Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Trofeo Laigueglia 2012
#1
Sabato 18 Febbraio 2012
49^ Trofeo Laigueglia

[Immagine: 399759_264625830264840_264621626931927_7...7218_n.jpg]


Planimetria:

[Immagine: l_plan1]


Altimetria:

[Immagine: l_alt]


I Partecipianti: QUI (file .xls)


Risultati: Ordine d'Arrivo


Sito Web della Corsa: www.trofeolaigueglia.it
 
Rispondi
#2
Laigueglia, il Trofeo è il fiore all'occhiello della provincia
Il 18 febbraio per Laigueglia sarà una giornata di festa: il 49° Trofeo Laigueglia, porter° infatti sulle strade della provincia di Savona il Festival delle due ruote.
«Lo stesso giorno a San Remo si terrà la finale del 62° Festival della Canzone Italiana - ha fatto notare il presidente della Asd Monviso-Venezia Michelino Davico -. A Laigueglia e in tutta la provincia di Savona saranno i corridori a celebrare il festival delle due ruote regalando il consueto spettacolo di suoni, colori ed emozioni al popolo del ciclismo».
Parole che hanno dato il là al sindaco di Laigueglia, Franco Maglione, per dare ufficialmente il benvenuto agli atleti e agli appassionati che come ogni anno sono attesi sulla Riviera Ligure per seguire la prima classica della stagione professionistica.
«Quella del Trofeo Laigueglia è una tradizione a cui non vogliamo rinunciare, il ciclismo fa parte della nostra storia non solo dal punto di vista sportivo ma anche da quello turistico perché ci consente di far conoscere al mondo le eccellenze della nostra cittadina e del nostro territorio. Siamo arrivati alla 49^ edizione e con entusiasmo
guardiamo già al traguardo di metà secolo» ha affermato il primo cittadino nel video-saluto con cui ha di fatto inaugurato il canale YouTube del Trofeo Laigueglia che a partire da questa settimana si arricchirà giorno dopo giorno di nuovi ed interessanti contenuti multimediali consultabili dalle pagine del sito http://www.trofeolaigueglia.it.
Un vero e proprio evento sportivo, turistico e culturale quello a cui Laigueglia e la provincia di Savona si stanno preparando: «Vogliamo che i corridori e i tifosi non siano solo di passaggio qui a Laigueglia ma che possano vivere questo splendido territorio e apprezzarne la bellezza, la storia e le tradizioni - ha spiegato Michelino Davico che ha aggiunto -: per questo stiamo collaborando con la Pro Loco e con tutti gli altri enti che agiscono in provincia di Savona per allestire una serie di iniziative collaterali che possano valorizzare questa fantastica terra affacciata sul mare. Seguendo questa linea abbiamo disegnato anche il percorso di gara che si svilupperà interamente sulle strade della provincia di Savona».
Laigueglia è pronta per accogliere il proprio Festival, il 18 febbraio gli applausi saranno tutti per gli artisti del pedale!

comunicato stampa
 
Rispondi
#3
Laigueglia, una settimana di avvenimenti per il Trofeo
Il Trofeo Laigueglia è ormai sulla rampa di lancio: nel borgo della cittadina savonese già fervono i preparativi per accogliere l'invasione dei ciclisti che, nel 2012 si soffermeranno sulla riviera ligure per un'intera settimana. E' stato varato, infatti, il piano delle manifestazioni che avranno il proprio cuore a Laigueglia: una lunga lista di manifestazioni legate al mondo delle due ruote a pedali che si aprirà domenica 12 febbraio con la Gran Fondo Laigueglia organizzata come consuetudine dal Gs Alpi per chiudersi sabato 18 febbraio con l'arrivo del 49° Trofeo Laigueglia che metterà alla prova i professionisti per assegnare l'alloro della prima grande classica della stagione 2012.
Nel mezzo una serie infinita di eventi collaterali che serviranno per richiamare a Laigueglia i tanti appassionati del pedale che avranno così la possibilità di riscoprire un territorio stupendo capace di legare la bellezza del mare alla maestosità delle montagne. «Dopo la Gran Fondo di domenica, tutti gli amatori avranno almeno un motivo per rimanere a Laigueglia» ha annunciato il sindaco di Laigueglia, Franco Maglione, che ha aggiunto «Febbraio, per la nostra città, sarà il mese dedicato allo sport: questa settimana, in particolare, vedrà una serie di eventi pensati specificatamente per i turisti e per gli amanti della bicicletta con molte iniziative che coinvolgeranno l'intero comprensorio».
A spiccare, nel lungo programma laiguegliese, oltre alla Gran Fondo e al Trofeo riservato ai professionisti, sono soprattutto la «Pedalata con i Campioni» e la serata di gala che riporteranno in provincia di Savona alcuni grandi personaggi dello sport e dello spettacolo. In particolare, la pedalata che si svolgerà a metà settimana grazie alla impeccabile regia della Accpi, darà la possibilità anche ai cicloamatori più inesperti di pedalare con alcuni grandissimi ex, che hanno scritto la storia del Trofeo Laigueglia e del ciclismo in generale. Il venerdì sera, poi, sulla tavola ci saranno le specialità culinarie liguri per comporre un menù allietato dalle anticipazioni sulla 49^ edizione
del Trofeo Laigueglia. «Dopo le operazioni di punzonatura e le riunioni tecniche - ha spiegato Michelino Davico, presidente della Asd Monviso Venezia - ci sarà spazio per la cena di gala che permetterà ai tecnici, agli addetti ai lavori, ai tanti ospiti e agli appassionati di gustare appieno la vigilia del Trofeo Laigueglia».
Non solo scarni pronostici ma una questione di passione e di amore per il ciclismo, quella che radunerà attorno alla stessa tavola protagonisti e tifosi della classica ligure.
Cresce dunque l'attesa per la “settimana del ciclismo” di Laigueglia: a proporne colori, storia ed emozioni in soli due minuti è la video clip promozionale già presente sul canale YouTube del Trofeo Laigueglia che in pochi giorni ha già fatto incetta di click. Il mare, le montagne, le strade e il pubblico: a Laigueglia tutto sembra nato per parlare di ciclismo!

comunicato stampa
 
Rispondi
#4
Laigueglia, Davico: «Tutti vogliono il Laigueglia»
Mancano ormai solo 35 giorni al via del Trofeo Laigueglia e la prima classica del 2012 è già nel mirino di molti big del pedale.
«Per Laigueglia si tratta di una tradizione che si rinnova - ha spiegato l'assessore allo sport di Laigueglia, Roberto Sasso Dal Verme -. Questa gara, infatti, è sempre stata una vetrina molto ambita dalle squadre e dagli atleti. Non è un caso che in mezzo secolo di storia qui si siano imposti campioni affermati e giovani promesse. Nell'albo d'oro, infatti, troviamo nomi di grandi campioni che hanno vinto nel pieno della propria carriera come Bitossi, Dancelli, Merckx, Baronchelli, Maertens, De Vlaeminck, Saronni, Sorensen, Museeuw Bartoli, Savoldelli e Di Luca e nomi di atleti che, invece, si sono presentati al grande pubblico proprio vincendo su questo traguardo come Gavazzi, Armstrong, Kirchen, Ballan, Pozzato e Ginanni».
Un corsa che è ormai pronta per aggiungere un nuovo capitolo alla propria storia, scritta sin qui scritta a più mani dai grandi campioni del ciclismo:
«In questi mesi ci sono giunte moltissime richieste di partecipazione - ha spiegato Michelino Davico, presidente della Asd Monviso Venezia -. Difficilmente riusciremo ad accontentare tutti anche perché dovremo rispettare il limite massimo di 200 partenti».
Per questo il gruppo al via da Laigueglia sarà composto da 25 formazioni di 8 atleti ciascuna, con una nutrita rappresentanza di formazioni World Tour
«Anche per quanto riguarda questo aspetto siamo limitati dal regolamento Uci che non ci consente di superare il 50% delle formazioni al via, ma di certo non mancheranno i grandi interpreti» ha proseguito Davico.
Molti i campioni delle due ruote che hanno già annunciato la loro presenza a Laigueglia, tra questi Ivan Basso (Liquigas) che aprirà la propria stagione proprio sul lungomare savonese.
«Filippo Pozzato e Francesco Ginanni hanno già fatto sapere che il Laigueglia sarà il loro primo obiettivo stagionale: questa corsa l'hanno già vinta entrambi per due volte e quest'anno hanno l'occasione di entrare nella storia. Nessuno, infatti, ha mai conquistato questa classica per tre volte» ha aggiunto Davico.
Ci sarà poi la batteria delle formazioni straniere: oltre ai principali team World Tour, infatti, potrebbe essere ai nastri di partenza anche la Europcar del francese Thomas Voeckler, che nel 2011 ha fatto sognare i tifosi transalpini vestendo la maglia gialla e chiudendo al quarto posto nella classifica finale del Tour de France.
Non mancherà poi il vincitore dell'ultima edizione, Daniele Pietropolli, che capitanerà una Lampre Isd decisamente agguerrita e pronta per puntare al prestigioso bis; per la Colnago Csf, invece, la freccia giusta da lanciare sul lungomare savonese potrebbe essere quella di Sacha Modolo, che nel 2011 si è aggiudicato proprio a Laigueglia la prima maglia verde nella storia del Giro di Padania.
Per il 49° Trofeo Laigueglia si prospetta quindi un cast stellare.
«Vogliamo permettere a tutti questi campioni di mettersi in evidenza e per questo abbiamo studiato un percorso tecnicamente molto valido e paesaggisticamente spettacolare - ha concluso Davico -. Stiamo valutando ancora gli ultimi dettagli ma nei prossimi giorni ci sarà l'ufficialità: siamo certi che piacerà sia agli atleti che al pubblico».
Il guanto di sfida è lanciato, la corsa verso Laigueglia può avere inizio!
Mancano ormai solo 35 giorni al via del Trofeo Laigueglia e la prima classica del 2012 è già nel mirino di molti big del pedale "Per Laigueglia si tratta di una tradizione che si rinnova" ha spiegato l'assessore allo sport di Laigueglia, Roberto Sasso Dal Verme "Questa gara, infatti, è sempre stata una vetrina molto ambita dalle squadre e dagli atleti. Non è un caso che in mezzo secolo di storia qui si siano imposti campioni affermati e giovani promesse. Nell'albo d'oro, infatti, troviamo nomi di grandi campioni che hanno vinto nel pieno della propria carriera come Bitossi, Dancelli, Merckx, Baronchelli, Maertens, De Vlaeminck, Saronni, Sorensen, Museeuw Bartoli, Savoldelli e Di Luca e nomi di atleti che, invece, si sono presentati al grande pubblico proprio vincendo su questo traguardo come Gavazzi, Armstrong, Kirchen, Ballan, Pozzato e Ginanni".

Un corsa che è ormai pronta per aggiungere un nuovo capitolo alla propria storia, scritta sin qui scritta a più mani dai grandi campioni del ciclismo: "In questi mesi ci sono giunte moltissime richieste di partecipazione" ha spiegato Michelino Davico (nella foto con Garzelli, ndr), presidente della Asd Monviso Venezia "Difficilmente riusciremo ad accontentare tutti anche perchè dovremo rispettare il limite massimo di 200 partenti." Per questo il gruppo al via da Laigueglia sarà composto da 25 formazioni di 8 atleti ciascuna, con una nutrita rappresentanza di formazioni World Tour "Anche per quanto riguarda questo aspetto siamo limitati dal regolamento Uci che non ci consente di superare il 50% delle formazioni al via, ma di certo non mancheranno i grandi interpreti" ha proseguito Davico.

Molti i campioni delle due ruote che hanno già annunciato la loro presenza a Laigueglia, tra questi Ivan Basso (Liquigas) che aprirà la propria stagione proprio sul lungomare savonese "Filippo Pozzato e Francesco Ginanni hanno già fatto sapere che il Laigueglia sarà il loro primo obiettivo stagionale: questa corsa l'hanno già vinta entrambi per due volte e quest'anno hanno l'occasione di entrare nella storia. Nessuno, infatti, ha mai conquistato questa classica per tre volte" ha aggiunto Davico.

Ci sarà poi la batteria delle formazioni straniere: oltre ai principali team World Tour, infatti, potrebbe essere ai nastri di partenza anche la Europcar del francese Thomas Voeckler, che nel 2011 ha fatto sognare i tifosi transalpini vestendo la maglia gialla e chiudendo al quarto posto nella classifica finale del Tour de France.

Non mancherà poi il vincitore dell'ultima edizione, Daniele Pietropolli, che capitanerà una Lampre Isd decisamente agguerrita e pronta per puntare al prestigioso bis; per la Colnago Csf, invece, la freccia giusta da lanciare sul lungomare savonese potrebbe essere quella di Sacha Modolo, che nel 2011 si è aggiudicato proprio a Laigueglia la prima maglia verde nella storia del Giro di Padania.

Per il 49° Trofeo Laigueglia si prospetta quindi un cast stellare "Vogliamo permettere a tutti questi campioni di mettersi in evidenza e per questo abbiamo studiato un percorso tecnicamente molto valido e paesaggisticamente spettacolare" ha concluso Davico "Stiamo valutando ancora gli ultimi dettagli ma nei prossimi giorni ci sarà l'ufficialità: siamo certi che piacerà sia agli atleti che al pubblico."
Il guanto di sfida è lanciato, la corsa verso Laigueglia può avere inizio!

comunicato stampa
 
Rispondi
#5
Oldani "Laigueglia, una tradizione da portare avanti"

Mancano ornai poco più di tre settimane alla 49^ edizione del Trofeo Laigueglia e la macchina organizzativa è già a pieno regime: a guidarla, con esperienza e passione, sono ancora una volta Michelino Davico e Renzo Oldani, figure di riferimento insostituibili per l'Asd Monviso Venezia e per la Sc Alfredo Binda. "E' per noi un onore seguire l'allestimento di una gara così ricca di tradizione come il Trofeo Laigueglia" ha spiegato Renzo Oldani, da un decennio alla guida della Sc Alfredo Binda "Per la nostra società che vive di soddisfazioni sportive, questa manifestazione rappresenta una palestra ed una vetrina che ci consente di accrescere la nostra esperienza in campo organizzativo e di far conoscere il nostro impegno e il nostro modo di lavorare anche in una terra di ciclismo come è da sempre la Liguria."

Il sodalizio varesino nato nell'ormai lontano 1929 che può vantare in bacheca l'organizzazione di due campionati del mondo (1951 e 2008, ndr) è pronto quindi per collaborare con la Monviso-Venezia nella realizzazione di quella che anche nel 2012 sarà la prima grande classica del calendario professionistico "Stiamo lavorando per garantire la sicurezza degli atleti in gara ed il regolare svolgimento dell'intero evento." ha ripreso Oldani "A Laigueglia abbiamo incontrato anche il prezioso sostegno dell'Amministrazione Comunale: l'obiettivo di tutti è quello di portare avanti una tradizione che rappresenta un vero e proprio patrimonio fatto di storia e di valori."

La 49^ edizione del Trofeo Laigueglia sarà quindi, ancora una volta, una festa per i tifosi del grande ciclismo che potranno assistere alla sfida tra alcune delle più forti formazioni del panorama mondiale: a confermarlo, sono arrivate nelle ultime settimane, le parole di molti big che hanno fatto crescere l'attesa per l'ufficializzazione del nuovo percorso e della lista delle squadre invitate "Laigueglia è tornata ad essere un punto di riferimento per gli atleti" ha spiegato l'ex professionista Massimo Ghirotto, coinvolto nell'organizzazione tra le fila della Monviso-Venezia "In passato i ritiri invernali si tenevano proprio in Liguria e quindi per le squadre era scontato che il primo obiettivo stagionale fosse questa corsa. Ora l'apertura del calendario avviene in altri continenti e questo ha portato le squadre a prepararsi anche lontano dall'Italia ma il fascino di Laigueglia ha suscitato nuovo interesse nei corridori e nelle squadre che hanno cerchiato in rosso la data del 18 febbraio nel proprio calendario. Si tratta di un segnale importante perchè avere i grandi campioni al via è sinonimo di spettacolo e divertimento anche per il pubblico."

"Questo rappresenta anche un ulteriore stimolo per tutto il nostro staff a dare il massimo e ad assicurare la piena riuscita della manifestazione" ha aggiunto Oldani lodando l'impegno dei tanti volontari che compongono lo staff della Sc Alfredo Binda "Siamo certi che anche il pubblico, come sempre, risponderà in massa e verrà a bordo strada per tifare i campioni di questo sport."

www.trofeolaigueglia.it
 
Rispondi
#6
LAIGUEGLIA. I ricordi del primo vincitore, Guido Neri
Mancano ormai tre settimane esatte al Trofeo Laigueglia e, mentre cresce l'attesa per l'edizione numero 49 della prima classica del calendario professionistico, sono i ricordi a tenere banco tra i grandi del ciclismo che possono vantare almeno un “Laigueglia” nella propria bacheca.
A raccontare il “suo” Trofeo Laigueglia è stato Guido Neri, intervenuto a Campagnola Emilia alla tradizionale festa della Bici al Chiodo; l'uomo che si è aggiudicato la prima edizione della classica ligure da indipendente ricorda: «Dopo che la mia squadra, la San Pellegrino, chiuse i battenti nel 1963 mi ritrovai appiedato. Avevo soltanto 25 anni e tanta voglia di pedalare. in quegli anni, nelle prime corse della stagione si poteva prendere il via alle corse anche senza essere tesserati con una squadra professionistica. Non mi persi d’animo e, approfittando di un premio TV ad Alassio vinto alla San Remo del 1963, e consistente in un soggiorno di 15 giorni, ne approfittai anche per studiare il percorso del Trofeo Laigueglia, una corsa nuova alla prima edizione e che inaugurava la stagione ciclistica dei professionisti, c’erano tre passaggi sul Testico dal lato Alassio. Un allenamento condito anche con la partecipazione al GP di Cannes, una kermess alla quale partecipavano i più grossi campioni di allora, quasi tutti in allenamento sulla Riviera Ligure e sulla Costa Azzurra. Arrivai 7° e presi ancora più coraggio per il mio ritorno in una corsa italiana che sarebbe stata appunto il 1° Trofeo Laigueglia».
Una storia che si mischia alla leggenda, quella di Guido Neri, che da solo, nel 1964, conquistò la prima edizione di una gara già dotata di un fascino unico semplicemente unico. «Sentivo delle ottime sensazioni, non avevo vincoli di squadra insomma, ero libero di interpretare la corsa come meglio credevo tanto che durante l’ultimo dei tre giri del Testico, ero in fuga con altri 6 o 7 corridori e scattai proprio su quella salita transitando in vetta con oltre due minuti sugli immediati inseguitori. Avevo il cuore in gola, dal momento dello scollinamento mancavano una quarantina di chilometri all’arrivo di Laigueglia e io pedalavo tutto solo e davanti a tutti. In quel frangente mi sorpassavano i giornalisti al seguito e tutti mi avevano preso in simpatia e mi incitavano dicendomi “Dai Guido che ce la fai!”. Intanto pedalo sul Capo Mele, il vantaggio mi viene quantificato in, metro più, metro meno, in circa 400 metri ma, finalmente c’è la discesa, la faccio a tutta, cercando di pedalare il più forte possibile e... finalmente il cartello stradale con la scritta LAIGUEGLIA! Ancora un paio di chilometri ed ecco la svolta a destra dove allora era tracciato l’arrivo, praticamente in un budello, come si dice in Liguria e gridai a squarciagola “È fatta”, anche senza ammiraglia al seguito!».
Per saperne di più su come andò in quell'ormai lontano 1964, visitate il sito http://www.trofeolaigueglia.it, dove è disponibile l'intervista completa realizzata dal collega Vito Bernardi.
Tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#7
LAIGUEGLIA. Bruno Zanoni e la Liguria scelta per amore
A Laigueglia per amore. Potrebbe essere questo il titolo del film che racconta la vita di un personaggio straordinario come Bruno Zanoni: bergamasco di Nembro, classe 1952, Laiguegliese d'adozione da quel 1974 che ha segnato in maniera indelebile la sua vita. "Ero il mio primo anno da professionista nella Scic di Bitossi e Baronchelli e andammo a Laigueglia per il ritiro di preparazione invernale. Da allora ho conosciuto la donna della mia vita e ho messo qui le mie radici" racconta l'ultima maglia nera del Giro d'Italia, capace di vincere anche una tappa, la Terni-Assisi, nella corsa rosa del 1978.
Radici solide che lo portarono ad affermarsi nel mondo del professionismo prima come atleta e poi come organizzatore "Nel 1979 scesi di bicicletta, e qui a Laigueglia si correva già da una quindicina di anni. Fu così che mi chiesero di collaborare nell'organizzazione con ruoli sempre più impegnativi. Nonostante le difficoltà economiche non mancassero, l'ho fatto volentieri per anni anche grazie all'aiuto dei tanti amici che avevo ancora nel gruppo dei professionisti." E in tanti anni, Zanoni, ne ha visto di tutti i colori: dalla neve al fuoco, passando per le giornate fredde e ventose, per arrivare ai giorni in cui il sole riscalda con il suo bacio la Riviera delle Palme "Speriamo che ci sia bel tempo per tutta la settimana" ripete con lo spirito di un marinaio che non teme la burrasca ma ama la calma dei giorni più lieti "Il programma che è stato m esso a punto quest'anno è davvero molto interessante: a partire dalla Gran Fondo che ha raggiunto dei numeri ed un livello eccezionali per arrivare sino alla gara dei professionisti." Anche la Gran Fondo di Laigueglia è una sua creatura "La ideammo per avvicinare gli appassionati alla gara dei professionisti e grazie alla collaborazione di tanti amici e all'insostituibile sostegno del Comune è cresciuta anno dopo anno seguendo il successo che ha sempre riscosso il Trofeo Laigueglia."
L'evento sportivo per eccellenza della primavera Laiguegliese che ha trovato quest'anno nuova linfa anche grazie alle numerose novità inserite dagli organizzatori, si appresta ormai a vivere la propria 49^ edizione: a meno di 24 ore dalla conferenza stampa che svelerà ufficialmente tutti i dettagli, Zanoni anticipa le sue impressioni "Se si fosse corso su questo percorso ai miei tempi, sarebbe stato una corsa proibitiva perchè era la prima della stagione. Ma tutto va aggiornato e adattato ai tempi: 150 dei 200 atleti che saranno al via il 18 febbraio avranno già nelle gambe molti chilometri e qualche giornata di corsa per cui credo che il tracciato sia comunque impegnativo ma tarato in maniera adeguata all'alto livello dei partecipanti. Se ci sarà bel tempo, il Trofeo Laigueglia sarà per tutti un ottimo banco di prova per vedere a che punto è la loro condizione fisica."
Un valido test anche per gli amatori e gli ex professionisti che giovedì 16 si ritroveranno per la pedalata cicloturistica "Un altro evento che merita un plauso particolare perchè farà da ponte tra la Gran Fondo e il Trofeo: nonostante si correrà nel corso della settimana sono certo che riscuoterà molto successo anche alla luce dei grandi nomi che hanno già confermato la loro presenza" sottolinea Zanoni che si lascia andare all'ennesimo atto d'amore nei confronti del territorio savonese, sua patria adottiva "In un epoca nella quale il ciclismo su strada deve fare i conti con gli enormi problemi di traffico del nostro Paese, l'entroterra savonese offre dei percorsi eccezionali sia dal punto di vista tecnico che da quello paesaggistico. Sono strade poco trafficate e chi viene a pedalare qui, se ne innamora. Da questo punto di vista la 49^ edizione del Trofeo Laigueglia avrà anche il pregio di riportare alla luce alcuni dei percorsi più belli che si possono affrontare sulle strade dell'entroterra ligure: sono certo che questo servirà ad esportare nel mondo tutto il fascino di Laigueglia e del savonese."
L'attesa per conoscere i dettagli del 49° Trofeo Laigueglia cresce, appuntamento a domani mattina alle ore 11.00 per la conferenza stampa di presentazione che si terrà presso la Sala A del Palazzo del Coni, in via Piranesi, 46 a Milano.
Tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#8
LAIGUEGLIA. Ufficializzato il percorso e le prime 20 squadre
Sarà una edizione stellare quella del Trofeo Laigueglia contraddistinta dal cartellino numero 49, che andrà in scena il prossimo 18 febbraio con partenza ed arrivo nel cuore della cittadina ligure. Saranno 196,5 i chilometri che scriveranno la storia della prima classica del calendario professionistico 2012, presentata quest'oggi presso il Palazzo del Coni di Milano alla presenza di Angelo Vaccarezza, presidente della provincia di Savona, Franco Maglione, sindaco di Laigueglia, Roberto Sasso Dal Verme, assessore allo sport del comune di Laigueglia e Claudio Gallo, in rappresentanza della Coni Servizi.

Un percorso tecnico, impegnativo, imprevedibile e spettacolare, quello disegnato dal pool organizzatore costituito dallo staff della Asd Monviso Venezia che si avvarrà della collaborazione della Sc Alfredo Binda e della Asd Ciclismo Stampa. Cinque le salite in programma che avranno il compito di selezionare i migliori atleti al via in vista del tradizionale arrivo in Via Roma a Laigueglia: il Passo Balestrino, le tre ascese a Testico e il "muro" di Pinamare posto ad appena 5 chilometri dal traguardo. "Sarà un percorso che renderà la gara incerta sino agli ultimi metri" ha spiegato Michelino Davico, presidente dell'Asd Monviso-Venezia nell'illustrare ai numerosi media presenti il tracciato 2012 "Abbiamo scelto questa formula perchè oltre ad essere tecnicamente valida, permetterà al pubblico di seguire in più punti le gesta dei grandi campioni attesi al via."

Un vero e proprio parterre de rois quello raccolto ai nastri di partenza dagli uomini di Davico e Oldani che hanno ufficializzato nel corso della conferenza stampa milanese, la lista delle prime 20 squadre selezionate, riservandosi di assegnare solo nelle prossime settimane le cinque wild card ancora a loro disposizione. Saranno ben 8 le formazioni World Tour al via (Ag2r, Astana, Katusha, Liquigas, Lampre, Omega Pharma e Saxo Bank) a cui si sommeranno 8 tra le formazioni Professional più competitive (Acqua&Sapone, Androni, Colnago, Colombia Coldeportes, Europcar, Farnese, Landbouwkrediet e Utensilnord Named) e 9 team continental provenienti da tutte le parti d'Europa "Avremo i migliori atleti del panorama mondiale" ha sottolineato Michelino Davico "Da Pozzato a Basso, passando per il francese Voeckler e tutti gli altri che già hanno dichiarato in queste sett imane di puntare al traguardo di Laigueglia. Avere questi team è per noi garanzia di spettacolo, siamo certi che il prossimo 18 febbraio sarà una giornata indimenticabile per tutti gli amanti delle due ruote."

"La macchina organizzativa è al lavoro ormai da settimane" ha ribadito Renzo Oldani "E possiamo dire che a Laigueglia è quasi tutto pronto per dare vita ad una grande gara come sarà quella che andrà in scena il 18 febbraio prossimo. Sarà un percorso impegnativo che ci metterà tutti alla prova. Stiamo concentrando i nostri sforzi per assicurare che tutto, dal punto di vista organizzativo, riesca nel migliore dei modi per regalare i fans del grande ciclismo uno spettacolo degno del blasone di questa manifestazione."

Una gara che rappresententa la più bella cartolina da esportare nel mondo per il territorio savonese "Sarà la corsa del savonese che servirà a riportare il grande ciclismo sulle nostre strade" ha spiegato il presidente della provincia di Savona, Angelo Vaccarezza "Per questo abbiamo scelto di premiare il vincitore non con un tradizionale trofeo ma con un piatto in ceramica di Albisola e non con il solito spumante, ma con una damigianetta di olio ligure."

Il 49° Trofeo Laigueglia rappresenterà solo la conclusione di una settimana speciale per la cittadina ligure "Sarà la settimana del ciclismo nel nostro territorio. Dalla domenica della Gran Fondo, al giorno del Trofeo, ci saranno una serie di eventi speciali dedicati agli appassionati delle due ruote" ha spiegato il sindaco di Laigueglia, Franco Maglione "L'obiettivo in vista del cinquantesimo sarà quello di riportare anche le squadre ad allenarsi sulla Riviera delle Palme, quest'anno già due team hanno aderito alla offferta del nostro territorio ed effettueranno uno stage proprio qui nel savonese."

Il Trofeo Laigueglia attende solo i propri protagonisti ai nastri di partenza, la prima classica del calendario professionistico è pronta ad incoronare il primo re del 2012.
Grandi novità riguardano anche il lotto dei partenti che sarà formato da 25 squadre composte da 8 atleti ciascuna: 5 le wild card ancora da assegnare mentre è già certa la presenza di 8 formazioni World Tour, 8 Professional e 4 Continental.

Ecco l'elenco delle squadre già iscritte:
1. AG2R – LA MONDIALE (Fra)
2. ASTANA (Kaz)
3. FDJ - BIG MAT (Fra)
4. KATUSHA TEAM (Rus)
5. LIQUIGAS CANNONDALE (Ita)
6. LAMPRE ISD (Ita)
7. OMEGA PHARMA - QUICK STEP (Bel)
8. SAXO BANK (Dan)

9. ACQUA & SAPONE (Ita)
10. ANDRONI GIOCATTOLI (Ita)
11. COLNAGO CSF INOX (Irl)
12. COLOMBIA COLDEPORTES (Col)
13. EUROPCAR (Fra)
14. FARNESE VINI - SELLE ITALIA (Gbr)
15. LANDBOUWKREDIET EUPHONY (Bel)
16. UTENSILNORD NAMED (Irl)

17. ADRIA MOBIL (Slo)
18. MICHE GUERCIOTTI (Ita)
19. TEAM IDEA CONAD (Ita)
20. WIT? (Ita)
Tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#9
Trofeo Laigueglia, saranno 25 le formazioni al via
Sarà un Trofeo Laigueglia ricco di stelle, quello contraddistinto dalla medaglia numero 49. A confermarlo è stata la conferenza stampa istituzionale tenutasi stamane a Genova presso il Palazzo di Rappresentanza della Regione Liguria.
«Il Trofeo Laigueglia torna ad essere quest'anno un'occasione di festa e di sport all'insegna del grande ciclismo - ha esordito l'Assessore allo Sport della Regione Liguria, Gabriele Cascino -. La nostra regione non può che essere soddisfatta ed orgogliosa di ospitare un evento di questo calibro».
Una vetrina di assoluto primo piano, quella offerta dal mondo delle due ruote all'intero territorio ligure come ribadito dal sindaco Franco Maglione e dall'Assessore Roberto Sasso Dal Verme, intervenuti in rappresentanza del comune di Laigueglia e del presidente della provincia di Savona, Angelo Vaccarezza.
«Bisogna fare i complimenti agli organizzatori per aver riportato a Laigueglia otto formazioni ProTour - ha sottolineato il presidente della FCI Ligure, Sandro Tuvo a cui ha fatto eco il presidente regionale del Coni, Vittorio Ottonello -. In Liguria abbiamo la fortuna di avere un panorama unico e queste strade fantastiche: il ciclismo è una risorsa per questa terra e deve essere valorizzata, il Trofeo Laigueglia è una di quelle manifestazioni preziose per la nostra regione perché porta il grande sport a contatto con i tifosi».
La conferenza stampa genovese, è stata l'occasione per confermare tutti i diversi eventi inseriti nel programma di quella che è stata ribattezzata come la “Settimana del grande ciclismo a Laigueglia” alla Mostra dedicata alla storia del Trofeo Laigueglia, alla Pedalata con i campioni che domattina riporterà in sella big del pedale come Francesco Moser e Claudio Chiappucci in compagnia di centinaia di appassionati, all'area Expo che sarà inaugurata nella mattinata di domani si aggiungerà il prossimo 18 febbraio un'altra occasione speciale per festeggiare, come annunciato dall'Assessore di Laigueglia Roberto Sasso Dal Verme «Avremo tra i nostri ospiti d'onore un grandissimo come Alfredo Martini che proprio il giorno del 49° Trofeo Laigueglia compirà 91 anni».
Ufficializzate, a margine della conferenza stampa, anche le 25 formazioni che saranno al via del 49° Trofeo Laigueglia: alle 20 già comunicate si aggiungeranno, infatti, gli svizzeri dell'Atlas, i giapponesi del Team Nippo, la Nazionale Ungherese, la Meridiana e il team lussemburghese della Leopard.
«Sarà un gruppo ricco di qualità e di atleti di blasone - ha spiegato l'Avv. Patrich Rabaini della Monviso Venezia -. Il percorso dal punto di vista tecnico sarà impegnativo e spettacolare: siamo certi che gli atleti in gara sapranno interpretarlo nel miglior modo possibile regalando grandi emozioni al pubblico che si concentrerà a bordo strada».

Queste le 25 formazioni al via:
1. AG2R – LA MONDIALE (Fra)
2. ASTANA (Kaz)
3. FDJ - BIG MAT (Fra)
4. KATUSHA TEAM (Rus)
5. LIQUIGAS CANNONDALE (Ita)
6. LAMPRE ISD (Ita)
7. OMEGA PHARMA - QUICK STEP (Bel)
8. SAXO BANK (Dan)
9. ACQUA & SAPONE (Ita)
10. ANDRONI GIOCATTOLI (Ita)
11. COLNAGO CSF INOX (Irl)
12. COLOMBIA COLDEPORTES (Col)
13. EUROPCAR (Fra)
14. FARNESE VINI - SELLE ITALIA (Gbr)
15. LANDBOUWKREDIET EUPHONY (Bel)
16. UTENSILNORD NAMED (Irl)
17. ADRIA MOBIL (Slo)
18. ATLAS PERSONAL JAKROO (Sui)
19. MERIDIANA KAMEN (Cro)
20. MICHE GUERCIOTTI (Ita)
21. NAZIONALE UNGHERESE
22. TEAM IDEA CONAD (Ita)
23. TEAM LEOPARD (Lux)
24. TEAM NIPPO (Jpn)
25. WIT? (Ita)

comunicato stampa
 
Rispondi
#10
Acqua&Sapone, Garzelli punta dritto su Laigueglia
Sono Garzelli, Ginanni, Taborre, Corioni, Codol, Ciavatta, Miholjevic e Reda i corridori dell’Acqua&Sapone che correranno il Trofeo Laigueglia. Nel team c’ è grande attesa per la prova ligure, e per vai motivi. La squadra è reduce da un ottimo Giro del Mediterraneo, dove Garzelli, alla sua prima corsa stagionale, ha sfiorato la vittoria di tappa ed ha dimostrato di essere già molto competitivo. Molto forte sono però andati anche Taborre e Ginanni. Fabio Taborre ha impostato i suoi programmi per essere in piena forma a marzo, in occasione della Tirreno Adriatico, ma sta già pedalando a buon livello; Francesco Ginanni, poi, ha un feeling particolare con il trofeo Laigueglia, corsa da lui molto apprezzata e che ha già vinto due volte. Il DS Franco Gini avrà più frecce al suo arco per provare ad imporsi nella classica italiana.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)