Il Nuovo Ciclismo

Versione completa: Giro d'Italia 2018 | La presentazione del percorso
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2 3 4
Thomas deve ringraziare Dio ogni giorno per tutta la considerazione che ha in Sky.

Speriamo che il capitano alla Vuelta lo faccia Poels piuttosto.
Si Poels credo possa fare Tour da gregario e Vuelta da leader, magari assieme a Thomas.

Giro piuttosto adatto ad Aru, chiaramente il super favorito è Froome
Se Froome si aggiudicasse il Giro (ed è difficile che non lo faccia), sarebbe il primo corridore, se non sbaglio, a vincere in sequenza Tour-Vuelta-Giro.
Merckx ha fatto in fila Giro, Tour, Vuelta e Giro tra il 72 e il 73.
Cmq.. non ci sono state sorprese, rispetto ai "rumors".
In definitiva un percorso non malvagio, ma, per quanto mi riguarda, pesa tanto l'assenza di passaggi veri sopra i 2000 metri; questa è una mancanza enorme..
Al Giro questi passaggi dovrebbero rappresentare la regola e non l'eccezione; e quest'anno possiamo dire che mancano del tutto (e' vero che il Gran Sasso ed il Colle delle Finestre superano quota 2000, ma, almeno io, intendo altri tipi di ascesa).. ed è "lassu'" che si fa la storia e si decidono le grandi corse.
Per me è un peccato!
(29-11-2017, 07:13 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: [ -> ]Merckx ha fatto in fila Giro, Tour, Vuelta e Giro tra il 72 e il 73.

Si infatti.. io, però, intendevo dire con la Vuelta a Settembre (dal 1995).
Ed anche così credo che l'unico, fino ad ora, sia stato Merckx.
Più che altro mancano le salite migliori delle Dolomiti, per il secondo anno di fila. E di salite veramente belle c'è solo il Finestre.

Niente Giau, niente Fedaia, nientre Tre Cime...............

Invece c'è una sequela di salite al sud veramente brutte.

L'Etna che dopo due tappe mosse non ha il minimo senso.

Montevergine manco la commentiamo.

Campo Imperatore andava bene come primo arrivo in salita, non come terzo.

Poi, per non farci mancare niente, abbiamo una quarta unipuerto e lo Zoncolan che, tolto il 2010, ha sempre fatto abbastanza schifo in realtà.

Oltre a ciò c'è anche poca crono, e questo non è mai bello.
Mi piacciono le ultime tre tappe, il resto non tanto. Del trittico Etna-Montevergine-Campo Imperatore si è detto fin troppo ed è inutile ripetersi...
Lo Zoncolan non mi fa impazzire, ma mancava da qualche anno e quindi ci può stare. Le tappe mosse sono quelle più difficile da giudicare ex ante ma sulla carta nessuna sembra difficile, tranne Sappada che però è media montagna.

45 km a crono sono un po' pochini, ma preferisco così a tre cronometro individuali in tre settimane (per Vegni però sono equilibrati), nulla vieta di ripartire meglio i km contro il tempo, evitando i prologhi che assomigliano quasi a una giornata persa.
Chilometri a crono abbastanza giusti considerando le tappe e le salite che ci saranno  :)  Poi sarei d'accordo anche io ad aumentare sia i km a crono che inasprire le tappe di montagna.

Adesso che si sono tolti lo sfizio di Froome, magari dal 2019 torneranno un po' allo stile Zomegnan anche se si sta andando in direzione contraria, per attirare chi tenta la doppietta col Tour
Sono pienamente d'accordo anche su questo: "niente" Dolomiti, niente passaggi sopra i 2000 metri. Tappe al sud disegnate non benissimo, troppe unipuerto e pochi km a crono...
non resta poi tanto: Le ultime due tappe..
I Giri di Zomegnan non è che fossero stupendi, ben disegnati furono il 2005, il 2010 e, in seconda battuta, 2007 e 2008.

Ci vorrebbero Giri come il 2015 o il 2016, magari giusto con un po' di km a crono in più.
Secondo me quando ci sono questi tipi di accordi tra grandi squadre, grandi campioni e organizzatori il percorso non dico sia marginale, ma non la cosa primaria. Se le indiscrezioni che sono uscite in questi giorni sono vere, a convincere Froome e la Sky è stato ben altro...
(29-11-2017, 07:50 PM)Hiko Ha scritto: [ -> ]Secondo me quando ci sono questi tipi di accordi tra grandi squadre, grandi campioni e organizzatori il percorso non dico sia marginale, ma non la cosa primaria. Se le indiscrezioni che sono uscite in questi giorni sono vere, a convincere Froome e la Sky è stato ben altro...

Esatto.. non è un caso che Froome viene a questo Giro; ed il percorso, non dico che lo avessero concordato insieme, ma poco ci manca..
Sai che beffa se, alla fine, Froome ci desse "una buca" clamorosa?? non lo voglio nemmeno immaginare.
No io dicevo il contrario :P

Sicuramente Vegni quando ha plasmato il percorso ha cercato di avere un occhio per Froome e lo si percepisce, però secondo me questi sono affari più grossi dal punto di visto economico e politico, che non vengono inficiati da 10 km in più a crono o da una tappa con due o tre salite.
Condivido.

Tant'è che è un percorso anche per Aru questo.

Btw i percorsi ad personam sono proprio il male.
L'arrivo a Gualdo il 15 di Maggio non è una scelta molto felice, considerando che nella vicina Gubbio si tiene la popolare festa dei Ceri...
L'importante è che non si tenga la popolare festa del Cerry.
Ah scusami..avevo inteso male.. :-)
Io invece credo che abbia avuto piu' di un occhio di riguardo per Froome.
Poi, come hai detto tu, ci sono effettivamente aspetti economici che influiscono in maniera determinante sulle scelte dei percorsi.. ma, alla fine, anche questo non è propriamente un bene.
Froome non verrà.
Ricordatevi di questa previsione
Già le prime polemiche: il governo israeliano si è infuriato per la dicitura "Gerusalemme ovest" della prima tappa. Per loro Gerusalemme è unica e non può essere divisa tra Est e Ovest.
Pagine: 1 2 3 4