Il Nuovo Ciclismo

Versione completa: UAE Team Emirates
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.


UAE Team Emirates
EAU



Informazioni
Sigla UCI: UAD
Licenza: World Tour
Affiliazione: EAU

Indirizzo:
CGS Cycling Team AG
Via Trevano 2
6904 Lugano
SWITZERLAND





Organico
Anass Ait El Abdia
Fabio Aru
Darwin Atapuma
Matteo Bono
Sven Erik Bystrom
Simone Consonni  
Valerio Conti  
Rui Costa
Kristijan Durasek
Roberto Ferrari
Filippo Ganna  
Alexander Kristoff
Vegard Stake Laengen  
Marco Marcato  
Daniel Martin  
Yousif Mirza
Manuele Mori  
Przemyslaw Niemec
Simone Petilli
Jan Polanc  
Edward Ravasi  
Aleksandr Riabushenko
Rory Sutherland
Ben Swift
Oliviero Troia
Diego Ulissi



Staff tecnico
General Manager: Giuseppe Saronni

Team Manager: Matxin Joxean Fernandez

Direttori Sportivi: Marco Marzano, Philippe Mauduit, Mario Scirea, Simone Pedrazzini, Daniele Righi, Bruno Vicino, Paolo Tiralongo

Biciclette: Colnago






La UAE sarà uno degli argomenti di cui parleremo di più, verosimilmente, durante il 2019.

A quanto pare, dopo questo 2018 disastroso, è iniziata una lotta interna tra gli sceicchi e Saronni e i primi vogliono fare la festa al buon Beppe.

Sarà curioso vedere chi saranno i DS l'anno prossimo. Sicuramente l'entrata di Peiper e Stephens rappresenta una svolta storica per l'ex Lampre.

Matxin ha sempre più potere e il mercato, quest'anno, lo ha praticamente fatto lui.

Il roster è di qualità, ma è costruito in maniera confusionaria. Da un lato ci sono gli uomini della vecchia gestione e dall'altro quelli della nuova.
Leggendo i nomi senza lanciarsi in analisi approfondite hanno probabilmente fanno il miglior mercato, però mi sembra una squadra costruita grazie ai soldoni senza troppa logica.

Poi mi han sempre dato l'impressione di lavorare malissimo con i giovani, da  Consonni dopo l'ottima prestazione alla de Panne mi sarei aspettato molto di più, idem da Ravasi ed in misura molto minore da Petilli e Conti. Limitandosi alle ultime tre stagioni in squadra non è "esploso" nessun giovane, l'unico forse Mohoric che ha lasciato la squadra ed il vero salto di qualità l'ha fatto alla Baharein.
Saronni non sarà più il TM della UAE, ma resterà membro del board.

Che vi avevo detto io?
Non conosco bene le dinamiche interne, ma Saronni visto da fuori mi sembra uno dei peggiori in circolazione. Ottima notizia per la Uae
Per me ha sempre avuto colpe relative.

Tranne per la scelta di prendere Aru.
Quella di Aru è clamorosa, però davvero si fa fatica a difenderlo. Che intendi di preciso per "colpe relative"?
Prima della UAE Saronni ha sempre avuto budget molto limitati, spesso la Lampre era la squadra più povera del WT.

Nonostante ciò hanno sempre fatto ottimi risultati: hanno vinto alcune classiche importanti e in altre si sono piazzati, hanno vinto 26 tappe nei grandi giri in 11 anni, hanno fatto delle buone classifiche in tutte le grandi corse a tappe, con due podi al Giro.

I corridori forti passati di là hanno reso quasi tutti: Ballan, Scarponi, Bennati, Petacchi, Rui Costa. C'è la parziale eccezione di Pozzato e poi c'è Cunego, che comunque non è colpa di Saronni.

L'unico vero problema della Lampre/UAE è lo sviluppo dei giovani. Però c'è da dire che col budget che hanno avuto loro per tanto tempo non è che potessero permettersi lo staff della Sky.

Hanno inziato ad avere un po' di liquidità in più con l'entrata di Merida...e hanno preso Rui Costa 27enne che nella prima stagione da loro vince il TDS e va sul podio alla Parigi - Nizza, al Romandia, a Montreal e al Lombardia, nella seconda fa 4° alla Parigi - Nizza, all'Amstel e alla Liegi e va sul podio al Delfinato e a Montreal, nella terza arriva 3° alla Liegi e nei primi dieci alla Parigi - Nizza, ai Paesi Baschi, al Tour de Suisse, al Romandia e alla Freccia Vallone, nel 2017 ha avuto un rinculo a livello di risultati, ma ha comunque vinto l'Abu Dhabi Tour ed è arrivato 5° al Tour de Suisse, l'anno scorso ha avuto problemi fisici, ma ha portato a casa almeno un 5° posto al Romandia e un 6° a Montreal. Dunque, a conti fatti con un budget un po' superiore rispetto a quello avuto nella seconda metà degli anni '00 ci ha preso un corridore che ha ripagato pienamente l'investimento fatto (con un buona pace dell'utente Danilo M.).

L'anno scorso con un budget di tutt'altro livello ha fatto sostanzialmente tre colpi: Kristoff, Martin e Aru. Kristoff era già lontano dai fasti del 2014-2015, lo prendi perché sai che è una garanzia di piazzamenti importanti, e, infatti, li fa (con tanto di vittoria nella tappa per sprinter più importante del Tour...e al Tour non vinceva dal 2015). Per Martin vale un discorso simile, non è un gran vincente, ma ti dà stabilità in certe corse. Sfortuna vuole che non arriva alla Ardenne abbastanza pronto per via di alcuni problemi fisici, ma poi fa ampiamente il suo (e torna a vincere al Tour 5 anni dopo la prima volta).

Arriviamo ad Aru che, come dicevo, è l'unica mossa sbagliata. 3 anni a cifre astronomiche a un corridore che presentava già diverse red flags.

Per me Saronni non c'aveva 'sto gran progettone, vedi le gestioni dei Ganna, dei Consonni, dei Ravasi, dei Riabushenko. Però Saronni conosce il ciclismo un po' meglio degli sceicchi e evidentemente navigava a vista perché siamo in un periodo un po' burrascoso, in cui stanno cambiando un po' di cose (svolta a livello dirigenziale dell'UCI, la squadra che ha dominato il decennio esce dal ciclismo) e tutte le mosse, tolto Aru (evidente feticcio di Saronni), fanno capire 'sta cosa. Gli sceicchi, che pazienza non ne hanno e che il giochino lo conoscono poco, vogliono vincere tanto e subito e hanno deciso di metterlo da parte e sostituirlo con Matxin (che già aveva la UAE in mano quest'anno), rivoluzionando pure buona parte dello staff della UAE (vedi firme di Peiper e Stephens). Quanto questo pagherà lo vedremo nei prossimi mesi, sicuramente il mercato aggressivo di Matxin, che peraltro ha rinnovato gente che avrebbe potuto lasciar andare (Rui Costa, Ravasi) ha creato una situazione abbastanza incasinata a livello di roster, con sovrabbondanza di capitani e di giovani da sviluppare. Sono proprio curioso di vedere come e se riescono a gestirla.
Temo che ormai il luogo comune per cui tutti alla UAE vadano piano sia da mettere da parte.

Pogi è Pogi e ok.

Ulissi nel 2019 ha fatto una stagione a livelli appena inferiori ai top, Kristoff nelle classiche è sempre una garanzia, Formolo ha fatto due gare in UAE, UAE Tour e Strade Bianche, e i risultati sono là da vedere, da McNulty noi ci aspetteremo anche qualcosa in più, ma indubbiamente aveva iniziato col piede giusto tra San Juan e Andalucia, Gaviria dice quattro vittorie in 17 giorni di gara nel 2020, De la Cruz è sempre il solito onesto mestierante, Rui Costa fa sempre il suo.

C'è solo un corridore qua che non va.

Poi alcune mosse di mercato di Matxin, per la verità, non mi fanno impazzire.

Henao a che serve? Per fare da chioccia ai giovani colombiani?

Capisco ancora ancora una scommessa a basso prezzo come Iso Joe Dombrowski che è reduce dalla sua miglior stagione dell'ultimo lustro, ma Henao?
certo che ora arriva il difficile per pogacar , Se fino ad adesso ha corso una vuelta e un tour potendo beneficiare del lavoro di altre squadre sulla carta molto più attrezzate essendo lui alla partenza un outsider e non un favorito principale, ora il discorso cambia.
Attualmente per le salite di veramente forte la uae ha solo formolo e mcnulty , purtroppo ardila quest'anno è un oggetto misterioso lontano parente del giro 2019 u23
Per il 2021 hanno preso già ayuso grande talento però servono anche un paio di gregari di esperienza che vadano molto forte in salita ,
Vedrei bene un Rigoberto uran che possa fargli da chioccia e aiutarlo nei momenti più delicati in futuro .
si UAE ora ha obbligo di fargli una squadra decente per le prossime stagioni
L'UAE è sempre stata abbastanza un'accozzaglia, ma penso che alla fine di questo 2020 ci sarà da fare un po' di chiarezza in quel team.
Negli ultimi anni si sono avvicendati molti capitani (o pseudo tali) e questo è il momento di stabilire partenti e gerarchie.

Aru con la valigia in mano. Ci saranno da stabilire anche i ruoli dei vari Gaviria (e di conseguenza Richeze), Kristoff, Trentin, Ulissi, Rui Costa, McNulty, Formolo. Non dico che tutti se ne debbano andare eh, dico solo che ci saranno da stabilire le priorità, quella principale dovrà essere necessariamente il meglio per Pogacar.
Dal 2019 io credo che la strategia sia un po' cambiata perché hanno preso tanti giovani di prospettiva. Nella speranza che uno di questi esploda definitivamente.
Infatti nel 2019 arrivano pogacar , i fratelli oliveira e philipsen .
Nel 2020 continua il trend con mcnulty, bjerg, ardila .
Nel 2021 per ora ayuso
Ora però che pogacar è esploso devono prendere dei corridori di esperienza per supportarlo.