Login Registrati Connettiti via Facebook



Non sei registrato o connesso al forum.
Effettua la registrazione gratuita o il login per poter sfruttare tutte le funzionalità del forum e rimuovere ogni forma di pubblicità invasiva.

Condividi:
Wrestling
#1
Dopo 17 anni la programmazione televisiva della WWE in Italia passa da Sky a Discovery

https://www.sporteconomy.it/wwe-e-discov...in-italia/
 
Rispondi
#2
Nel 2020 mettere Raw in chiaro con 7 giorni di ritardo dovrebbe essere illegale...

Nessun fan accetterebbe di aspettare, piuttosto se lo guarda da altre parti.

È vero che se fai l'abbonamento a DPlay lo hai in diretta ma in chiaro secondo me entro 3 giorni lo devi mandare
 
Rispondi
#3
Solo Ciccio Valenti e Chris Recalcati possono salvare il wrestling in Italia Sisi
 
Rispondi


[+] A 3 utenti piace il post di Manuel The Volder
#4
Ciao guagliò
 
Rispondi
#5
Non era in differita di una settimana nemmeno quando lo trasmettevano la domenica sera nel 2003.

Comunque il wrestling è un prodotto strafinito.

Il suo punto di forza era l'essere un miscuglio di elementi di cultura pop.

Hulk Hogan, Steve Austin e John Cena, specie il John Cena che ebbe un sacco di successo a metà anni '00, racchiudevano in sé moltissimi elementi della cultura popolare del loro tempo.

Uno come Seth Rollins, che a me annoia anche più di Roman Reigns, cosa mi rappresenta?

La WWE s'è rovinata andando a seguire una nicchia di idioti. A nessuno, esclusi quei quattro bambinoni troppo cresciuti che piangono sul web, interessa vedere il match cinque stelle. Anche perché il 99% dei fan e potenziali fan della WWE nemmeno sanno quali sono i parametri per valutare un match.

Vogliamo vedere mazzate ignoranti, personaggi improbabili e storyline un minimo complesse. Del match cinque stelle tra Sami Zayn e Cesaro, due che hanno il carisma di un sottobicchiere, non ce ne frega nulla.

Dopo dieci anni passati a propinarci Kevin Owens, Dean Ambrose, Seth Rollins e tanti altri personaggi dimenticabilissimi, ci ritroviamo Drew McIntyre, Bobby Lashley, MVP, Miz, Morrison, Jeff Hardy e gli intramontabili Edge, Randy Orton e Rey Mysterio a tirare avanti la baracca.

Cioè vecchie glorie e i nomi che erano in rampa di lancio 10/15 anni fa. E a questi si aggiungono AJ Styles e Daniel Bryan che erano i top-name della seconda e della terza federazione degli anni '00.

L'unico nome nuovo che è riuscito a imporsi un minimo è stato Strowman.

Devo dire, a ogni modo, che, vista anche la situazione delle donne, di recente trovo il baraccone un po' più interessante rispetto al lustro passato. Però è indispensabile, per avere un minimo di ripresa, che il wrestling smetta di prendersi sul serio. E' una trashata e deve essere trattato in quanto tale.

+ Ciccio Valenti e - pseudo esperti che girano sul web.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Luciano Pagliarini
#6
Il wrestling è morto quando si è voluto inseguire il politically correct.
È uno show, mica un dibattito socio-culturale.
 
Rispondi
#7
Stavo pensando a un po' di midcarder dei tempi "the best".
Al Snow, un tipo che va in giro con una testa, Gangrel, un vampiro, The Godfather, un putt****aniere, Val Venis, un pornostar, Hurricane, un supereroe, Rikishi Heart, Goldust, uno che ancora non ho capito cosa fosse e molti altri.
Non dico gente che ha più carisma di tanti main eventer attuali, ma che hanno gimmick molto accattivanti che coprono le lacune a livello di mic skills.
 
Rispondi
#8
E fu così che, dopo anni passati a propinarci Seth Rollins e Dean Ambrose, nel main event di Wrestlemania troveremo due original WWE che erano finiti a marcire in una TNA fuori tempo massimo appena un lustro fa.

Peraltro mi fa un sacco piacere per il mitico Bobby Lashley di cui ricordo l'esordio ai tempi di Smackdown su Italia 1 contro Simon Dean.
 
Rispondi
#9
Guardati i video su YouTube.
Bellissima immagine quella di Bobby Lashley (7 volte campione mondiale) che calpesta la barzelletta vivente The Miz Cool

Ora spero resti campione per 1 annetto.
 
Rispondi
#10
Solo un match tra Undertaker e Triple H potrà salvare Wrestlemania.
Sarebbe figo anche proporre Hogan vs Flair, ma ho paura che sia troppo tardi per raggiunti limiti d'età. Triste
 
Rispondi
#11
Qualcuno ha provato la dieta di Simon Dean?
 
Rispondi
#12




Prima o poi doveva succedere che risuonasse "Cult of personality" e l'arena venisse giù.

 
Rispondi
#13
(21-08-2021, 11:56 AM)Manuel The Volder Ha scritto: Ma che è sta AEW ? E come ci è finita lì gente come Jericho, Sting, Big Show?


Federazione nata nel 2019 sotto la spinta di Cody Rhodes ed altri wrestler, con l'appoggio economico della famiglia Kahn (proprietari dei Jacksonville Jaguars e del Fulham).

Hanno subito ingaggiato pezzi grossi come Jericho e Kenny Omega (che tra le indies era forse il nome più famoso al mondo) e dopo poco hanno iniziato a "raccattare" chi usciva dalla WWE, ad esempio Dean Ambrose (diventato campione ben presto).

Hanno poi avuto un contratto televisivo con TNT (tra l'altro la rete di Ted Turner, ex proprietario WCW) ed uno show settimanale chiamato Dynamite.

Hanno vinto la "guerra del mercoledì" contro NXT (che ora dovrebbe cambiare modus operandi, smettendo di essere trattato come il terzo brand della WWE) e recentemente hanno continuato ad ingaggiare molti di coloro che venivano rilasciati dalla WWE, come Rusev, Andrade, Christian, Big Show, Mark Henry, Allistair Black, ecc.

Ovviamente hanno fatto molto clamore i ritorni di Sting e CM Punk.

Ora hanno addirittura un secondo show televisivo, ovvero Rampage, e stanno crescendo molto a livello di seguito e gente ai loro eventi (stanno già riempiendo le arene).

Rispetto alla WWE, il loro target è un pelo più vecchiotto ed infatti ci sono spesso dei match molto estremi.

Diciamo che in poco tempo (frenati anche dalla pandemia) hanno ottenuto più di quel che la TNA raggiunse anni fa, imponendosi come seconda federazione al mondo.
 
Rispondi


[+] A 1 utente piace il post di Lambohbk
#14
Nel frattempo in AEW sono arrivati Daniel Bryan ed Adam Cole, i quali verranno probabilmente raggiunti da Bray Wyatt in ottobre.

Penso che una concorrente così "cazzuta" non si vedesse dai tempi della WCW (che ovviamente ottenne risultati ben migliori). Sono curioso di capire quale sarà la situazione fra un annetto o due.

C'è stata la TNA, è vero, con acquisizioni importantissime (vedi Kurt Angle, Booker T, Christian, ecc) però sono sempre rimasti confinati alla loro Impact Zone (1500 posti).
La AEW, pur frenata dalla pandemia, sta già riempiendo le arene in modo itinerante, e di certo ha una stabilità economica maggiore della TNA.

Va anche detto che attualmente la AEW propone un prodotto adatto ai fan delle indies, piuttosto diverso dalla WWE, la quale aveva in NXT la sua quota indie, un NXT che sta cambiando faccia e dovrebbe tornare ad essere semplicemente un territorio di sviluppo.
In un certo senso quindi, la AEW ha "ucciso" la parte indie della WWE, per quanto marginale.

Per ultima cosa, tanti wrestler WWE stanno andando alla AEW come se fosse il paradiso terrestre, però si stanno spostando in tanti e giocoforza, qualcuno di loro rimarrà deluso del suo trattamento, come lo era in WWE.
 
Rispondi
#15
La WCW, oltre ad avere una disponibilità economica maggiore, nasce e cresce in un contesto socioculturale ove il wrestling era un prodotto con potenzialità decisamente maggiori rispetto a quelle che ha ora.

Si pensi, ad esempio, al boom che ebbe una piccola realtà come l'ECW in un'epoca in cui ancora internet era agli albori.

Peraltro una ECW, oggi, verrebbe castrata dall'internet stesso.

Inoltre, l'ascesa della WCW avviene anche in un momento di debolezza della WWF, la quale era stata colpita dallo scandalo steroidi. Sostanzialmente la WCW stava sopra alla WWF dal punto di vista economico, mentre l'AEW sta sotto.

Credo sia singolare, ma anche molto significativo, il fatto che l'AEW stia facendo razzia dei vecchi che la WWE lascia andare, vale a dire i vari Christian, Danielson, CM Punk, Sting, Big Show (ovviamente Lesnar, Cena, Goldberg ed Edge se li tiene stretti).

Alla fine i nomi che tirano sono sempre quelli di quindici/venti anni fa. Il wrestling è un prodotto solo per nostalgici poiché non riesce a calarsi nella cultura pop attuale.
 
Rispondi
#16
La cosa particolare è che la WWE, nonostante gli ottimi dati economici dell'anno pandemico, abbia iniziato a tagliare tutto il tagliabile (addirittura i catering agli eventi e ha eliminato una troupe nel backstage).

Pare quasi siano loro la parte economicamente debole.

Come dicevo prima, sono curioso di capire come evolverà la situazione nel prossimo biennio.
Non dico che la WWE sia in pericolo, anzi, però voglio vedere se e quanto la AEW riuscirà a rosicchiare.

Tutto sommato se la WWE si sentisse un po' di bruciore al c*lo non sarebbe male, serve una scossa.
 
Rispondi
  


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)