Il Nuovo Ciclismo

Versione completa: Giro d'Italia 2018 | Partecipanti & Formazioni
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Perché è la preselezione quella Willy.
un giro senza i migliori velocisti: Kittel, Ewan. Gaviria, Sagan. rischiano di vincere Nizzolo e Viviani
Bettiol salta il Giro per la frattura alla clavicola
Interessanti aggiunte stando a CyclingFever:

- Matej Mohoric per la Bahrain
- Marc Soler per la Movistar, questo corridore a mio avviso da tenere molto d'occhio perchè può essere la rivelazione assoluta
- La coppia Schachmann-Mas per la Quick Step
- Gibbons, Kudus ed O'Connor per la Dimension Data
- Daniel Martinez per la EF Education
- Sergio Henao per la Sky
- L'interessante coppia danese Eg - Pedersen per la Trek
Mohoric proprio non mi va giù...uno come lui che sa guidare la bici doveva essere al fianco di Nibali al Tour.
IL GIBBONE Woot
La partecipazione di Soler è una grande notizia. Inaspettato.

In effetti sarebbe stato esagerato dirottare anche lui al Tour (che poi magari lo farà lo stesso...), l'unica cosa che mi lascia perplesso è che sembra essere stata una decisione presa all'ultimo e che non abbiano programmato troppo bene per farlo arrivare al top al Giro.
<script async src="https://platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>
Dando un'occhiata sulle varie startlist provvisorie proposte ci sono varie differenze soprattutto riguardo corridori che magari da una parte vengono dati alla partenza ed in altri lidi no:

- I vari Colbrelli, Mohoric, Buchmann, Konig, Konrad, Dylan Teuns, Schar, Vanendert, Verona, Mas, Kudus, Nizzolo, Eg, Polanc...

Tra le novità che invece appaiono sicure da notare il giovane spagnolo Roson della Movistar ed il ceco Kreuziger della Scott.
Dando uno sguardo alle ruote veloci Viviani con il treno che si ritrova potrebbe tranquillamente fare incetta di tappe, i suoi maggiori rivali sono Van Poppel e Sam Bennet, che comunque reputo uno scalino inferiori all'azzurro.
Guardando agli altri italiani Modolo negli ultimi due anni ha migliorato molto il fondo ma credo abbia perso un po' di spunto, mentre Bonifazio nelle volate a gruppo compatto lo vedo al massimo da top 5.
Guardini sembra aver recuperato un po' di competitività, ma resta pur sempre Guardini.
Qualche chanche la darei a Mareczko, dopo aver dominato le corse tra Africa ed Asia a 24 anni è arrivato il momento di concretizzare  nelle corse che contano, giàl'anno scorso sfiorò il successo.
Rischia invece  di essere ancora l'ennesimo Giro da piazzato per Nizzolo visti i problemi al ginocchio  che lo hanno rallentato nella preparazione.
Altre ruote veloci sono Debusschere, Sbaragli, Drucker, Selig e Venturini, che potrebbero fare qualche exploit in qualche tappa.
Se dovesse essere davvero così, la Mitchelton si presenta in sordina ma con una squadra molto interessante: Chaves e Simon Yates affiancati da Nieve e Kreuziger.

A parte il ceco però, Chaves e Yates non corrono da marzo, mentre Nieve ha iniziato la stagione 2018 alla Liegi
[fon‌t=Verdana, sans-serif]Aggiorno borsino per questo Giro[/font]

[fon‌t=Verdana, sans-serif]***** = Tom Dumoulin e Chris Froome[/font]
[fon‌t=Verdana, sans-serif]**** = Thibaut Pinot e Miguel Angel Lopez[/font]
[fon‌t=Verdana, sans-serif]*** = Simon Yates, Domenico Pozzovivo, George Bennett, Esteban Chaves e Fabio Aru[/font]
[fon‌t=Verdana, sans-serif]** = Wouter Poels, Davide Formolo, Patrick Konrad, Michael Woods, Giulio Ciccone[/font]
[fon‌t=Verdana, sans-serif]* = Ben Hermans, Tim Wellens, Rohan Dennis, Carlos Bentancur, [fon‌t=Verdana, sans-serif]Matej Mohoric, [/font]David De La Cruz, Sergio Henao, Jaime Roson, Robert Gesink, Jarlinson Pantano, Richard Carapaz, Sam Oomen, Alexandre Geniez, Jan Hirt, Luis Leon Sanchez, Ruben Plaza, Mikel Nieve, Gianluca Brambilla, Roman Kreuziger, Ben O'Connor, Louis Meintjes, Nicklas Eg.[/font]

Per la maglia bianca direi che è strafavorito MA Lopez, possibili rivali potrebbero essere il nostro Ciccone, Mohoric, l'olandese Oomen, l'australiano O'Connor,  il danese Eg, ma soprattutto dovrà vedersela secondo me col giovane duo di classifica per la Movistar: Carapaz e Roson.

Per le volate punterei forte su Elia Viviani che mi sembra avere la miglior squadra per le volate ed è lì che la Quick Step fa all-in visto che non sembra esserci un capitano per la generale, possibili avversari Sam Bennett, Gibbons, Van Poppel e gli altri italiani tra cui Modolo, Mareczko, Bonifazio...
(24-04-2018, 11:54 AM)Lambohbk Ha scritto: [ -> ]Se dovesse essere davvero così, la Mitchelton si presenta in sordina ma con una squadra molto interessante: Chaves e Simon Yates affiancati da Nieve e Kreuziger.

Pure Haig che sta andando discretamente forte.

Anche nel 2016 Chaves non correva dal Catalunya....vediamo un po'.
Mitchelton che rischia di essere la più forte in salita assieme ad Astana e Sky.

Chavez dopo il 2016 lo vedevo come futuro vincitore di un grande giro, l'anno scorso è stato un po' deludente, certo l'infortunio in primavera lo giustifica ma pensavo potesse fare di più alla Vuelta.
Arriva davvero in sordina, sinceramente non saprei cosa aspettarmi da lui in termini di classifica  Mmm
DAJE con sto Mohoric....
Anche la Bahrein secondo me è abbastanza forte come squadra
Ma invece la Sunweb chi porta oltre a Dumoulin?
Oomen, Ten Dam e Vervaeke sicuri per il momento.
L'ipotesi al momento è questa:
DUMOULIN Tom
2 CURVERS Roy
3 HAGA Chad
4 HAMILTON Christopher
5 HOFSTEDE Lennard
6 OOMEN Sam
7 TEN DAM Laurens
8 VERVAEKE Louis
(24-04-2018, 03:07 PM)Joe Falchetto Ha scritto: [ -> ]Ma invece la Sunweb chi porta oltre a Dumoulin?

Su Pro cycling stats ci sono Oomen, Verveake, Ten Dam, Hofstede, Roy Curvers, Chad Haga e Chris Hamilton. 
Secondo me squadra discreta simile a quella di dodici mesi fa, Oomen libero da compiti di gregariato potrebbe puntare anche alla top 10, Verveake e Ten Dam  se in forma possono essere molto utili in salita , gli altri invece possono fare un'ottimo lavoro in pianura. 

L'anno scorso però perse subito Keldermann, mentre Preidler e Ten Dam non andavano avanti, tanto che spesso (se la memoria non mi inganna)  il suo ultimo uomo in salita fu Geschke, che scalatore non è.
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14