ranno le dritte per come guidarlo al me­glio. Di certo in corsa dovrò stare particolarmente attento che non gli manchino mai il contatto con lo staff e qualcosa da mangiare, visto che il problema del diabetico è l’alterarsi dei livelli del­la glicemia. Può capitare che anche in ga­ra abbia bisogno di controllarne il livello e dobbiamo essere pronti a dargli l’aiu­to di cui necessita. È la mia prima esperienza e di certo avrò mille attenzioni in più».

Di certo un’insulina ben dosata sarà il cardine di tutto, unitamente a una dieta equilibrata e mirata e alla regolarità nei controlli ematici e della glicemia.
«Un atleta diabetico si allena normalmente come tutti, è soltanto più controllato e lui stesso dovrà tenersi monitorato 24 ore su 24 per ciò che riguarda il livello della glicemia, una pratica facile e veloce che necessita di appena una goccia di sangue»..
È direttamente Joe Eldridge, fondatore del team, che spiega com’è avvenuto l’avvicinamento all’Italia e la conseguente apertura verso le corse europee.
«Il nostro attuale direttore tecnico Vas­sili Davidenko ha corso in Italia nella prima parte della sua carriera sportiva ed è allora che ha iniziato a stringere rapporti con Massimo Poden­zana, del quale era compagno di squadra: forti della loro esperienza, hanno creato un’organizza­zione molto professionale e ben gestita. In più, ab­biamo al nostro fianco uno sponsor come Ernesto Colnago che ci ha fornito una meravigliosa bi­cicletta e ci affianca al me­glio. L’avventura italiana ci entusiasma, pensate che stiamo anche cercando di imparare tutti a parlare italiano. E con gli accenti giusti!».

Di certo il salto dagli States all’Euro­pa non sarà cosa facile.
«Le nostre aspettative sono di essere pronti e di gareggiare bene in Europa fin dal primo giorno. Abbiamo un buon programma e di­sponiamo di buoni corridori con esperienza in campo europeo che sapranno aiutare gli altri compagni, che finora hanno corso solo in Australia o negli States - ha specificato Eldridge, che è team manager e corridore -: le gare europee sono simili alle più importanti competizioni americane ma sono più veloci. Di certo in Eu­ro­pa c’è molto più sostegno dei fans e la maggiore esperien­za, data dal loro background, acquisita dai corridori europei».

Un progetto, il vostro, che non è soltanto agonistico.
«Con l’altro nostro sponsor, la Sanofi Aventis, terremo campagne di sensibilizzazione non solo in Italia ma in tutto il mondo, ovunque andremo a correre: vogliamo coinvolgere le popolazioni locali e divulgare sempre più il messaggio che una vita attiva e l’esercizio fisico fanno parte della gestione del diabete: gareggiare è un’esperienza molto eccitante ma per molte persone è già molto riuscire ad essere consapevoli di poter continuare ad avere una vita normale anche se soffrono di diabete».

Tra i tanti stranieri però ci sono anche tre italiani.
«Li abbiamo scelti insieme Davidenko ed io - spiega Podenzana -: Bazzana ga­reg­giava in un team australiano, Cal­legarin, ex Cdc l’avevo visto correre be­ne nel 2010 e sapevo della sua ambizione di pedalare per un team Professional mentre Grendene, ex Lampre, l’avevo visto fare grandi cose da dilettante mentre nel professionismo, entrato in un team con più di un velocista ha faticato. Così ho pensato che gli si poteva dare una possibilità. Se guardo nella globalità, posso dire che non abbiamo dei grossi nomi ma che sicuramente questa squadra ci farà vedere delle belle co­se perché sono tutti ra­gazzi molto motivati: Efimkin sarà il nostro leader nelle corse a tappe, Gren­dene per le volate, Kocjan ha già dimostrato di essere un buon corridore, Bo­dro­gi e Bertogliati sono uomini d’espe­rienza e i giovani han­no tanta voglia di met­tersi in luce».

Di certo quelli del Team Type1 stanno già vincendo nella loro missione umana di dimostrare che an­che chi soffre di diabete non è diverso ma può essere “speciale” e stanno dando una vera scossa anche in Italia, dove pure ci sono enti molto attivi come l’Associazione Italiana Atleti Diabetici e Ciclismo e Diabete di cui Alfredo Martini è presidente onorario: sono realtà che stanno perseguendo la stessa mission con varie iniziative come, ad esempio, la pedalata che nella tappa di Porto Recanati ha preceduto l’arrivo dello scorso Giro d’Italia.
Mohammed Alì disse «Un gallo canta soltanto quando vede la luce. Mettilo nell’oscurità e lui non canterà mai. Io ho visto la luce e sto cantando...». Tra poco si sentirà alto anche in Italia il canto della Type 1.

da tuttoBICI di gennaio a firma di Laura Guerra
 
Rispondi
#8
Ma Bertogliati pur essendo svizzero, corre con licenza italiana?

103 BERTOGLIATI Rubens [Immagine: ITA.png] ITA1979-05-09

mi sembra un errore, ma questa l'ho presa da una lista partenti ufficiale, possibile che abbiano sbagliato anche il codice UCI?
Anche in altre gare è presente il codice riferito ad un italiano, mentre in altre è svizzero...
L'UCI lo considera svizzero... però da quel che so, bisognerà pur presentare un foglio compilato per partecipare a una gara, o basta che si diano i nomi per telefono?
Quale sarà la verità?
 
Rispondi
#9
Ma, è Svizzero, su questo non c'è dubbio, corse anche con la nazionale rossocrociata a mendrisio (cronometro iridata). Mi pare di averlo visto classificato come italiano in una corsa lombarda, ma non ricordo quale... pensavo fosse un errore dovuto al nome.
 
Rispondi
#10
Il sito dell'UCI lo dà svizzero, e penso che questa si la fonte più attendibile.

Tra l'altro il codice che riporti, a occhio, è sbagliato, visto che ci sono tutte quelle lineette che, in realtà, non dovrebbero esserci.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)