Il Nuovo Ciclismo
Caschi, il futuro è... di cartone! - Versione stampabile

+- Il Nuovo Ciclismo (http://www.ilnuovociclismo.com/forum)
+-- Forum: Ciclismo in Generale (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Ciclismo-in-Generale)
+--- Forum: Garage (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Garage)
+--- Discussione: Caschi, il futuro è... di cartone! (/Thread-Caschi-il-futuro-%C3%A8-di-cartone)



Caschi, il futuro è... di cartone! - SarriTheBest - 24-08-2016

Caschi, il futuro è... di cartone!
Il cartone reciclato come miglior elemento per garantire la sicurezza di chi va in bicicletta. Sembra una scommessa impossibile e, invece, è quanto ha realizzato Anirudha Surabhi, progettista del Royal College of Arts di Londra. Non un semplice prototipo, ma un oggetto che è già entrato in commercio a partire dallo scorso mese di giugno. E i dati sono tutti a favore del casco in cartone.

[Immagine: kranium_1.jpg]

PIU' LEGGERO E PIU' SICURO - I caschi attuali, oltre alla livrea in materiale plastico, garantiscono protezione alla testa grazie ad un rivestimento di Polistirene Espanso. L'idea contenuta nel nuovo caschetto brevettato sotto il nome di "Kranium" è quella di sostituire questo materiale con una struttura in cartone ad incastro che, proprio grazie alla propria struttura, è in grado di garantire una maggior capacità di assorbimento degli urti e, allo stesso tempo, una maggior leggerezza.

I crash test effettuati dimostrano che il casco in cartone assorbe l’urto quattro volte meglio rispetto al casco in polistirene e il suo peso è di appena 70 grammi rispetto ai 200-250 dei caschi più leggeri presenti sul mercato.

Ma non è finita qui: “Le celle del cartone a nido d’ape catturano l’aria che fa da membrana di compressione. La struttura del casco è studiata per assorbire il colpo piegandosi e accartocciandosi. La riduzione di volume assorbe effettivamente l’impatto laddove il polistirene si limita a spezzarsi esaurendo subito la potenzialità di protezione“ spiega Anirudha Surabhi che, come prova della sicurezza del nuovo casco ha riferito che questo ha superato per ben 5 volte di fila il test di prova British Standard riuscendo a dimostrare che quindi, non solo è più sicuro, ma è anche in grado di sopravvivere più a lungo rispetto a un casco tradizionale.

[Immagine: kranium_2.jpg]

IDROREPELLENTE - Gli unici avversari del casco in cartone avrebbero potuto essere l’acqua e il sudore ma la forza innovativa di Kranium sta proprio in questo. Un trattamento con un’agente idrorepellente e la copertura esterna in materiale plastico lo rendono assolutamente resistente all’acqua e permettono di utilizzarlo in qualsiasi condizioni atmosferica.

Riutilizzare il cartone da imballaggi trasformandolo in un casco che, ispirandosi alla struttura della cartilagine del picchio riesce ad essere più sicuro di quanto già sperimentato sino ad ore: il segreto sta proprio nel cartone con una matrice a nido d'ape all'interno che serve come un ammortizzatore naturale grande e capace di assorbire gli impatti a più di 250Gs. Il futuro, insomma, è... di cartone!

Ciclismoweb.net