Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Tour de France 2017 | 17^ tappa: La Mure - Serre Chevalier
#1
Montagna 
La presentazione della 17^ tappa del Tour de France 2017: percorso con altimetria e planimetria, i dettagli degli ultimi chilometri; risultati con ordine d'arrivo e classifiche; video televisivo e fotografie; commenti, pronostici e scommesse.


mercoledì 19 luglio 2017
La Mure > Serre Chevalier
17^ tappa - 183 km



Percorso
Presentazione

Tappone alpino, eccoti qui! Non si scherza, non si scherza per nulla nei 183 km che porteranno la carovana gialla a transitare per la vetta del Tour, il Galibier, Souvenir Henri Desgrange coi suoi 2642 metri s.l.m.; avvio interlocutorio, con il Col d’Ornon (5 km al 6.7%) che svetta al km 30, e relativa discesa verso Allemont. Qui il disegno altimetrico si descrive da sé, visto che si tratta di mettere in fila un terzetto di salite mitiche o forse addirittura magiche. La Croix-de-Fer, scalata irregolare se mai ce n’è stata una, consta di 24 km che alternano muri in doppia cifra a pezzetti di discesa, e tra i due estremi ovviamente anche tratti di salita più o meno pedalabili. La pendenza media (5.2%) è quanto di più inaffidabile possa esserci, in questo caso. Ma la notizia principale è che, dopo ben 44 Gpm in tutta la Boucle, al 45esimo finalmente si scavalca quota 2000. Era ora! La discesa verso Saint-Jean-de-Maurienne è più o meno come la salita, irregolare quanto basta. I primi 5 km sono un ottovolante, poi la strada si fa più semplice (sia come pendenze che come percorso), quindi a metà picchiata si risale addirittura per 2-3 km (ma è il solito falsopiano), quindi di nuovo giù a rotta di collo per 5 km, prima della spianata di fondovalle, che prelude a una quindicina di chilometri più o meno piatti fino a Saint-Michel-de-Maurienne. Qui si prende il Télégraphe, e mancano 63 km al traguardo. 12 km di salita, questi sì molto regolari, tutti al 7%, quindi 5 km digradanti verso Valloire, e si riprende ad andar su, ma questo si chiama già Galibier. Questo versante misura quasi 18 km, e la pendenza generale è di quasi il 7%; ma c’è una prima parte (diciamo i primi 5 km) abbastanza morbida, mentre il tratto centrale balla tra il 7 e l’8%; quindi breve spianatina, ed ecco che – a quota 2000 – lo scenario cambia di botto, la strada si indurisce, e ad arrivare in cima mancano ancora 8 km che si faranno via via sempre più tosti. Una montagna assassina (sportivamente parlando). Il si salvi chi può culmina sulla vetta, a 28 km dal traguardo, poi in discesa chi sarà davanti cercherà di difendere il proprio margine: primi 5 km più ripidi e tortuosi, poi più giù, a 19 dalla conclusione, ci si immette sullo stradone del Lautaret, e saranno inseguimenti col coltello tra i denti con le residue forze fino a Serre Chevalier.

a cura di cicloweb.it


Gran Premi della Montagna:
Km Salita cat. note
30,0 Col d'Ornon 2^ 5,1 km al 6,7%
78,5 Col de la Croix de Fer HC 24 km al 5,2%
132,5 Col du Télégraphe 1^ 11,9 km al 7,1%
155,0 Col du Galibier HC 17,7 km al 6,9%

Cronotabella: download
Libro di Corsa: download



Risultati
ORDINE D'ARRIVO
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Ordine d'arrivo completo
CLASSIFICA GENERALE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Resoconto classifiche completo



Highlights






Link

Articoli correlati: -





 
Rispondi
#2
Questa tappa è bella, però arrivati giù dalla discesa dovevano farli salire Les Deux Alpes.

Così disegnata avrebbero fatto meglio a metterla dopo l'arrivo in salita.

Già sentire Bardet che parla solo dell'Izoard e Aru che dice:"Se le gambe bla bla bla" mi mette paura.

Però la combo Croix de Fer, Télégraphe, Galibier non può non fare male.
 
Rispondi
#3
Contador parte sulla Croix de Fer, bisogna vedere se qualcuno di tre moschettieri dietro Froome lo segue.
 
Rispondi
#4
L'unico modo per provare a vincere il Tour sarebbe quello di rendere questa tappa e la successiva molto dure, un confronto aperto e difficile. Magari salterebbe chi ci provasse e non Froome, ma resta l'unico modo. 
Se non si rende la corsa davvero dura Froome resterà con troppi compagni. A parte che staccare questo Landa mi sembra ardimentoso con le gambe di Bardet, Aru o Uran. 
Dubito che Froome ripeta l'errore di far tirare forte la squadra per poi trovarsi in difficoltà. Ha la gialla e l'ultima cronometro, la mossa sta agli altri. Potrebbe avere l'orgoglio di voler firmare il Tour con un sigillo importante, ma sa che la vittoria finale conta molto di più per rischiarla. 
Non c'è nulla di scritto, il giorno difficile è dietro l'angolo per chiunque, ma la sensazione è che difficilmente Froome possa andare in difficoltà senza sforzi importanti. Più facile che vada in crisi Aru. Bardet non sembra avere la gamba per fare la differenza e Uran tiene troppo ad un podio che potrebbe dargli altri anni di carriera (e ingaggi conseguenti). 
Non c'è Porte (e quindi la BMC), non c'è Fuglsang (che comunque dubito si sarebbe speso per Aru), non c'è la Movistar... Un Froome in realtà in buona condizione ma con i limiti del Froome 2017 non può lamentarsi, la corsa si è messa in modo da servirgli un poker che poteva tranquillamente sfuggire. 
Uniche risorse il buon Vuillermoz di ieri (con Latour e Frank a dare una mano), poco. Dubito che Talansky e Rolland si mettano a dare una mano (ammesso che ne abbiano le forze). 
Non ci sono corridori da all-in alla Contador, o anche alla Nibali, né le squadre. Rischiamo di vedere lo scattino, i 4 - 8 rimasti che si guardano, altro scattino, Landa chiude e si scollina. 
Salvo che io adoro sbagliare queste previsioni!!  :D (grande scaramanzia!!)
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di OldGiBi
#5
Dopo oggi l'attacco di Contador sulla Croix de Fer non è neanche quotato.
 
Rispondi
#6
Certo che gli organizzatori hanno un talento per il masochismo...vanno a mettere in discesa il versante dove molto probabilmente ci sarà vento contro negli ultimi 15-20km
 
Rispondi
#7
Ma non è sempre a favore là?

E' lo stesso versante della discesa del 98.
 
Rispondi
#8
Lo danno contro,speriamo che sia debole...
 
Rispondi
#9
(18-07-2017, 05:46 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: Dopo oggi l'attacco di Contador sulla Croix de Fer non è neanche quotato.

va beh col distacco che ha e la condizione palesata penso spaventerebbe di piu un attacco di Caruso Asd
ma noi albertino lo amiamo anche cosi!
 
Rispondi
#10
Contador non mi sembra affatto in cattive condizione, anzi penso sia il miglior Contador visto ai Tour post-squalifica.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)