Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Vegni: «Il Giro resta la seconda corsa del mondo»
#1
Vegni: «Il Giro resta la seconda corsa del mondo»
«La Vuelta è l'esame di riparazione per chi fallisce»

Qualche giorno fa abbiamo dato i numeri, nel senso buono del termine: qualche cifra sulla stagione appena conclusa. Alcune riflessioni sullo stato di salute del nostro movimento, a livello di organizzazione e qualità di partecipazione. I numeri sono impietosi, dicono molto, ma non tutto. Per dirla con Giulio Andreotti, i numeri non solo si contano ma si pesano. Per pesarli, abbiamo scomodato Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia, che il ciclismo è abituato a pesarlo e a soppesarlo da oltre trent’anni.

Direttore, ha visto la nostra indagine sullo stato di salute del ciclismo italiano?
«Sì, certo. Me la sono letta con grande interesse, anche se qualcosa andrebbe detto».

Siamo qui per questo: oltre i numeri c’è di più…
«Sia ben chiaro, il momento che stiamo attraversando non è assolutamente facile, e quindi non sarò io a dire che non è il caso di drammatizzare. A livello organizzativo il momento è estremamente delicato e tutti dobbiamo lavorare affinché qualcosa in futuro possa cambiare. Però ho letto che la Vuelta sta minacciando il Giro. Bene, ma vi chiedo: se Froome e Contador non fossero stati costretti a ritirarsi dal Tour credete davvero che avrebbero corso il Giro di Spagna? Io credo di no. Quindi, quest’anno, per una felicissima combinazione astrale alla Vuelta si sono ritrovati tanti corridori di primissima fascia, ma parliamo appunto di eccezionalità. Per me il Tour resta la stella polare, così come il Giro resta la seconda corsa del calendario. La Vuelta, invece, giratela come volete, è la corsa di riparazione: se hai fallito i due appuntamenti principali, molti ripiegano sulla corsa spagnola».

Insomma, il Giro non soffre…
«Come ho detto prima il Giro soffre la congiuntura economica molto difficile, ma si difende e credo anche bene. È come dire che Il Lombardia va meglio della Sanremo: ma credetemi, tra le due corse la Sanremo conserva un appeal tutto particolare. Il Lombardia è una classica Monumento ma è davvero come la Vuelta: una "corsa riparazione". La Sanremo conserva il fascino iniziatico di una stagione appena scattata: il primo grande appuntamento mondiale della stagione. Una corsa aperta a tutti che tutti vorrebbero vincere almeno una volta nella loro carriera. Se guardiamo solo i numeri, dovremmo dire che la Roubaix non interessa nessuno, che ha perso fascino. Invece correttamente diciamo che è una corsa particolare, molto tecnica e specialistica, che premia un certo tipo di corridore, ma nessuno si permette di dire che al via ci sono pochissimi corridori della top 100. Come vedi, i numeri ti possono dire molto, ma non tutto. Perché poi vanno valutati ed elaborati».

Senta direttore, cosa pensa dell’idea di Oleg Tinkov di far correre ai quattro migliori cacciatori di Grandi Giri (Nibali. Contador, Froome e Quintana) Giro, Tour e Vuelta nella stessa stagione?
«L’idea è giusta ed è condivisibile. Il vero problema del ciclismo, ora come ora, è quello di far correre i migliori corridori nelle più importanti corse del mondo. Non so se andrà in porto la riforma del ciclismo, non so nemmeno in che termini vedrà la luce, ma in ogni caso una cosa dovremmo pretenderla: i campioni si devono affrontare nelle corse più importanti. Questo avviene in tutti gli sport, nel ciclismo, francamente, avviene solo al Tour. È troppo poco».

Il concetto di promozione e retrocessione le piace?
«Sì, mi sembra un’idea intelligente per mettere un po’ di pepe e di interesse in più anche attorno ai team. Auspico anche delle classifiche di merito più chiare ed elementari. Così come non sarebbe male reintrodurre la coppa del mondo, chiamata a premiare i corridori più bravi nelle corse di un giorno come avveniva negli anni Novanta e nei primi anni Duemila. Ma lo ripeto, la chiave di volta è semplice: squadre con poche punte e queste punte che si confrontano il più possibile nell’arco di tutta la stagione. Al ciclismo mancano i riferimenti. Abbiamo il dovere di darglieli. Ne beneficerebbero tutti, soprattutto il ciclismo».

Cosa pensa dell’ideate dei team Farm che fanno parte del progetto di riforma Uci?
«Non sono molto convinto di questo progetto. Si riducono gli organici delle prime squadre per fare poi delle squadre giovanili che hanno costi anche maggiori rispetto a quelli di quattro/cinque corridori che vengono cancellati dalla prima squadra. E poi noi italiani abbiamo anche delle nostre esigenze, un dilettantismo strutturato e non così malandato come si dice. Le Continental? Potremmo dare la possibilità di correre in certe corse i nostri team Under 23: otterremmo lo stesso risultato senza stravolgere la nostra cultura».

Cosa auspica?
«Che l’Uci trovi l’ispirazione giusta per il rilancio di questo sport e che le Federazioni tornino ad avere il loro peso specifico. Il fatto stesso che la riforma per il momento sia stata messa un attimo in stand-by, significa che il presidente Brian Cookson e i suoi collaboratori vogliono capire bene quale strada intraprendere. Fermarsi un attimo per ragionare ancora un po’ non è un segno di indecisione, ma di grande intelligenza e lungimiranza».

tuttobiciweb.it
 
Rispondi
#2
Se la Vuelta è il GT per rimediare alle disavventure dei mesi precedenti, opinione condivisibile, come mai però il Giro dovrebbe essere la seconda corsa più importante??
E comunque è una questione di calendario, a parti invertite gli spagnoli direbbero lo stesso. Non mi pare una grande argomentazione
 
Rispondi
#3
Il Giro è la seconda corsa più importante perchè a inizio stagione, quando si fanno le tabelle, si sceglie se fare Giro o Tour...
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Manuel The Volder
#4
Sulle corse italiane è girato attorno all'argomento e l'intervistatore non è stato puntiglioso: vero è che c'era chi insinuava un sorpasso della Vuelta sul Giro (cosa che, dal punto di vista della Starting List, vuoi per sfighe, vuoi per culo, ma de facto è avvenuto nel 2015), ma la vera crisi non è certo legata alle pompose corse RCS, ma alle altre classiche che soffrono da matti il non avere grossi budget per attrarre grossi nomi.

Sulla presunta superiorità della Sanremo rispetto al Lombardia nel parallelo Giro - Vuelta, evito di aprire bocca perchè mi uscirebbero soltanto sillabe e suoni che composti danno risultati vagamente volgari.

Detto ciò, ritengo Vegni il più intelligente tra i suoi ultimi predecessori.
 
Rispondi
#5
(12-11-2014, 12:37 AM)Andy Schleck Ha scritto: come mai però il Giro dovrebbe essere la seconda corsa più importante??

perché è il Giro d'Italia


(12-11-2014, 12:14 PM)Stylus Ha scritto: Sulla presunta superiorità della Sanremo rispetto al Lombardia nel parallelo Giro - Vuelta, evito di aprire bocca perchè mi uscirebbero soltanto sillabe e suoni che composti danno risultati vagamente volgari.

Milano-Sanremo >>>>>>>>>>>>>>> Classica delle Palle Mosce Sisi
 
Rispondi
#6
(12-11-2014, 04:38 PM)BidoneJack Ha scritto:
(12-11-2014, 12:37 AM)Andy Schleck Ha scritto: come mai però il Giro dovrebbe essere la seconda corsa più importante??

perché è il Giro d'Italia

Capisco che è l'argomentazione migliore che sapete dare :P


(12-11-2014, 11:13 AM)ManuelDevolder Ha scritto: Il Giro è la seconda corsa più importante perchè a inizio stagione, quando si fanno le tabelle, si sceglie se fare Giro o Tour...

E se la Vuelta fosse a inizio stagione, secondo te cosa si sceglierebbe?

Il calendario favorisce da una parte il Giro, dall'altra la Vuelta.
Non vedo nessun nessuno con la qualità/importanza della corsa
 
Rispondi
#7
Argomentare su una cosa così ovvia è impossibile, e se qualcuno ha bisogno di un'argomentazione al riguardo significa che non capisce una fava di ciclismo ed è del tutto inutile provare anche a formularne una
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di BidoneJack
#8
Potrei dire lo stesso in quanto sostenitore della Vuelta
 
Rispondi
#9
Ma come cavolo si fa a sostenere una corsa minore e dal sapore contraffatto come la Vuelta ? Asd
 
Rispondi


[+] A 2 utenti piace il post di Manuel The Volder
#10
(12-11-2014, 07:59 PM)Andy Schleck Ha scritto:
(12-11-2014, 11:13 AM)ManuelDevolder Ha scritto: Il Giro è la seconda corsa più importante perchè a inizio stagione, quando si fanno le tabelle, si sceglie se fare Giro o Tour...

E se la Vuelta fosse a inizio stagione, secondo te cosa si sceglierebbe?

Il calendario favorisce da una parte il Giro, dall'altra la Vuelta.
Non vedo nessun nessuno con la qualità/importanza della corsa


Confuso uno sceglierebbe faccio il Tour o il Giro? e in più il Giro raccatterebbe i delusi del Tour...

alla Vuelta ci andrebbe giusto uno sfigato

PS: ora a parti invertite è più o meno così. solo che il Giro è il Giro e un paio di nomi di spessore ci vengono lo stesso pure se ti compromette il piano Tour
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Tommeke23
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)