Il Nuovo Ciclismo
Giro d'Italia, Rigoberto Uran asfalta la crono di Barolo: sue tappa e Maglia Rosa. - Versione stampabile

+- Il Nuovo Ciclismo (http://www.ilnuovociclismo.com/forum)
+-- Forum: Archivio (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Archivio)
+--- Forum: Archivio (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Archivio--60)
+---- Forum: Stagione 2014 (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Stagione-2014)
+---- Discussione: Giro d'Italia, Rigoberto Uran asfalta la crono di Barolo: sue tappa e Maglia Rosa. (/Thread-Giro-d-Italia-Rigoberto-Uran-asfalta-la-crono-di-Barolo-sue-tappa-e-Maglia-Rosa)



Giro d'Italia, Rigoberto Uran asfalta la crono di Barolo: sue tappa e Maglia Rosa. - SarriTheBest - 22-05-2014

Giro d'Italia, Rigoberto Uran asfalta la crono di Barolo: sue tappa e Maglia Rosa.

[Immagine: 2_0176368_1_thumb2.jpg]
Rigobeto Uran indossa la Maglia dopo la cronometro dei vini - © bettiniphoto

Nell'attesissima "cronometro dei vini" di Barolo, vero snodo di questa edizione del Giro d'Italia, il colombiano Rigoberto Uran, secondo lo scorso anno al solo inarrivabile Vincenzo Nibali, si conquista la scena della corsa rosa: disputando una prova perfetta, nonostante la pioggia ed il percorso esigente, riesce finalmente ad imporre la sua candidatura per la Maglia Rosa, visto che finora difficilmente si usciva dal seminato dell'Evans o del Quintana. Il capitano della Omega Pharma ha inflitto più di un minuto a Diego Ulissi, fortissimo in salita ma molto cauto ogni volta che la strada scendeva, e soprattutto 1'37'' proprio a Cadel Evans, strappandogli così la Maglia Rosa. L'australiano è stato autore di una prima parte di crono deludente che poi è riuscito a recuperare sfruttando le sue doti sul passo e il suo grande coraggio: ha infatti rischiato, in un paio di occasioni, di finire fuori strada, a causa della troppa foga con cui cercava di riportarsi sotto all'ormai rivale principale per la corsa al Giro d'Italia.

Ma più si scende con le posizioni, e più i distacchi si fanno interessanti: pagano poco più di 2 minuti Wilco Keldermann e Domenico Pozzovivo, nettamente il più forte nella prima parte di cronometro; Nairo Quintana, il grande favorito alla vigilia del Giro, accumula 2'40'' di ritardo, scivolando in classifica generale al 6° posto con 3 minuti e mezzo di distacco da Uran. Quasi 3 minuti per Fabio Aru, li supera invece Ryder Hesjedal; vicini ai 4 Rolland, Morabito e Kiserlovski, mentre crollano Ivan Basso (+4'05'') e Franco Pellizotti (+4'49'').