Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Tour de France 2016 | 7^ tappa: L’Isle Jourdain - Lac de Payolle
#1
Montagna 
La presentazione della 7^ tappa del Tour de France 2016: percorso con altimetria e planimetria, i dettagli degli ultimi chilometri; risultati con ordine d'arrivo e classifiche; video televisivo e fotografie; commenti, pronostici e scommesse.


venerdì 8 luglio 2016
L’Isle Jourdain > Lac de Payolle
7^ tappa - 162,5 km



Percorso
Presentazione

Finalmente si sale, finalmente arrivano i Pirenei. Con somma gioia degli scalatori ed altrettanta disapprovazione del resto del gruppo ha inizio il trittico pirenaico. Da l’Isle Jourdain nel dipartimento del Gers si attraversano l’Haute-Garonne per sbarcare negli Hautes-Pyrénées dove si svolgeranno i due terzi di giornata. Nessuna difficoltà fino ai meno 20 km dal traguardo, con la strada che sale prima dolcemente e poi, grazie alla Côte de Capvern (km 117) lunga 7.7 km ma con una pendenza media del 3.1%, ci si ritrova ad Arreau. Da questo piccolo borgo partono due strade: la prima, a sud-est, porta al Col du Peyresourde; la seconda, a nord-ovest, al Col d’Aspin. Ed è questo, colle tra i più tradizionali del Tour (nel 2016 vi si salirà per la settantaduesima volta) nonché quello che fu decisivo nel 1938 per il successo di Gino Bartali, il primo appuntamento in cui mostrare il vero stato di forma. 12 km di salita sostanzialmente costanti, con pendenza media del 6.5% e punte attorno al 10%. Per giungere al traguardo mancano 6 km di discesa non troppo complicata fino ai 1200 metri dal termine, dove una stretta svolta a sinistra porta al traguardo, posto al termine di un leggero falsopiano.

a cura di cicloweb.it


Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
117,0 Côte de Capvern 4^ 7,7 km al 3,1%
155,5 Col d'Aspin 1^ 12,0 km al 6,5%

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Resoconto classifiche completo



Highlights






Link

Articoli correlati: -





 
Rispondi
#2
Il Contador visto oggi qui può perdere parecchi minuti. Se non recupera per bene si gioca anche qualsiasi possibilità anche per il podio
 
Rispondi
#3
L'Aspin (anche come unica salita della tappa) potrebbe essere adatto a una frullata di Froome ma i 6 chilometri di discesa sconsiglieranno, credo, il capitano Sky. Più facile che Froome punti sugli arrivi in salita di domenica e del Ventoux. 
Buon motivo per Quintana e la Movistar per fare corsa dura in questa tappa e in quella di sabato, discese comprese. 
Contador non sembra in grado di recuperare in tempo, verifica invece per tutti gli altri da primi posti, a partire da Aru, Porte, TJ, Bardet e Pinot.
 
Rispondi
#4
Credo che quello di Froome impedito in discesa sia un altro falso mito, ok non sarà al livello di Valverde o Nibali ma non è nemmeno così scarso come si pensa.

La tappa si addice al classico sfracello Sky, più che altro potrebbero scoraggiarlo le due frazioni successive e soprattutto potrebbe scoraggiarlo Quintana: la squadra mai come quest'anno potrebbe essergli la chiave per la gestione, non ce lo vedo a bruciare tutti i compagni col rischio poi di farsi staccare dal colombiano.
 
Rispondi
#5
Froome non fa della discesa un punto di forza, ma sa comunque difendersi egregiamente.
Se dovesse scollinare con 1' di vantaggio sicuramente lo manterrebbe fino all'arrivo.

Per me domani si chiude il Tour.
 
Rispondi
#6
L'Aspin sulla carta non è una salita da distacchi,però più si scende verso sud e più troveranno temperature roventi fino a Domenica,quindi se vogliono fare corsa dura ci sarà selezione...
 
Rispondi
#7
(07-07-2016, 09:03 AM)Danilo Ha scritto: Credo che quello di Froome impedito in discesa sia un altro falso mito, ok non sarà al livello di Valverde o Nibali ma non è nemmeno così scarso come si pensa.

La tappa si addice al classico sfracello Sky, più che altro potrebbero scoraggiarlo le due frazioni successive e soprattutto potrebbe scoraggiarlo Quintana: la squadra mai come quest'anno potrebbe essergli la chiave per la gestione, non ce lo vedo a bruciare tutti i compagni col rischio poi di farsi staccare dal colombiano.

Froome in discesa se la cava nella media, meglio dei corridori con problemi in questo terreno, ma complessivamente guida la bici meno bene di molti altri (anche sul bagnato qualche volta ha avuto difficoltà). Il rischio è quello di fare tanta fatica per staccare gli avversari per poi trovarsi con un vantaggio inferiore rispetto allo scollinamento. 
Consideravo poi (nei miei pensieri) anche gli altri fattori da te menzionati (le due frazioni successive e preservare la squadra, tenendo conto che non c'è Porte, che Thomas sembra (per ora) meno in palla dello scorso anno e che Landa ieri non è rimasto con i primi). Così, non mi aspetto la classica parata Sky con frullata finale sull'Aspin. 
D'altra parte, anche sulla scorta di quanto visto ieri, Quintana potrebbe avere interesse a fare corsa dura, in generale sono d'accordo con chi ha scritto che più si fa fatica più crescono le possibilità del colombiano. 

Non escluderei poi che si mettano in mezzo anche altri corridori, mi aspetto Bardet e Porte brillanti ma con l'incognita della tenuta per l'intero Tour, spero che Aru resista bene e cresca sulle Alpi (sia pure non durissime).
 
Rispondi
#8
Se sono fortunati,domani,qualche temporale potrebbero trovarlo sul percorso...
 
Rispondi
#9
L'unico che sarebbe in grado di fare la differenza sull'Aspin è Riccardo Riccò! Cool

Tappa disegnata per Froome
 
Rispondi
#10
Tappetta. Domani Froome non lo stacca Quintana, per me arrivano una decina insieme
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)