Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Tour de France 2015 | 10^ tappa: Tarbes - La Pierre Saint Martin
#1
Arrivo in salita 
La presentazione della 10^ tappa del Tour de France 2015: percorso con altimetria e planimetria, i dettagli degli ultimi chilometri; risultati con ordine d'arrivo e classifiche; video televisivo e fotografie; commenti, pronostici e scommesse.


martedì 14 luglio 2015
Tarbes > La Pierre Saint Martin
10^ tappa - 167 km



Percorso
Presentazione

Con l'arrivo su questo celebre ma ciclisticamente poco sfruttato colle di confine inizia la seconda parte, più classica, del Tour. Qui si comincerà a capire se le energie spese all'inizio saranno state ben indirizzate, oppure se i più prudenti avranno avuto ragione a non spremersi per la pochezza di qualche decina di secondi. Perché, da qui in poi, lo spazio per guadagnare molti minuti, tra salita e discesa, c'è tutto. La prima tappa di montagna autentica è un arrivo in salita singola, preceduto da poco altro. Un'introduzione, un antipasto. 152 chilometri in partenza con tre quasi estemporanei Gpm di quarta categoria, per attaccare la salita finale, 15.3 chilometri, versante nord, via Col de Labays. Fino all'arrivo del Col de La Pierre-Saint-Martin, ci sarà un dislivello di 1150 metri in 15 chilometri. I primi 10, dopo le sparute case di La Mouline, sono però sensibilmente più duri, con un severo troncone di 4 chilometri tra il 9 e il 10% interrotto solo da alcuni larghi tornanti. Quando il duro è in basso, qui nelle calde valli pirenaiche, profonde e boscose, infossate in conche quasi senza ventilazione, è anche peggio: perché alle pendenze s'aggiunge la mancanza d'aria. Se poi si tratta in sostanza di una cronoscalata dove il ritmo dovrebbe essere altissimo fin dall'inizio, con un gruppo ancora pieno di corridori freschi pronti a lavorare per i rispettivi capitani, abbiamo pronta la ricetta di una tappa che potrebbe sorprendere. E soprattutto, potrebbe sorprendere gli scalatori puri, che tradizionalmente soffrono la prima frazione di salita del Tour, con la gamba ingolfata da 10 giorni in relativa pianura. Passato il Col de Labays, la salita si apre, spiana sensibilmente, e scollina su un crinale aperto, forse ventilato. Qui le velocità saranno vicine ai 25 e avranno certamente miglior gioco i gruppetti sui corridori isolati, potrebbe risultare fondamentale trovare sulla strada compagni d'avventura. L'inghiottitoio impressionante della Pierre-Saint-Martin, 1342 metri, un abisso senza fondo sprofondato nella roccia calcarea, a pochi metri in linea d'aria dall'arrivo, non fa mancare il fil rouge sarcastico che accompagna i contendenti di questo Tour.

a cura di cicloweb.it


Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
66,0 Côte de Bougarber 4^ 1,4 km al 6,2%
90,0 Côte de Vielleségure 4^ 1,7 km al  5,9%
134,0 Côte de Montory 4^ 1,8 km al 6,3%
167,0 La Pierre-Saint-Martin HC 15,3 km al 7,4%

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1. Christopher Froome (Team Sky) 4h22'07''
2. Richie Porte (Team Sky) +59''
3. Nairo Quintana (Movistar) +1'04''
4. Robert Gesink (LottoNL-Jumbo) +1'33''
5. Alejandro Valverde (Movistar) +2'01''
6. Geraint Thomas (Team Sky)
7. Adam Yates (Orica GreenEdge) +2'04''
8. Pierre Rolland (Europcar)
9. Tony Gallopin (Lotto Soudal) +2'22''
10. Tejay Van Garderen (BMC) +2'30''

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1. Christopher Froome (Team Sky) 35h56'09''
2. Tejay Van Garderen (BMC) +2'52''
3. Nairo Quintana (Movistar) +3'09''
4. Alejandro Valverde (Movistar) +4'01''
5. Geraint Thomas (Team Sky) +4'03''
6. Alberto Contador (Spa) Tinkoff-Saxo) +4'04''
7. Tony Gallopin (Lotto Soudal) +4'33''
8. Robert Gesink (LottoNL-Jumbo) +4'35''
9. Warren Barguil (Giant-Alpecin) +6'12''
10. Vincenzo Nibali (Astana) +6'57''

Resoconto classifiche completo



Highlights




Link


Articoli correlati:





 
Rispondi
#2
Vediamo se vedremo i fuochi già a metà salita o con la paura delle altre due tappe si scorneranno solo negli ultimi km.
 
Rispondi
#3
(12-07-2015, 05:43 PM)Cannondale Ha scritto: Vediamo se vedremo i fuochi già a metà salita o con la paura delle altre due tappe si scorneranno solo negli ultimi km.

il problema è che gli ultimi km sono tra il 3 e il 5%...o si attacca sul pezzo più duro,oppure vedremo il treno Sky in grande stile prima dell'ultimo km un pò più impegnativo!!
 
Rispondi
#4
Quello si però se vuoi recuperare su Froome devi attaccare prima oppure puntare sull'abbuono e tenerti l'azione per mercoledì.
Secondo me non vedremo granché proprio perché nelle prossime due tappe bisognerà star bene, però sara un primo segnale per vedere come sono messe le squadre in salita.
 
Rispondi
#5
(12-07-2015, 05:53 PM)Cannondale Ha scritto: Quello si però se vuoi recuperare su Froome devi attaccare prima oppure puntare sull'abbuono e tenerti l'azione per mercoledì.
Secondo me non vedremo granché proprio perché nelle prossime due tappe bisognerà star bene, però sara un primo segnale per vedere come sono messe le squadre in salita.

è un arrivo secco..è sempre difficile sapere come stai sulle salite lunghe..Froome su questi arrivi a dimostrato di andare a nozze...comunque arriva dopo un giorno di riposo...può far male lo stesso!!
 
Rispondi
#6
Froome sono convinto che se avrà difficoltà sarà nella terza settimana.
Il suo più grande problema è proprio che corridori come Quintana, Nibali, Purito, Pinot e volendo anche Contador hanno già un gran distacco.. con un percorso come questo le alleanze potrebbero essere un fattore.
 
Rispondi
#7
Al segnale preoccupante dell'altro ieri si sono aggiunte alcune dichiarazioni alla fine della cronosquadre che danno l'idea che lo stesso Nibali non sappia cosa potrà fare nel prosieguo.
Penso andrà via la fuga e che la Sky non si spremerà per mantenere energie per la scalata finale. Terreno per una frullata alla Froome o prudenza in vista delle prossime giornate? Più la seconda, credo.
Per NIbali tappa da superare cercando di restare con i primi. Pazienza per riacquistare un po' di fiducia (se le gambe lo permetteranno).
Sono curioso su Contador, per cercare di capire se la sua condizione sta crescendo.
Tappa da antipasto, per scrutare i protagonisti dei prossimi giorni.
Forza Vincenzo, la terza settimana è la speranza.
 
Rispondi
#8
Boom potrebbe non partire domani!!
 
Rispondi
#9
Tanto il buon Lars non servirebbe più a molto da domani, a meno che non si presentassero alcune occasioni particolari, ma dubito.
 
Rispondi
#10
la butto là. Oggi sono in vena di previsioni basate sulla mia personale sfera di cristallo, poi domani sera sbeffeggiatemi pure.

froome-quintana alla pari, arriveranno insieme.
tvg e contador alla pari, arriveranno insieme e poco lontani dal duo sopra, possibile che arrivino anche tutti e 4 insieme se ci sarà dell'attendismo.
Nibali male, si staccherà sotto il forcing di Richie Porte e pagherà distacco sensibile.
Valverde magari arriva con tvg e contador, comunque meglio di Nibali

Bene Vuillermoz, il migliore degli Ag2r anche se Bardet si difenderà, così come Pinot. Per entrambi comunque sarà chiaro che non sarà un Tour sui livelli del 2014.

Domani vediamo :)
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)