Il Nuovo Ciclismo

Versione completa: Wout Van Aert
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Che a parte le battute è uno dei problemi grossi di queste discipline... In cui per giunta la prova mondiale non presenta necessariamente qualcosa di diverso rispetto al resto. Tra bogense, valkenburg e zonhoven i contenuti tecnici sono talmente simili che non so capisce bene perché fallire in uno sia considerato il segno di un perdente mentre in altri casi no.


Comunque bogense gara bella vera. Il secondo attacco sulla sezione in contropendenza uno dei gesti più belli di mvdp
Sono d'accordo.

Più che altro qua, e ancora di più nella MTB, mancano quelle competizioni che siano viste, non tanto dagli appassionati come noi, quanto più dall'occasionale e dalla stampa generalista, importanti tanto quanto la rassegna iridata.

Che la vittoria alla Parigi-Roubaix valga una carriera lo sanno anche i sassi. Che Duinencross, Druivencross o Koppenbergcross siano vittorie che valgono non dico una carriera, ma una stagione sì, lo sappiamo in tre. Per l'appassionato che guarda le gare una volta ogni tanto non c'è differenza tra Koksijde e Jingle Cross.

Le tre Challenge da un lato hanno dato vita a circuiti il cui prestigio è riconosciuto (anche se considerato inferiore al Mondiale), dall'altro hanno un po' insabbiato l'importanza del singolo cross.

E ora che l'UCI metterà mano, farà ancora peggio.
(14-11-2019, 09:11 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: [ -> ]Le tre Challenge da un lato hanno dato vita a circuiti il cui prestigio è riconosciuto (anche se considerato inferiore al Mondiale), dall'altro hanno un po' insabbiato l'importanza del singolo cross.

secondo me è proprio qui l'errore. La tripletta SP CDM DVV/BBT/GVA dovrebbe valere molto di più di una gara secca, tant'è*. Preparati perché se mvdp putacaso toppa Tokyo 2020 ci toccherà leggere di quadriennio buttato. 

* sui singoli cross, quello che fa la differenza è anche tanto dipendente dal momento storico della prova. Ci sono stati decenni in cui freccia > liegi per prestigio, allo stesso modo ora come ora le prove delle 3 challenge sono abbastanza equiparate tra loro (con i dovuti distinguo del caso). È lo Zeitgeist (cit.)
Buone notizie per Wout: ha vinto la battaglia legale con Nuyens.

Ora potrà essere un po' più sereno.
Wout potrebbe tornare già per l'Azencross: https://www.oasport.it/2019/11/ciclocros...-dicembre/

:o
La diretta testuale della conferenza stampa: https://sporza.be/nl/matches/veldrijden/...-van-aert/

Lo aspettiamo a braccia aperte!
Riesci a tradurre che io sono incasinatissimo?
Non avevo visto... volevo dire, non avevo vistuto (semicit.)

''Ieri mi sono allenato per 125 km e non ho avuto grossi problemi, tuttavia il ciclocross va molto al di là del semplice andare in bici. E' un tipo di attività che va a sollecitare molto le anche e stiamo ancora lavorando in questa direzione per migliorare. Il rientro al ciclocross deve essere un passo in avanti e non uno indietro nel mio processo di guarigione''

''Ho scelto Loenhout perché non è un percorso troppo difficile ed in più è vicino a casa. Si tratta di un cross che aspetto con trepidazione ogni anno''

''Nelle due settimane in Spagna l'obiettivo sarà riuscire ad allenarsi il più possibile con la squadra''

''L'assoluzione nel processo è stata un grande sollievo. So benissimo che non finisce qua ma le nostre carte sono buone''

''Sarebbe poco realistico pensare di fare risultato nel ciclocross per questa stagione, dopotutto sono stato 3 mesi senza bici. Sono già contento di fare qualche gara. Anche la prossima primavera, bisognerà vedere che livello riuscirò a raggiungere''

''L'obiettivo è tornare quello di prima dell'infortunio, ma è una cosa che richiede tante ore in bici, molte più di quelle che sono riuscito a fare finora. Se avessi fatto qualche cross, potrei dire qualcosa in più a riguardo. Non voglio mancare la primavera delle classiche''

''Mi piacerebbe andare alle olimpiadi nella cronometro ma al momento non è il primo tra i miei pensieri''

''Quest'anno non mi aspetto molto nel cross, sarò felice anche solo di ricevere l'ok per partecipare a qualche gara. Devo tenere i piedi per terra: gli altri sono più rodati ed è complicato cominciare così tardi e per giunta dopo un infortunio simile. Spero piano piano di tornare a sentirmi appieno un ciclista''

''Non vedo l'ora di tornare a duellare con Mathieu. Non ho ancora finito col ciclocross. Adesso è troppo presto ma l'anno prossimo voglio tornare a rendergli la vita difficile''.
<3 <3 <3
Per Merlier domani Wout fa top-10, per MvdP addirittura top-5.


Non un calendario intenso. Comunque il campionato del Belgio, sul quel percorso là, potrebbe anche vincerlo.
Le dichiarazioni del dopo gara: https://sporza.be/nl/2019/12/27/van-aert...-loenhout/

Davo per certo che facesse anche Bredene, visto che, almeno fino a stamattina, era nella lista partenti.

Anche secondo me può vincere il campionato belga, soprattutto pensando a come potrebbero uscire dal periodo natalizio i suoi avversari più pericolosi: o stanchi come Sweeck oggi o rotti come Toon.

Woot
Speriamo solo che la smetta di tirare i freni per far vincere gli altri come ha fatto al CN belga.
(16-01-2020, 03:25 PM)Luciano Pagliarini Ha scritto: [ -> ]Speriamo solo che la smetta di tirare i freni per far vincere gli altri come ha fatto al CN belga.

????????
Pagine: 1 2 3 4 5 6