Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Tour de France 2014 | 6^ tappa: Arras - Reims
#1
Giovedì 10 Luglio 2014

6a tappa
Arras - Reims
(194 km)



Presentazione

Laddove non arriva la reale difficoltà dei percorsi, arriva l'immaginifico disegno dei cartografi del Tour, che rendono simili a veri e propri moloch delle innocue salitelle. A giudicare, ad esempio, dalla resa grafica della seconda metà della sesta tappa, si direbbe che siamo in presenza di una semiclassica molto insidiosa, quando invece la Arras-Reims sarà una frazione pronta a sorridere ai velocisti in un prevedibile arrivo di gruppo. Per 100 km non c'è nulla da segnalare, gli strappetti in menù iniziano dalla Côte de Coucy-le-Château-Auffrique (km 107), che non è nient'altro se non una sgambata di neanche un chilometro e mezzo al 4%; nulla di diverso dalla successiva rampa dello Chemin des Dames, dopo il traguardo volante di Pinon: anche qui un chilometro e spiccioli al 4%, nemmeno degno di un Gpm di 4a categoria. Un ultimo dentello lo troviamo a 40 km dalla fine, è la Côte de Roucy ed è appena più impegnativa delle precedenti: 2.5 km in gran parte al 5%, anche se in cima spiana e comunque, sia quel che sia, manca ancora troppo all'arrivo. Né serviranno a smuovere le acque i 10 km successivi, tratto misto con discese, contropendenze, falsopiani: dovesse esserci anche un minimo di entropia, ci penseranno i 20 km successivi (facilissimi) a ricompattare tutto. Quanto al finale per le strade di Reims, curva a destra ai 2 km, curva a sinistra ai 1300 metri, poi basta: fino al traguardo, solo rettilineo, lunghissimo; quanto basta per far sbagliare i conti a qualche treno, destinato ad arrivare col fiato corto al momento di lanciare lo sprinter.

(cicloweb.it)



Planimetria




Altimetria




Risultati
Cronaca - Ordine d'Arrivo - Le classifiche dopo la tappa


Foto
Galleria di immagini


Highlights




Dichiarazioni
Le dichiarazioni del dopogara
 
Rispondi
#2
Dopo mi guarderò l'arrivo, ma se la fatica della tappa del pavé è rimasta nelle gambe di qualcuno (=Kittel) 'sta tappa potrebbe anche riservare qualche sorpresa... Mmm
 
Rispondi
#3
Non fossimo al Tour direi rischio fuga alto...

Nel caso io azzarderei Vanmarcke che oggi sarebbe sicuramente arrivato avanti. Da valutare le condizioni di tutti i corridori caduti.
 
Rispondi
#4
pure per me domani è da fugaccia
 
Rispondi
#5
Però è un po' troppo facile come tappa. Vediamo intanto chi va: se partono i soliti due sfigati, vanno da poche parti indipendentemente dai dolori in gruppo. Sese
 
Rispondi
#6
Ecco gli ultimi 5 km:

[Immagine: TDF2014-6-5km.jpg]

Non entusiasmanti in nessun caso. O meglio, per i fuggitivi possono essersi tutte quelle rotonde a favore, anche se la strada, per il resto, pare un po' troppo poco tortuosa. Per la volata c'è da aver occhio sempre alle rotonde, soprattutto se dovesse di nuovo piovere. Certo che poi c'è più di un chilometro tutto bello diritto...
 
Rispondi
#7
L'importante è che sia una tappa facile, Nibali sarà più in forma degli altri attualmente, ma ha bisogno di recuperare per superare il weekend indenne (e magari anche con qualche secondo in più di vantaggio)
 
Rispondi
#8
Qualcuno si sarà risparmiato, pur nella difficoltà di farlo, nella tappa di ieri. Ad esempio le squadre dei velocisti principali Giant e Lotto, ma anche Katusha e FDJ, mi sembra si siano abbastanza controllati sul pavè e quindi su un percorso così possono chiuedere le fughe con relativa facilità.
 
Rispondi
#9
Renshaw è arrivato tra i 20 mi pare, o giù di lì; mentre tra gli ultimissimi Van Poppel e Demare, così come Kristoff si è preso quasi 20 minuti (insieme a Kittel, mi sa). Sese Brutta perdita invece per la Giant è Degenkolb, alle prese con un problema muscolare e quindi fuori dai giochi (o quasi) nei prossimi giorni: già arrivavano contati nel finale, se adesso rimangono solo Veelers e De Kort stanno freschi... Sese
 
Rispondi
#10
Infatti secondo me l'ago della bilancia di oggi sarà la Lotto: se fanno i furbi e non tirano si troverebbe solo la Giant davanti. E occhio che sia la Lotto che la Giant hanno "perso" il loro ultimo uomo (Henderson e Degenkolb) quindi potrebbe venire fuori una volata piuttosto caotica
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)