Il Nuovo Ciclismo
Trek-Segafredo: «Buon Tour, e Mollema può crescere ancora» - Versione stampabile

+- Il Nuovo Ciclismo (http://www.ilnuovociclismo.com/forum)
+-- Forum: Archivio (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Archivio)
+--- Forum: Archivio (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Archivio--60)
+---- Forum: Stagione 2016 (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Stagione-2016)
+----- Forum: Tour de France 2016 (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Tour-de-France-2016)
+----- Discussione: Trek-Segafredo: «Buon Tour, e Mollema può crescere ancora» (/Thread-Trek-Segafredo-%C2%ABBuon-Tour-e-Mollema-pu%C3%B2-crescere-ancora%C2%BB)



Trek-Segafredo: «Buon Tour, e Mollema può crescere ancora» - SarriTheBest - 25-07-2016

Trek-Segafredo: «Buon Tour, e Mollema può crescere ancora»
«Nonostante tutto, è stato il mio miglior grande giro»

Nonostante la scivolata dal secondo all'undicesimo posto assoluto,e il sogno di salire sul podio finale andato in frantumi nella tappa numero 19, Bauke Mollema e la Trek Segafredo chiudono il Tour de France con molti aspetti positivi.

«Il Tour nel complesso è stato buono - spiega Mollema -, la squadra mi ha supportato in maniera pereftta e fino a venerdì le cose andavano benissimo. Ma sappiamo che la sfortuna fa parte del mostro sport e così è stato per me. L'undicesimo posto è il mio peggior piazzamento al Tour, eppure questo è stato il mio miglior grande giri. Perché sono andato forte e perché ci sono stati momenti esaltanti, come quello della corno che non dimenticherò mai».

Da parte sua il tecnico Kim Andersen aggiunge: «Se guardassimo solo il piazzamento di Bauke dovremmo essere delusi, ma non è così. Abbiamo corso meglio rispetto allo scorso anno quando finì settimo, la squadra è stata molto più protagonista e Mollema avrebbe meritato di finire sul podio. Non abbiamo raggiunto gli obiettivi della top ten e della vittoria di tappa, ma abbiamo portato alla ribalta due giovani interessanti come Jasper Stuyven e Edward Theuns e abbiamo vissuto giornate straordinarie che ci indicano la strada da seguire per il futuro. Quanto a Bauke penso che possa imparare molto da questo Tour: ha solo 29 anni, è arrivato tardi al ciclismo e ha ancora grandi margini di miglioramento».

tuttobiciweb.it