Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Tour de France 2015 | 14^ tappa: Rodez - Mende
#1
Arrivo in salita 
La presentazione della 14^ tappa del Tour de France 2015: percorso con altimetria e planimetria, i dettagli degli ultimi chilometri; risultati con ordine d'arrivo e classifiche; video televisivo e fotografie; commenti, pronostici e scommesse.


sabato 18 luglio 2015
Rodez > Mende
14^ tappa - 178,5 km



Percorso
Presentazione

Ennesima tappa spinosa, difficile, con un finale dove nessuno può nascondersi, anzi dove sarà richiesto un ulteriore violento fuori giri. I primi 44 chilometri sono, chiaramente, nella loro varietà e continua proposta di salitelle, curve e brevi discese, destinati a lanciare la classica fuga a lunga gittata, che forse potrebbe avere qualche chance di successo in meno, visto quanto potrebbe risultare appetitoso l'arrivo per i corridori di classifica dotati delle formazioni più forti. La corsa risprofonda poi nelle gole del Tarn lasciate a metà della tappa precedente e per un buon tratto continua a percorrere una stradina del tutto secondaria a costeggiare il fiume. Sempre risalendo il corso del tortuoso fiume, strada che non consente distrazioni, a tratti incassata tra la roccia e la scarpata, a tratti costeggiante il corso d'acqua, si prosegue per altri 80 chilometri. È la fase centrale della tappa, che, come i dettami della tappa-da-fuga vogliono, è altimetricamente più tranquilla, in leggerissima salita, ma senza strappi. A Sainte-Énimie ricominciano le scosse. C'è un primo Gpm di seconda categoria, Côte de Sauveterre, 570 metri di dislivello su pendenze di media difficoltà, lunghetta. Da qui in poi occorrerà una formazione forte per tenere le redini della corsa, non si contano i cambi di pendenza e un'altra côte, già percorsa alcune volte come antipasto dell'arrivo sulla Croix Haute di Mende, potrà essere sfruttata per prendere l'erta finale con qualche decina di secondi di vantaggio. Le pendenze aspre sono tutte nel tratto intermedio dei 3 chilometri della Montée Jalabert, alias Col de la Croix Haute, salita dell'aeroporto di Mende, ed è qui che generalmente i corridori di classifica tentano il colpo. E, sempre generalmente parlando, spesso si sono visti materializzarsi distacchi in questi 3 chilometri tra il 10 e il 14%, più cospicui che sui grandi colli alpini. Il fatto è che in uno sforzo così breve, meno di 10 minuti, non c'è niente da risparmiare e tutte le piccole differenze vengono impietosamente messe in luce. Non ne parliamo quando si verificasse un fuorigiri imprevisto, su queste pendenze. Mancava solo l'arrivo di Mende, insomma, in questo Tour ansiogeno.

a cura di cicloweb.it


Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
20,0 Côte de Pont-de-Salars 4^ 1,3 km al 5,8%
146,0 Côte de Sauveterre 2^ 9 km al 6%
169,5 Côte de Chabrits 4^ 1,9 km al 5,9%
177,0 Côte de la Croix Neuve 2^ 3 km al 10,1%

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1. Stephen Cummings (MTN) 4h23'43''
2. Thibaut Pinot (FDJ.fr) +2''
3. Romain Bardet (AG2R) +3''
4. Rigoberto Uran (Etixx) +20''
5. Peter Sagan (Tinkoff-Saxo) +29''
6. Cyril Gautier (Europcar) +32''
7. Ruben Plaza Molina (Lampre-Merida)
8. Bob Jungels (Trek)
9. Jonathan Castroviejo (Movistar)
10. Simon Yates (Orica-GreenEdge) +33''

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1. Christopher Froome (Team Sky) 56h02'19''
2. Nairo Quintana (Movistar) +3'10''
3. Tejay Van Garderen (BMC) +3'32''
4. Alejandro Valverde (Movistar) +4'02''
5. Alberto Contador (Tinkoff-Saxo) +4'23''
6. Geraint Thomas (Team Sky) +4'54''
7. Robert Gesink (LottoNL-Jumbo) +6'23''
8. Vincenzo Nibali (Astana) +8'17''
9. Tony Gallopin (Lotto Soudal) +8'23''
10. Bauke Mollema (Trek) +8'53''

Resoconto classifiche completo



Highlights






Link


Articoli correlati:





 
Rispondi
#2
Un altro bel test domani, anche se Quintana queste salitelle le trova indigeste: se dovesse tenere la ruota di un Froome all'attacco, sarebbe un segnale ancor più positivo rispetto alla tappa di Plateau de Beille... Sese
 
Rispondi
#3
gli ultimi 40km sono abbastanza diversi dalla tappa del 2010....ma chi tira per tenere sotto controllo la fuga?la Katuscha?tutto sommato hanno vinto già due tappe...
 
Rispondi
#4
Io sono dell'idea che Froome oggi voglia provare a guadagnare ancora sui diretti avversari, magari con un po' di timore nei confronti delle Alpi.
 
Rispondi
#5
Caduta dopo 5 km: coinvolti Pinot e Gesink, abbandona Morabito.
 
Rispondi
#6
Peccato non ci sia la diretta perchè questa fase deve essere interessante. Prima la caduta, po si è staccato Greipel (ora rientrato), adesso dovrebbe aver attaccato Sagan e Porte è rimasto dietro... Continui rimescolamenti e la fuga fatica a partire.
 
Rispondi
#7
Anche Contador attardato ma ora dovrebbe essere rientrato..
 
Rispondi
#8
Si Contador dovrebbe esser stato rallentato dalla caduta di Gesink ma è rientrato prontamente

Adesso forse la fuga è andata con Barguil, Sagan, Huzarski, G. Caruso e Weening. Mi sembra strano comunque che la Lotto lasci andare Peter così...

Adesso contrattacano anche Rolland e Jungels
 
Rispondi
#9
Porte e Kennaugh non sono rientrati. Barguil non penso lo lasceranno andare in fuga..
 
Rispondi
#10
Sono in 24 ora


BARGUIL W.
ROLLAND P.
TALANSKY A.
PANTANO GOMEZ J.
LOSADA ALGUACIL A
URAN URAN R.
GAUTIER C.
SAGAN P.
HESJEDAL R.
VOSS P.
MATE MARDONES L.
LADAGNOUS M.
GRIVKO A.
DE KORT K.
JUNGELS B.
HUZARSKI B.
CARUSO G.
VALLS FERRI R.
YATES S.
CUMMINGS S.
PLAZA MOLINA R.
MALORI A.
PERICHON P.
WEENING P.


Inseguono Cherel e Vaugrenard
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)