Il Nuovo Ciclismo
Doha 2016, l'iride non cambia padrone: bis di Peter Sagan! Podio per Cavendish e Boonen, quinto Nizzolo - Versione stampabile

+- Il Nuovo Ciclismo (http://www.ilnuovociclismo.com/forum)
+-- Forum: Generale (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Generale)
+--- Forum: Il Nuovo Ciclismo World (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Il-Nuovo-Ciclismo-World)
+---- Forum: Il Blog (http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Forum-Il-Blog)
+---- Discussione: Doha 2016, l'iride non cambia padrone: bis di Peter Sagan! Podio per Cavendish e Boonen, quinto Nizzolo (/Thread-Doha-2016-l-iride-non-cambia-padrone-bis-di-Peter-Sagan-Podio-per-Cavendish-e-Boonen-quinto-Nizzolo)



Doha 2016, l'iride non cambia padrone: bis di Peter Sagan! Podio per Cavendish e Boonen, quinto Nizzolo - SarriTheBest - 16-10-2016

Mondiali di Doha 2016, l'iride non cambia padrone: bis di Peter Sagan! Podio per Cavendish e Boonen, quinto Giacomo Nizzolo

Peter Sagan, con bandiera slovacca sulle spalle, festeggia la seconda maglia iridata - © BettiniPhoto
Peter Sagan, con bandiera slovacca sulle spalle, festeggia la seconda maglia iridata - © BettiniPhoto


Cambia il metodo, non l'esito. Un fenomenale Peter Sagan è riuscito a riconfermarsi campione del mondo su strada per il secondo anno di fila, dopo il successo di Richmond della passata stagione. Stavolta però è stato sufficiente attendere la volata, nella quale è riuscito a sopravanzare Mark Cavendish e Tom Boonen. Quinto posto per Giacomo Nizzolo, a coronare una corsa ben disputata dalla nazionale italiana.

Un mondiale che, visto il percorso e le prove dei giorni scorsi, si temeva fosse lento e noioso, si è acceso ed è letteralmente scoppiato già a 160 chilometri dalla conclusione. Il tratto in linea nel deserto, innocuo nella prova femminile, è stato decisivo: un fortissimo vento ha fatto sì che si aprissero una moltitudine di ventagli, spezzando il gruppo in almeno sette/otto tronconi. Il Belgio di Tom Boonen, che nei giorni scorsi aveva lanciato il guanto di sfida ai velocisti, è stato padrone della scena, anche se il primo e decisivo ventaglio è stato aperto dalla Gran Bretagna di Mark Cavendish.

Si è così sganciato un gruppetto di venticinque corridori, con all'interno nomi importanti del calibro di Boonen, Cavendish, l'iridato in carica Sagan, Matthews, Terpstra, il campione olimpico Van Avermaet, Kristoff, più quattro italiani: i capitani Giacomo Nizzolo ed Elia Viviani, l'apripista Jacopo Guarnieri e l'esperto Daniele Bennati.

Il gruppetto è riuscito senza troppe difficoltà a resistere al ritorno degli attardati, vista la ottima organizzazione - in primis - dei belgi e la confusione che regnava tra le squadre inseguitrici. Il ritardo, inizialmente di 40 secondi, è salito sempre più velocemente una volta entrati nel circuito dell'isola artificiale di The Pearl: al primo passaggio sul traguardo era di 1'20'', poi - demoralizzati e con il solo John Degenkolb in testa a tirare - è salito sempre più fino agli oltre 5 minuti finali.

Il gruppetto ha viaggiato compatto lungo tutti i sette giri del circuito. Solo nel finale si è rotta la calma, per merito della nazionale olandese: prima con uno scatto, subito bloccato, di Niki Terpstra, e poi, ad un paio di chilometri dall'arrivo, con un tentativo da finisseur del compagno Tom Leezer. La sua azione è durata fino a 300 metri dall'arrivo, chiusa grazie al lavoro del Belgio. A quel punto Jacopo Guarnieri ha lasciato spazio a capitan Giacomo Nizzolo, che, insieme a Tom Boonen ha aperto i giochi lanciando una lunga volata. Alle loro spalle, rapaci, sono presto risaliti Peter Sagan e Mark Cavendish: il primo è passato alla destra di Nizzolo, in un pertugio tra il corridore milanese e le transenne; il secondo verso centro strada. La scelta vincente è stata quella dello slovacco, che ha battuto nettamente Cannonball e si è aggiudicato la seconda maglia iridata consecutiva. Terzo Tom Boonen, per un bronzo da estendere a tutto un Belgio grande protagonista di giornata. Medaglia di legno per Michael Matthews, secondo lo scorso anno. A seguire l'azzurro Giacomo Nizzolo, i norvegesi Alexandre Kristoff ed Edvald Boasson Hagen, il francese William Bonnet, l'olandese Niki Terpstra ed il belga Greg Van Avermaet.



Il video della prova in linea di Doha 2016

a cura di Gilberto Cominetti