Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Trofeo Melinda - Val di Non 2011
#1
Sabato 20 Agosto 2011
Trofeo Melinda - Val di Non

[Immagine: paginainiziale.gif]


Planimetria:

[Immagine: planimetria04.gif]
(Planimetria nel dettaglio QUI)


Altimetria:

[Immagine: altimetria_sup.gif]
(Altimetria nel dettaglio QUI)


I Partecipanti: QUI


Sito Web della Corsa: www.trofeomelinda.it
 
Rispondi
#2
Melinda, domani la presentazione ufficiale
Domani venerdì 5 agosto alle ore 17, presso la sede assessorile del Comune di Cles, un appuntamento da non mancare tra passato e futuro: la presentazione ufficiale alla stampa ed alle autorità del Trofeo Melinda-Val di Non numero 20, in programma sabato 20 agosto sul percorso ormai tradizionale da Malè a Fondo , è una ricorrenza di tutto rilievo visto che il GS Melinda (organizzatore della classica trentina) festeggia non soltanto il ventennale della manifestazione, ma anche i trent'anni di attività del sodalizio che all'inizio degli anni '80 si affacciò sulla scena ciclistica con l'organizzazione del Circuito degli Assi di Nanno, antesignano di quella splendida corsa nata successivamente, il Trofeo Melinda.
A caratterizzare l'appuntamento sarà la presentazione ufficiale del volume "Trent'anni di storia tra mele e pedali" nel quale i tre autori (Marco Brentari, Franco A. Lancetti e Giacomo Santini) propongono una completa retrospettiva di questi trent'anni ricca di racconti, immagini ed aneddoti.
L'organizzatore Marco Brentari insieme a tutto lo staff del Trofeo Melinda è intanto concentrato sulla preparazione di questa edizione 2011 con l'obbiettivo - a dispetto di una data non del tutto propizia nel calendario nazionale - di allestire come sempre una manifestazione di livello, degna del prestigioso palmares sul quale il Trofeo Melinda ha fondato il suo successo tecnico e promozionale.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#3
Melinda, si prepara una sfida tra generazioni
Con le operazioni preliminari del 20° Trofeo Melinda, in programma venerdì pomeriggio al Teatro Comunale di Malè, si apre un lungo weekend di ciclismo in Trentino, visto che oltre alla classica delle mele che si corre sabato con partenza da Malè ed arrivo a Fondo, il weekend prevede un altro appuntamento in Val di Sole con la prova finale della Coppa del Mondo di MTB. Su ambo i fronti protagonisti i giovani: un talento emergente trentino dal nome importante (Moreno Moser, nipote del grande Francesco) proprio al Trofeo Melinda farà il suo esordio nel professionismo, mentre un giovane ma già affermato atleta altoatesino (Gerhard Kerschbaumer) celebrerà davanti al pubblico italiano la sua strepitosa vittoria nella classifica finale degli U23 della Coppa del Mondo di mountain bike.
Il Trofeo Melinda farà dunque da spartiacque tra presente e futuro per molti protagonisti, non solo giovani. Il tre volte campione italiano, Giovanni Visconti, sale in Trentino per aggiudicarsi una classica con la quale ha un feeling particolare (già una vittoria e due podi al suo attivo) per poi affrontare di slancio il finale di stagione prima di emigrare all'estero, avendo firmato un contratto che dal 2012 lo lega alla Movistar. Grandi motivazioni anche per un intramontabile 40enne come Davide Rebellin, tornato alla grande dopo la squalifica ed annunciato in grande condizione dopo la vittoria alla Tre Valli Varesine. Punta forte sul "Melinda" anche la Androni-CIPI, una delle quattordici squadre iscritte, lanciatissima verso una nuova affermazione nel campionato nazionale a squadre: Sella, Serpa e Bertolini sono gli atleti che maggiormente puntano ad un risultato di pregio sulle strade trentine.
Benché penalizzato da un calendario sovraccarico che non ha consentito un campo di partenti adeguato alle aspettative degli organizzatori per l'edizione del ventennale, il Trofeo Melinda mantiene intatto il suo fascino con un percorso duro e selettivo in grado di esaltare questo confronto tra generazioni. I tre giri del circuito finale imperniato sulla salita di Ronzone hanno sempre selezionato i migliori e così sarà anche questa volta, dopo quasi 200 km di corsa lungo i quali c'è ben poca pianura.
In Val di Non l'attesa è forte come ogni anno, stavolta più del solito visto che si festeggiano anche i trent'anni di attività del Gruppo Sportivo che organizza questa gara, alla cui storia è stato per l'occasione anche dedicato un volume celebrativo.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#4
Trofeo Melinda, a sorpresa anche Garzelli sarà della partita
Mai ripensamento fu più gradito. All'antivigilia della 20.sima edizione del Trofeo Melinda, in programma sabato 20 agosto da Malè a Fondo, gli organizzatori hanno ricevuto la lieta novella della partecipazione di Stefano Garzelli, che della classica trentina è un vero "habitué". Basta scorrere l'albo d'oro per rendersene conto: e siccome le volte in cui Garzelli ha vinto (nel 2006, alla grande, solo al traguardo) sono più di quelle in cui ha beffardamente tagliato il traguardo avendo davanti a sé la schiena del vincitore (secondo nel 2005, nel 2008 e nel 2009), la voglia di togliersi uno sfizio dev'essere stata irresistibile.
Ecco dunque Garzelli pronto a rimettersi in gioco, leader di un'Acqua&Sapone sempre molto competitiva, ed a sfidare l'avversario numero uno, il tricolore Giovanni Visconti, al quale la storia di questa corsa lo lega a filo doppio: nella classica delle mele infatti anche il siciliano vanta un ruolino di marcia invidiabile, con una vittoria e tre podi.
Ma il destino incrociato di questi due campioni sulle strade del "Melinda" non si ferma qui. Infatti quando Garzelli trionfò nel 2006, fu proprio Giovanni a piazzarsi secondo, a soli 4". Al contrario, in occasione dell'unica vittoria di Visconti a Fondo (2009), toccò al varesino ingoiare l'amaro boccone, battuto allo sprint. La caratura di questi due protagonisti definisce il profilo ideale dell'uomo da Trofeo Melinda: attaccante istintivo, resistente alla fatica, agile nello scatto e veloce allo sprint: in due parole il corridore completo per antonomasia. Nel duello annunciato comunque si inserisce di diritto un Davide Rebellin rientrato in grande stile dalla squalifica e già vittorioso nelle classiche lombarde. E ancora gli uomini della battagliera Androni-CIPI (Emanuele Sella, Alessandro Bertolini & co.), oltre a Domenico Pozzovivo ed agli immancabili outsiders, ruolo egregiamente recitato lo scorso anno dal russo Vladislav Barisov, secondo l'anno scorso (ma prontissimo a riprovarci).
Domani venerdì 19 agosto operazioni preliminari per le 14 squadre iscritte al Teatro Comunale di Malè dalle ore 15 alle 17. Sabato mattina raduno di partenza a Malè dalle 8.30, via alle ore 10. Annunciata giornata di sole e clima ideale, caldo ma non troppo. Appuntamento come sempre sullo spettacolare arrivo di Fondo, dopo 198,6 km di gara, dove i corridori sono attesi alle 15.15 circa.

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#5
Melinda, tutti contro Visconti?
Se, come molti si aspettano, il 20° Trofeo Melinda in programma domani (sabato 20 agosto) da Malè a Fondo sarà una sfida tra senatori, nessuno meglio di Alfredo Martini - Presidente Onorario della FCI e testimone storico del ciclismo italiano - ne potrà cogliere il senso. Stefano Garzelli contro Davide Rebellin sembra in effetti una sfida un po' "vintage" ma in realtà, spiega lo storico CT (attesissimo sulle strade trentine) "è la conferma che il ciclismo non è mai cambiato. Solo chi si allena e fa sacrifici può durare. Le regole di vita fanno sempre la differenza: quello che non fa bene, fa male. Dunque ben venga la sfida tra questi due atleti così longevi se può aiutare i giovani a capire come va fatto questo mestiere".
Il pronostico, per la verità, dice Giovanni Visconti su tutti, ed il tre volte campione tricolore ha in effetti tutti i requisiti per emergere e bissare il successo del 2009 confermando la sua tradizione molto positiva in questa galoppata di quasi 200 km che di solito seleziona drasticamente la qualità dei pretendenti lasciandone ben pochi a contendersi la vittoria sul circuito finale, dopo tre arrampicate sulla salita di Ronzone. A lui il compito di fare la corsa, pur badando a non scoprire troppo il fianco rispetto a rivali (tipo Emanuele Sella e Domenico Pozzovivo, oltre ovviamente agli stessi Rebellin e Garzelli) che lo aspettano al varco.
Anche se penalizzato da una posizione in calendario non ideale, il Trofeo Melinda festeggia quest'anno il ventennale ed aspetta un vincitore adeguato all'occasione, anche se stavolta - con in vista un Mondiale "facile" come quello danese - difficilmente una corsa così impegnativa sarà funzionale all'appuntamento iridato.
Anche per questo motivo, l'attenzione degli sportivi trentini sembra spostarsi sul vero fatto del giorno, ovvero l'esordio al professionismo (come stagista della Liquigas) di Moreno Moser, 21 anni a Natale, discendente di una autentica stirpe ciclistica, con tutte le suggestioni che ne derivano.
Lo zio Francesco, sarà lì ovviamente ad osservarlo, apparentemente impassibile e severo come è tipico del suo temperamento. "Il professionismo è tutta un'altra musica, e lui lo sa - spiega Francesco Moser - Moreno ha buone qualità ma deve dimostrarlo. L'augurio che posso fargli, per questa prima esperienza, è finire la corsa, soprattutto, e se possibile rimanere con i primi. Certo, conoscendo il tracciato del Melinda, non sarà un compito facile".

Il 20° Trofeo Melinda scatta alle ore 10 da Malè dove è fissato il raduno di partenza (dalle 8,30 in Piazza Regina Elena). L'arrivo a Fondo, dopo 198,6 km, alle ore 15,15 circa. Differita TV su RaiSport2 alle ore 19 (con replica alle 22,30).

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#6
Trofeo Melinda, colpo grosso di Davide Rebellin
Il Trofeo Melinda 2011 ha rispettato il pronostico che parlava di uno scontro tra generazioni, e così è stato: applausi al più giovane (Moreno Moser può ben dire di aver superato l’esame a pieni voti) e onore e merito al più anziano del lotto, il quarantenne Davide Rebellin che, piaccia o no, è in questo momento uno degli uomini più in forma, e bisogna prenderne atto, e sulle strade trentine lo ha dimostrato alla sua maniera. All’inizio dell’ultimo giro della spettacolare circuito che saltella sulle dune verdi la Val di Non, il Trofeo Melinda si è acceso. E’ accaduto nell’esatto momento in cui Moreno Moser è uscito dal gruppo insieme a Serpa, Stortoni, Girardi e Rubiano Chavez . Un finale immaginifico: l’atteso campioncino, alla corsa d’esordio tra i professionisti, che senza macchia e senza paura va all’assalto. I tifosi più attempati, i moseriani della prima ora, si sono persino emozionati, rivedendo nel ragazzo la tempra e il temperamento del suo straordinario zio Francesco. Sembrava un fuoco di paglia, ma così non è stato: per spegnere l’incendio, il gruppo dei migliori ha impiegato parecchi minuti e solo a 5 km dal traguardo, con il ricongiungimento generale, la corsa è tornata nelle mani dei logici favoriti. Nel tempestoso finale di Fondo, Stefano Garzelli ha dovuto mollare sotto l’impulso delle continue accelerazioni, e stesso destino è toccato pochi attimi dopo al tricolore Giovanni Visconti. Non ha perso un colpo, viceversa, il “vecio” redivivo Davide Rebellin, rapido a saltare sulla ruota di Domenico Pozzovivo e volare via sull’ultima rampa verso il successo, il secondo in pochi giorni (dopo la Tre Valli) ed il secondo al Trofeo Melinda, dopo quello dell’ormai lontano 2004. Alfredo Martini, confermando le opinioni espresse alla vigilia, ha fatto tanto di cappello al vincitore definendolo “l’ultimo dei Mohicani” (ancora in attività pur avendo corso sotto la sua guida il mondiale di San Sebastiano nel 1992). “Per me i successi di questo quarantenne debbono far riflettere molti giovani, specie quelli che si ritirano dopo cinquanta chilometri”, le parole di Martini. Accolto da taluni con qualche scetticismo, Rebellin ha rivendicato i suoi diritti: “Sono tornato dopo due anni di silenzio e lavoro, con più voglia e più rabbia di prima. Rivendico la mia innocenza ed il diritto di guardare avanti, impegnandomi anche a favore dei giovani. Ho quarant’anni ma non li sento…” (tuttobiciweb.it)

Ordine d'Arrivo
1 Davide Rebellin (Ita) Miche 5:01:00
2 Miguel Angel Rubiano Chavez (Col) d'Angelo & Antenucci - Nippo
3 Domenico Pozzovivo (Ita) Colnago - CSF Inox 0:00:06
4 Daniele Ratto (Ita) Geox - TMC
5 Patxi Javier Vila Errandonea (Spa) De Rosa - Ceramica Flaminia
6 Giuseppe Muraglia (Ita) d'Angelo & Antenucci - Nippo 0:00:07
7 Enrico Battaglin (Ita) Colnago - CSF Inox
8 Paolo Bailetti (Ita) De Rosa - Ceramica Flaminia 0:00:08
9 Antonio Santoro (Ita) Androni Giocattoli
10 Fabio Taborre (Ita) Acqua & Sapone 0:00:10
11 Christian Meier (Can) Unitedhealtcare Pro Cicling 0:00:11
12 Danilo Andrenacci (Ita) d'Angelo & Antenucci - Nippo 0:00:13
13 Davide Torosantucci (Ita) d'Angelo & Antenucci - Nippo
14 Federico Canuti (Ita) Colnago - CSF Inox
15 Emanuele Sella (Ita) Androni Giocattoli 0:00:25
16 Riccardo Chiarini (Ita) Androni Giocattoli
17 Maciej Paterski (Pol) Liquigas-Cannondale 0:00:30
18 Alessandro De Marchi (Ita) Androni Giocattoli 0:00:35
19 Mauro Finetto (Ita) Liquigas-Cannondale
20 Giovanni Visconti (Ita) Farnese Vini-Neri Sottoli 0:00:45
21 Vladislav Borisov (Rus) Amore & Vita 0:00:49
22 Gianluca Brambilla (Ita) Colnago - CSF Inox
23 Moreno Moser (Ita) Liquigas-Cannondale
24 Simone Stortoni (Ita) Colnago - CSF Inox
25 Fortunato Baliani (Ita) d'Angelo & Antenucci - Nippo
26 Volodymyr Bileka (Ukr) Amore & Vita 0:01:02
27 Marco Corti (Ita) Geox - TMC 0:01:12
28 Giampaolo Cheula (Ita) Geox - TMC
29 Niv Libner (Isr) Amore & Vita
30 Jackson Rodriguez (Ven) Androni Giocattoli 0:01:25
31 Reto Hollenstein (Swi) Team Varalberg
32 Morgan Schmitt (USA) Unitedhealtcare Pro Cicling
33 Alessandro Bisolti (Ita) Farnese Vini-Neri Sottoli
34 Stefano Garzelli (Ita) Acqua & Sapone 0:02:52
35 Jose Rodolfo Serpa Perez (Col) Androni Giocattoli
36 Carlos Alberto Betancur Gomez (Col) Acqua & Sapone
37 Edoardo Girardi (Ita) De Rosa - Ceramica Flaminia
38 Vladimir Miholjevic (Cro) Acqua & Sapone 0:05:02
39 Charles Wegelius (GBr) Unitedhealtcare Pro Cicling
40 Stefan Schumacher (Ger) Miche 0:05:35
41 Bernardo Colex Tepoz (Mex) Amore & Vita
42 Luca Zanasca (Ita) Wit 0:06:20
43 Luca Mazzanti (Ita) Farnese Vini-Neri Sottoli 0:06:45
44 Simone Boifava (Ita) Ora Hotels Carrera
45 Rafai Chtioui (Tun) Acqua & Sapone
46 Alessandro Bertolini (Ita) Androni Giocattoli 0:07:20
47 Roberto Antonio Richeze (Arg) Ora Hotels Carrera 0:07:50
 
Rispondi
#7
Pozzovivo ancora battuto. Settimo un ottimo Enrico Battaglin, Moser ventitreesimo
 
Rispondi
#8
Non male Moser, per essere alla prima corsa, si vede che ha talento; comunque l'anno prossimo Rebellin sarà il rivale di Gilbert...
 
Rispondi
#9
Moser poi giocava in casa quindi doveva ben figurare. Non so come si sia svolta la corsa, ma probabilmente ha lavorato per Finetto o qualcun'altro.
Su certi traguardi Rebellin è ancora tra i migliori (in Italia nettamente il migliore), però il tempo non è dalla sua parte :D
 
Rispondi
#10
Comunque è sorprendente, cioè ha 40 anni ed il miglior finisseur italiano, altro che quel pippone di Visconti, per me una Freccia Vallone può ancora vincerla...
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)